Dicembre 2, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Non ancora finito con un decreto: la mobilitazione russa avviene in segreto?

Non ancora finito
La mobilitazione russa avviene in segreto?

Si dice che più di 300.000 soldati siano stati mobilitati in Russia per la guerra in Ucraina. Secondo gli esperti, ci sono diversi segnali di una continua mobilitazione.

Esperti indipendenti vedono come una possibilità una continuazione segreta della mobilitazione per la guerra della Russia in Ucraina. I decreti recentemente firmati dal presidente Vladimir Putin hanno indicato che la mobilitazione parziale non ha raggiunto livelli di truppe sufficienti, contrariamente alle affermazioni russe, secondo un rapporto dell’Istituto per lo studio della guerra (ISW). Ciò è supportato anche dal fatto che Putin non ha ancora firmato un decreto che ponga ufficialmente fine alla mobilitazione annunciata a fine settembre.

Il Cremlino ha annunciato martedì che è stata completata la mobilitazione parziale di 300.000 riservisti per il servizio militare in Ucraina. Secondo Putin, sono stati mobilitati ben 318.000 uomini. Ciò rende superfluo porre fine alla mobilitazione per decreto, ha affermato il portavoce del Cremlino Dmitry Peskov.

Secondo le informazioni ISW, le informazioni russe non sono coerenti con il decreto di Putin di venerdì secondo cui le autorità russe consentono l’ingresso anche ai civili che non sono stati ancora condannati per gravi crimini. Inoltre, si dice che Putin abbia firmato decreti per ampliare l’elenco dei coscritti per includere uomini che prestavano servizio in formazioni di volontari ed eccezioni per il reclutamento di coscritti sostitutivi.

Gli esperti dell’ISW hanno interpretato la possibilità della coscrizione dei prigionieri come un tentativo di prevenire ulteriori tensioni sociali. C’è una grande resistenza tra la popolazione russa al movimento dei civili. Si stima che circa 400.000 uomini abbiano ora lasciato il vasto impero per evitare la coscrizione.

Nonostante le affermazioni del Cremlino secondo cui gli uffici provinciali di sostituzione militare non sono più autorizzati a reclutare riservisti, figure dell’opposizione russa e media online hanno riferito che le autorità si stanno preparando per una seconda ondata di mobilitazione, ad esempio modernizzando i centri di reclutamento e redigendo elenchi di potenziali reclute. Secondo il rapporto, le persone avevano ricevuto bozze di notifica per l’anno successivo.

READ  Notizie Ucraina: Putin "non sarà vivo nel 2023"