Febbraio 27, 2024

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Non ci sono lune attorno ai pianeti alieni?

Non ci sono lune attorno ai pianeti alieni?
  1. Home page
  2. Lo sappiamo

Utilizzando un algoritmo informatico, i ricercatori del Max Planck Institute hanno cercato esolune su due pianeti, con risultati inaspettati.

Göttingen – Fino a poco tempo fa si presumeva che i pianeti Kepler-1625b e Kepler-1708b avessero esolune. Proprio come la Terra orbita attorno alla sua luna, le esolune si riferiscono a corpi celesti che orbitano attorno a pianeti al di fuori del nostro sistema solare. I ricercatori dell’Istituto Max Planck per la ricerca sul sistema solare (MPS) di Gottinga e dell’Osservatorio Sonnenberg hanno lavorato insieme per cercare le esolune. Ora condividi il tuo risultati.

Alla ricerca di esolune attorno ai pianeti Kepler-1625b e Kepler-1708b

Nel sistema solare, molti pianeti hanno lune. Ad eccezione di Mercurio e Venere, tutti i pianeti hanno lune che orbitano attorno a loro. Saturno in particolare è il leader nel numero delle sue lune. Sarebbe quindi logico supporre che ciò valga anche per altri sistemi planetari. Finora prove concrete dell’esistenza di lune extrasolari sono state trovate solo sugli esopianeti Kepler-1625b e Kepler-1708b. Una squadra ha ora indagato più in dettaglio.

A differenza degli esopianeti studiati, Giove ha diverse lune. ©UPI Foto/Imago

L’algoritmo informatico Pandora mira a rendere la ricerca più semplice per i ricercatori. L’algoritmo è stato applicato ai dati di misurazione degli esopianeti e ha prodotto risultati abbastanza realistici. “Volevamo confermare la scoperta di esolune attorno a Kepler-1625b e Kepler-1708b”, spiega il medico. “Purtroppo le nostre valutazioni mostrano qualcosa di diverso”, ha detto Rene Heller, l’autore principale dello studio.

L’algoritmo informatico Pandora calcola le possibili curve di luce delle lune

Poiché le lune esterne sono così lontane, non possono essere osservate direttamente con i telescopi. Vengono invece misurate le fluttuazioni nella luminosità delle stelle distanti. Questa è chiamata curva di luce. Quando gli esopianeti passano accanto a una stella, la oscurano per un breve periodo se visti dalla Terra. La stessa cosa può accadere anche in misura minore quando le esolune passano vicino ai loro pianeti. Tuttavia, ciò può essere dimostrato solo per le grandi lune che orbitano attorno al loro pianeta a grande distanza.

Nella ricerca di potenziali lune, sono state calcolate le curve di luce artificiale. L’algoritmo ha quindi confrontato le curve di luce simulate con le curve di luce reali per verificare se fossero corrette. I risultati dello studio non indicano la presenza di lune attorno agli esopianeti esaminati. Invece, mostrano che gli algoritmi di ricerca spesso producono falsi positivi.

Questa volta, i ricercatori non sono stati in grado di scoprire alcuna esoluna. Tuttavia, sono ottimisti. Si prevede che la missione PLATO, un progetto per esplorare gli esopianeti, incontrerà le prime esolune.