Maggio 18, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Non ci sono prove di beneficio negli asintomatici …

/ alfaolga, stock.adobe.com

Colonia – a nome dell’Institute for Quality and Efficiency in Healthcare (IQWiGEsamina se gli anziani asintomatici traggono beneficio dalla determinazione regolare dei livelli di vitamina B12 o vitamina D. Risultato: non vi è alcuna indicazione del beneficio di tale esame.

IQWiG ha affrontato la questione nell’ambito dell’argomento Verifica della medicina. Le ricerche e le relazioni in questo campo si basano sui suggerimenti dei cittadini. Il cittadino che ha avviato il rapporto sospettava che la carenza di vitamina D o vitamina B12 potesse essere la causa di problemi di salute correlati.

Presuppone inoltre che bassi livelli di vitamina D e vitamina B12 siano più comuni nella vecchiaia e siano rilevati più spesso. Ho quindi chiesto se un regolare esame emocromocitometrico negli anziani e, se necessario, un’adeguata sostituzione vitaminica potessero prevenire malattie secondarie.

IQWiG ha incaricato un team di scienziati guidato dall’Università del Danubio di Krems di condurre ricerche e creare un cosiddetto Health Technology Assessment (HTA). Tuttavia, i ricercatori non sono stati in grado di trovare alcuno studio di screening della vitamina B12 o della vitamina D che mappi l’intero continuum di screening, che consiste nel test di screening e in qualsiasi altra diagnosi e intervento che potrebbe derivarne.

Pertanto, gli esperti hanno esaminato gli studi che hanno esaminato la supplementazione di vitamina B12 o vitamina D negli anziani che sono asintomatici e hanno documentato bassi livelli di vitamina.

Il gruppo di lavoro ha trovato due studi clinici randomizzati sulla somministrazione di vitamina B12. Secondo gli scienziati, nessuno dei due ha mostrato alcuna prova che il trattamento di bassi livelli di vitamina B12 negli anziani asintomatici migliora la loro salute.

READ  Questi segnali di pericolo indicano l'aterosclerosi

I ricercatori hanno identificato 33 studi clinici randomizzati con un totale di oltre 60.000 partecipanti sulla sostituzione della vitamina D in caso di livelli noti di vitamina D bassi.

Su questa base, esperti esterni non sono stati in grado di ricavare alcuna indicazione del beneficio del trattamento di bassi livelli di vitamina D, né per la prevenzione di fratture ossee, cadute, diabete, malattie cardiovascolari, infezioni o il verificarsi di eventi avversi.

Gli autori del rapporto HTA sono giunti alla conclusione che lo screening per la vitamina D o la vitamina B12 nelle persone asintomatiche di età superiore ai 50 anni non dovrebbe essere sostenuto, data la mancanza di prove di un beneficio della sostituzione della vitamina nelle persone asintomatiche. Bassi livelli di vitamina D o vitamina B12. © collina / aerzteblatt.de