Marzo 4, 2024

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Netanyahu interrompe le trattative per un nuovo cessate il fuoco

Netanyahu interrompe le trattative per un nuovo cessate il fuoco
  1. Home page
  2. Politica

Secondo le informazioni ricevute da Israele, i negoziati per un nuovo cessate il fuoco sono giunti a un punto morto. Arrivano spedizioni di aiuti urgenti. Notizie da Israele.

  • Combattimenti feroci Sul bordo Libano: La guerra in Israele continua
  • Attacchi aerei Striscia di Gaza: Israele attacca i siti di Hamas
  • Le informazioni qui trattate sulla guerra in Israele e nella Striscia di Gaza provengono da media locali e internazionali, nonché da agenzie di stampa. Molte delle informazioni non possono essere verificate in modo indipendente. Manteniamo la trasparenza anche in questi casi.

Aggiornato dal 2 dicembre, 15:18: Israele interrompe i negoziati per un nuovo cessate il fuoco in Qatar. Israele ritiene che i negoziati sulla guerra di Gaza siano giunti a un punto morto. L’ufficio del primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu ha affermato che il capo dei servizi segreti esteri israeliani, il Mossad, David Barnea, ha chiesto alla sua squadra negoziale di tornare in Israele. dpa Sabato con. La dichiarazione continuava: “L’organizzazione terroristica Hamas non ha rispettato la sua parte dell’accordo”. Nello specifico, si tratta del rilascio di tutti i bambini e le donne rapiti nella Striscia di Gaza.

Nel frattempo, secondo gli operatori umanitari, nella Striscia di Gaza sono arrivate spedizioni di aiuti urgentemente necessari. La Mezzaluna Rossa palestinese ha affermato che sabato 50 camion carichi di aiuti umanitari hanno attraversato il valico di frontiera di Rafah entrando nella zona costiera chiusa. X (ex Twitter). I camion erano carichi di cibo, acqua, forniture mediche e medicinali.

Guerra in Israele: aspri combattimenti al confine con il Libano

Aggiornamento del 2 dicembre, 13:40: Secondo una fonte informata, una delegazione del servizio segreto israeliano Mossad sta negoziando con i negoziatori del Qatar un altro cessate il fuoco. È quanto riporta l’agenzia di stampa Reuters. I colloqui di Doha hanno riguardato anche il rilascio di ulteriori ostaggi, che non dovrebbero essere solo donne e bambini, come avveniva in precedenza.

Nel frattempo, il presidente turco Recep Tayyip Erdogan ritiene che l’opportunità di pace a Gaza andrà perduta una volta terminato il cessate il fuoco. Ritiene Israele responsabile di questo. Erdogan ha detto ai media turchi: “C’era un’opportunità per la pace qui, e sfortunatamente abbiamo perso questa opportunità in questo momento a causa delle azioni estreme di Israele”. Ma non ha perso la speranza in una pace duratura.

Guerra d’Israele: aspri combattimenti al confine con il Libano

Aggiornato dal 2 dicembre alle 11:50: Nuovi bombardamenti al confine tra Libano e Israele. Sabato pomeriggio l’esercito israeliano ha annunciato di aver registrato il lancio di due colpi di mortaio verso il territorio israeliano nel nord. Pertanto, i proiettili di mortaio sono caduti in terreno aperto.

In risposta, l’esercito ha attaccato il sito di lancio dei missili e ha sparato con l’artiglieria in diverse località del Libano. Il gruppo Hezbollah in Libano, sostenuto dall’Iran, ha dichiarato di aver attaccato questa mattina un bunker di artiglieria nella zona di confine con missili.

L’attacco israeliano al villaggio di Kafr Kila al confine con Israele. (Foto d’archivio) © Hussein Malla / Agenzia di stampa tedesca

L’esercito israeliano attacca il porto di Khan Yunis

Aggiornato dal 2 dicembre, 10:45: Unità navali israeliane hanno attaccato obiettivi militari di Hamas nel porto di Khan Yunis e Deir al-Balah, nel sud della Striscia di Gaza, con munizioni di precisione durante la notte. Le infrastrutture e l’equipaggiamento delle forze navali di Hamas sono state distrutte. Per settimane Israele ha esortato i residenti della Striscia di Gaza settentrionale a fuggire nella parte meridionale per la loro sicurezza.

Venerdì, l’esercito israeliano ha pubblicato una mappa della popolazione civile dividendo l’area in zone numerate – “in preparazione alla prossima fase della guerra”. Ciò dovrebbe consentire ai residenti di “orientarsi, comprendere le istruzioni e, se necessario, mettersi in salvo da determinati luoghi”. Tuttavia, i violenti attacchi lanciati sabato dall’esercito israeliano sollevano rinnovate preoccupazioni per le vittime civili.

Israele bombarda più di 400 obiettivi nella Striscia di Gaza

Aggiornato dal 2 dicembre, 9:35: Dalla fine del cessate il fuoco nella guerra con il movimento estremista islamico Hamas, l’esercito israeliano afferma di aver attaccato più di 400 obiettivi nella Striscia di Gaza. Sabato mattina l’esercito ha annunciato che alle operazioni avrebbero partecipato forze aeree, terrestri e navali. Tra le altre cose, gli aerei da guerra hanno bombardato più di 50 obiettivi nell’area circostante la città di Khan Yunis, nei territori palestinesi meridionali.

Secondo Hamas, 240 persone sono state uccise nella Striscia di Gaza da quando sono ripresi i combattimenti venerdì. Israele e Hamas si scambiano accuse per non aver prolungato il cessate il fuoco. Secondo il segretario di Stato americano Anthony Blinken, Stati Uniti, Egitto e Qatar stanno lavorando per mediare un nuovo cessate il fuoco.

La guerra israeliana: l’esercito continua i suoi attacchi contro Hamas

Aggiornato dal 2 dicembre, 6:30: Sabato (2 dicembre) l’esercito israeliano ha continuato i suoi attacchi contro l’organizzazione estremista islamica palestinese Hamas nella Striscia di Gaza. “Stiamo attualmente bombardando obiettivi militari di Hamas in tutta la Striscia di Gaza”, ha detto questa mattina presto il portavoce militare israeliano Jonathan Conricus.

A causa dei rinnovati bombardamenti, nubi di fumo grigio si sono alzate nel cielo della Striscia di Gaza. Secondo il Ministero della Sanità guidato da Hamas, quasi 200 persone sono state uccise a Gaza da quando sono ripresi i combattimenti. Le informazioni non possono essere verificate in modo indipendente.

Israele è sotto il fuoco del Libano

Aggiornamento del 1 dicembre, 22:53: Ci sono allarmi missilistici anche nel nord di Israele. Secondo i media israeliani i bombardamenti continuano dal Libano. Mentre l’esercito israeliano continua le sue operazioni nella Striscia di Gaza, il governo degli Stati Uniti chiede che gli aiuti possano nuovamente entrare nella Striscia di Gaza. Si sta inoltre cercando di raggiungere un altro cessate il fuoco per liberare altri ostaggi di Hamas.

Aggiornamento del 1 dicembre, 21:43: Hamas attacca nuovamente Tel Aviv nella guerra israeliana. Secondo le informazioni, si trovava nel mezzo della città costiera dpa Venerdì si sono sentite esplosioni silenziose in lontananza. L’esercito israeliano ha annunciato di aver precedentemente diramato un allarme aereo sulla città. Le sirene hanno suonato anche negli insediamenti israeliani in Cisgiordania.

Israele annuncia la morte di un altro ostaggio rapito da Hamas

Aggiornamento del 1 dicembre, 19:52: I media israeliani hanno riferito che un altro ostaggio è stato ucciso. Della sua morte è stata informata la famiglia di Guy Illouz (26 anni), di Tel Aviv, rapito da Hamas mentre partecipava ad una festa Ra’im.

Il nord di Israele è attualmente sotto attacco missilistico. Le sirene suonavano nelle città di Hila, Al-Husn, Kfarvardim e Ma’alot-Tarshiha. Dietro l’attacco, che potrebbe provenire dal vicino Libano, ci sarebbe l’organizzazione terroristica islamica Hezbollah.

Altri ostaggi morirono nella guerra d’Israele

Aggiornamento del 1 dicembre, ore 18:10: Secondo i media israeliani, tre ostaggi tenuti prigionieri da Hamas sono stati confermati morti. Si dice che le vittime siano residenti del Kibbutz Nir Oz. Secondo le informazioni ricevute dall’accordo, si dice che il portavoce dell’accordo I tempi di Israele E il Haaretz Morte confermata. L’esercito israeliano non ha ancora commentato queste notizie. Le vittime sarebbero le seguenti persone:

  • Aryeh Zelmanovich: Con 85 anni è la persona più anziana tra i 240 ostaggi di Hamas.
  • Maya Goren: maestra d’asilo di 56 anni.
  • Ronen Engel: un padre di 54 anni le cui due figlie e la moglie sono state rilasciate dagli ostaggi di Hamas all’inizio della settimana.

Aerei da guerra israeliani hanno effettuato attacchi contro le posizioni di Hamas nella Striscia di Gaza

Aggiornamento dal 1 dicembre, ore 17:30: Anche l’aeronautica israeliana ha ripreso gli attacchi contro le posizioni di Hamas nella Striscia di Gaza. Lo ha confermato il ministro della Difesa israeliano Yoav Galant. Gallant ha detto di aver assistito personalmente agli attacchi dalla cabina di pilotaggio di un elicottero, secondo il portale di notizie I tempi di Israele.

Anche il ministro della Difesa del governo del primo ministro Benjamin Netanyahu ha sottolineato la determinazione del suo Paese nella guerra contro Hamas. Le operazioni continueranno finché le strutture delle milizie terroristiche non saranno distrutte.

Israel News: tutti gli sviluppi attuali della guerra in Israele

Primo rapporto dal 1 dicembre 2023: Tel Aviv/Gerusalemme – La milizia terroristica di Hamas ha lanciato ancora una volta un attacco missilistico su larga scala nel sud del paese nell’ambito della guerra con Israele. In totale, si dice che più di 50 razzi siano stati lanciati contro gli insediamenti israeliani nel sud del paese. Lo ha riferito tramite Twitter (X) il ministero della Difesa israeliano. Si dice che il centro del paese sia stato oggetto di attacchi missilistici venerdì pomeriggio.

L’esercito israeliano ha risposto all’attacco di Hamas dalla Striscia di Gaza con numerose operazioni contro le posizioni delle milizie terroristiche nella Striscia di Gaza. Venerdì mattina sono stati colpiti “più di 200 obiettivi terroristici”. L’esercito israeliano ha affermato, secondo l’agenzia di stampa israeliana, “nelle ultime ore, forze di terra, aeree e navali hanno attaccato obiettivi terroristici nel nord e nel sud della Striscia di Gaza, comprese Khan Yunis e Rafah”. dpa con. I tunnel di Hamas e le piattaforme di lancio dei razzi sono stati distrutti.

Israel News: Violenti scontri tra esercito e Hamas

I feroci combattimenti tra l’esercito e Hamas significano la netta fine del cessate il fuoco nella guerra israeliana. I cannoni tacquero per una settimana. Durante questo periodo, la milizia terroristica ha rilasciato alcuni ostaggi rapiti in Israele durante l’attacco del 7 ottobre. L’esercito israeliano ritiene che ci siano ancora circa 140 ostaggi nella Striscia di Gaza. Non si sa dove si trovino le persone rapite e si dice che alcuni di loro siano sconosciuti ad Hamas.

La leadership militare israeliana si è incontrata venerdì pomeriggio a Tel Aviv per discutere come procedere nella guerra israeliana. L’esercito israeliano ha affermato in un breve comunicato che ora siamo “all’inizio della seconda fase della guerra”. I media israeliani danno per scontato che l’esercito espanderà la sua offensiva di terra nella Striscia di Gaza, a sud.

Le vittime della guerra in Israele continuano ad aumentare

Israele e il movimento estremista islamico Hamas sono in guerra da quasi otto settimane. Ciò è iniziato con l’attacco terroristico lanciato da Hamas e dalle sue organizzazioni alleate contro Israele il 7 ottobre 2023. Gli osservatori internazionali ritengono che da allora siano morte più di 16.000 persone nei combattimenti. (parlare con i materiali dell’agenzia)