Gennaio 23, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Non era la proteina Spike: anche la variante alfa è sfuggita al sistema immunitario

Anche la prima nuova variante di corona si è diffusa meglio perché sfuggita al sistema immunitario. Il meccanismo è abbastanza diverso e non ha nulla a che fare con la proteina spike.

Il primo nuovo tipo di Sars-CoV-2, B.1.1.7 o successivo, alfa, si è diffuso in modo più efficace perché è sfuggito al sistema immunitario umano. Tuttavia, a differenza delle varianti successive di Immunescape, le mutazioni nella proteina spike non erano responsabili di ciò, secondo un rapporto di un team guidato da Lucy J. Thorne dell’University College di Londra. Perché i cambiamenti critici sono diretti non contro gli anticorpi, ma contro un altro componente delle difese dell’organismo. Come scrive ora il gruppo di lavoro su Nature, i cambiamenti cruciali riguardano tre geni che smorzano i segnali di allarme essenziali per la risposta immunitaria innata.

Il gruppo di lavoro ha studiato l’RNA e le proteine ​​prodotte nelle cellule respiratorie quando infettate da alfa e la versione originale del virus. Ha scoperto che Alpha legge i tre geni N, Orf9b e Orf6 in modo più robusto e produce più RNA e proteine ​​corrispondenti. Le proteine ​​risultanti interrompono molte delle vie di segnalazione che una cellula infetta utilizza per rilevare il virus e allertare il sistema immunitario innato. Secondo un comunicato stampa, Thorne ha dichiarato: “Questo consente all’alfa di moltiplicarsi inosservato nelle prime fasi dell’infezione. Pensiamo che ciò aumenterebbe notevolmente le sue possibilità se cadesse nel naso o nei polmoni di qualcun altro”.

L’alfa è la prima variante che prende di mira le risposte immunitarie innate

La proteina codificata da Orf9b interferisce con la segnalazione dal recettore che registra l’RNA virale infiltrato, mentre la proteina N e il prodotto formato da Orf6 interferiscono con le vie di segnalazione attraverso le quali si forma l’interferone. A sua volta, l’interferone mette in allerta le cellule della risposta immunitaria innata e altre cellule del corpo, rendendo difficile la riproduzione dei virus. Lo studio del team di Thorne ha mostrato che le concentrazioni di interferone misurate nella coltura cellulare erano molto inferiori rispetto a tutte le versioni precedenti del virus. Il team sospetta che il virus si moltiplicherà più velocemente se c’è una vera infezione.

READ  I ricercatori di Braunschweig-Helmholtz scoprono gli inibitori della corona | NDR.de - Nachrichten - Bassa Sassonia

Secondo il gruppo di lavoro, Alpha è la prima variante di Immunescape a colpire la risposta immunitaria innata. Questo sistema combatte i virus subito dopo la prima infezione e non deve aver incontrato in precedenza l’agente patogeno perché interagisce con stimoli più generali come un virus a RNA. Inoltre, i cambiamenti critici non influiscono sulla “idoneità” delle proteine ​​- come nelle successive varianti di Immunescape, che sfuggono agli anticorpi attraverso mutazioni nella proteina spike – ma piuttosto sulla quantità di proteine ​​che si formano nella cellula.

Con tali cambiamenti nella regolazione genica, è molto più difficile valutare il significato delle singole mutazioni che con i mattoni reciproci della proteina spike, attraverso i quali l’anticorpo non si adatta. Quindi non è ancora chiaro se l’effetto abbia un ruolo in altre variabili. Tuttavia, alcune mutazioni nei geni N e Orf9b che si verificano in alfa compaiono anche in altre varianti emerse in seguito. Ad esempio, delta e omicron mostrano anche un marcato cambiamento alfa nella sequenza del primer N-proteina, che è probabilmente responsabile della maggiore quantità di proteine. Tuttavia, le proteine ​​spike modificate per queste varianti hanno suggerito che la difesa anticorpale ha svolto un ruolo maggiore nel successo di queste varianti.