Maggio 24, 2024

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Ne vedremo altri nel 2023?

Ne vedremo altri nel 2023?

di Patrick Klaptz

A partire dal 09 maggio 2023 alle 12:46

Uno spettacolo astronomico colorato nel cielo è raro in Germania. Tuttavia, nel 2023 siamo stati in grado di avvistare alcune aurore boreali, anche sopra la Germania centrale. Qualche possibilità di vedere presto altre aurore boreali? Come si forma l’aurora boreale? MDR WISSEN ha parlato con gli esperti. Inoltre, l’autore ti accompagna in un viaggio personale alla caccia di Twilight.

Luci colorate, a volte verdi, a volte viola, danzano nel cielo. Una scena che sembra provenire dalla fantasia di un abile narratore. Ma l’aurora boreale è solo una favola. Sono anche chiamate aurora boreale o aurora boreale nell’emisfero settentrionale e aurora boreale o aurora boreale nell’emisfero meridionale.

Si verificano principalmente nelle regioni polari e sono quindi più spesso osservati in Finlandia, Norvegia, Islanda e Canada, ma anche in Alaska e Antartide. Tuttavia, nel 2023 saremo anche fortunati con l’aurora boreale. Nell’anteprima astronomica di quest’anno, abbiamo parlato con il direttore del Planetario di Halle di recente apertura, Dirk Schlesier, sui momenti salienti dell’anno. E anche allora aveva predetto l’aurora boreale – ovviamente con riserve: “Forse ci sono anche le aurore boreali – non voglio contarle perché si osservano raramente nella Germania centrale”.

Schlesier aveva ragione. All’inizio dell’anno c’erano le prime aurore boreali sulla Germania. Con la Finlandia e Co, cioè i luoghi in cui si vedono spesso le aurore boreali, così a nord, la Germania settentrionale è stata ovviamente la prima a sfruttare questo spettacolo astronomico. Ma anche nella Germania centrale c’erano una o due luci danzanti nel cielo notturno ad aprile.

Da dove viene l’aurora boreale?

Probabilmente conosci una serie di foto di fenomeni colorati e quasi trasparenti. Danzano nel cielo come nuvole di fumo o soffiano come sabbia sulle dune. Ma nella vita reale, sembra un po’ diverso rispetto ai video time-lapse, spiega Peter Dormann quando gli viene chiesto da MDR WISSEN. È il direttore dell’istruzione e dei media per l’Halle Planetarium.

“Le luci si muovono un po’ più lentamente. A volte fluttuano nel cielo come un sipario. Ma sono sempre diverse. Di recente è stato visto un nuovo fenomeno dell’aurora boreale. Sembra più circolare e si chiama ‘stagnante’. Sfortunatamente, io riuscito a scappare”, ha detto Dorman attraverso i videoclip.

I dati personali possono essere trasferiti con questo contenuto di YouTube. Ulteriori informazioni e impostazioni sono disponibili nella dichiarazione sulla protezione dei dati.

scaricamento …

Dobbiamo ringraziare il nostro sole per quello che è successo lì. La attacca sempre. A volte una di queste tempeste solari erutta e precipita nello spazio. Queste tempeste sono molto più grandi della nostra piccola Terra. Ma anche l’universo è grande e una tale tempesta solare può sparare in tutte le direzioni.

In un’intervista con MDR WISSEN, Volker Bottmer, uno dei maggiori esperti mondiali di energia solare, ha affermato che 50 tempeste su 10.000 raggiungono la Terra. È fisico solare e professore all’Istituto di astrofisica e geofisica dell’Università Georg August di Göttingen.


Rappresentazione artistica della navicella spaziale Parker Solar Probe della NASA che vola attraverso la corona del sole. La piccola astronave si trova nell’angolo in alto a destra dell’immagine. In basso a sinistra, il sole occupa metà dell’immagine e risplende di colore giallo-arancio. È circondato da una griglia rosso-arancio che rappresenta la superficie di Alfvén: la regione in cui la materia solare si trasforma nel vento solare.
Copyright: Joy Ng, Goddard Space Flight Center della NASA

Collabora anche con la NASA alla missione Parker Solar Probe. Con questo veicolo spaziale, il team di ricerca vuole saperne di più sul Sole, in particolare sulla corona, lo strato più esterno dell’atmosfera.

Perché vedremo più aurore boreali nel 2023?

Quando un fronte di tempesta stellare colpisce la Terra, può verificarsi l’aurora boreale. Alle nostre latitudini, di solito non se ne nota molto. Quest’anno è diverso. Perché le attività sul sole sono attualmente in aumento. “I telescopi dotati di pellicola per eclissi ci mostrano macchie sul nostro sole: macchie solari”, spiega Dirk Schlesier. Questi sono apparsi con forza e frequentemente sulla superficie del Sole all’inizio dell’anno 2022.

Non è cambiato quest’anno e “ogni volta che vedi molte macchie solari sulla nostra stella, sai: le cose stanno davvero accadendo là fuori. E in questo momento siamo in un boom dell’attività solare”, ha detto Schlesier. Volker Bothmer ci ha già assicurato che l’attività solare è attualmente in aumento. Questo è qualcosa fuori dall’ordinario.


… Il sole perde più di 4.000.000 di tonnellate di massa. Converte la materia in radiazione e quindi emette massa. Poiché la massa del Sole è 330.000 volte maggiore di quella della Terra e la sua larghezza è di 1,4 milioni di km, la perdita non è così grande. La massa persa al secondo è lo 0,00000000000000000002% della massa totale del Sole.
Credito immagine: Colourbox.de

Il ciclo solare dura circa undici anni e c’è uno spostamento dei poli, anch’esso naturale. Tuttavia, è difficile fare previsioni accurate”, ma la linea di fondo [der Sonnenaktivitäten] L’abbiamo avuto intorno al 2020, e poi ci vogliono sempre due o tre anni fino al primo massimo”, spiega Botmer. Inoltre, non c’è “nessun picco nella frequenza delle macchie solari, ma praticamente una fase massima” che dura da due a tre anni. Anni. .

Poiché l’attività solare è attualmente molto forte, è molto probabile che potremo vedere più luci dell’aurora anche in estate.

Peter Dormann, direttore dell’istruzione e dei media presso il Planetario di Halle

Siamo esattamente a questo punto in questo momento. Il Sole ha più macchie solari, ha detto Dorman, motivo per cui “sta lanciando più plasma nello spazio ora”. Ciò aumenta la possibilità di essere esposti più spesso al plasma solare e quindi di vedere più aurore boreali alle nostre latitudini.

Dai la caccia all’aurora boreale

In alcuni luoghi puoi persino prenotare tour con i cacciatori dell’aurora boreale. Anch’io una volta ho fatto un viaggio del genere in Islanda. La sera sono salito su un autobus turistico con un gruppo di sconosciuti della capitale balneare, Reykjavík. Era marzo e stava diventando sempre più buio e più fresco. Avevo già perso la mia giacca invernale. rubato? Perduto? Non lo so. Quindi faceva freddo. Ma non volevo perdermi l’aurora boreale e almeno avevo abbastanza giacche e magliette con me. Ecco come appaiono le cipolle.


Spirale dell’aurora boreale sopra Sandvika, in Alaska.
Credito immagine: dpa

E l’autobus era caldo. All’inizio eravamo su un’autostrada e più ci allontanavamo dalla città, più si faceva buio. Quindi l’autista dell’autobus ha seguito le strade tortuose che si sono fatte sempre più strette. Abbiamo parcheggiato in un parcheggio remoto. E se l’autobus non fosse lì con le luci accese, sarebbe davvero nero.

I miei occhi si adattarono lentamente all’oscurità. Ma il cielo è rimasto nero. Ma sempre più stelle apparivano nel cielo. Le guide turistiche chiamavano avanti e indietro freneticamente. Dopo mezz’ora o tre quarti d’ora ci hanno detto che probabilmente non ci sarebbe stata più l’aurora boreale in questo posto. Ma avevano un altro posto e la ricerca di luci colorate continuò. È stato frustrante ed eccitante allo stesso tempo.


In occasioni molto rare, un’onda gravitazionale che sale nell’atmosfera può essere filtrata e piegata per andare avanti e indietro tra la menopausa e uno strato di inversione che si forma a intermittenza sotto la menopausa. La mesopausa e l’intrasfera sono più fredde degli altri strati dell’atmosfera. Nel canale d’onda formatosi tra questi due strati, le onde gravitazionali provenienti dal basso possono percorrere grandi distanze senza essere indebolite. Le emissioni simili a dune dell’aurora vengono create quando il vento solare carica gli atomi di ossigeno che fluiscono attraverso il canale.
Credito immagine: Jani Narhi

Il posto successivo era ancora più isolato e buio. Ed entrambi sono rimasti. Anche qui non ci sono aurore boreali. Ma le guide di viaggio avevano un altro posto sulla loro mappa e ci siamo andati su una strada meno asfaltata. Il nostro autobus sembrava più largo del fuoristrada. Non c’era segno di vita da nessuna parte e quel poco che si vedeva sembrava una palude.

Poi arriviamo a una vecchia casa vichinga, una locanda dove possiamo riscaldarci. Fuori, l’inseguimento al crepuscolo continuava. Si stava facendo buio, ma a pochi chilometri di distanza c’era un piccolo villaggio poco illuminato. Ma anche quella luce significava che la notte non era buia come la pece. E nel cielo? Là le stelle brillano luminose e luminose. Uno spettacolo bello e raro per i cittadini. L’unica cosa che non potevo vedere quella notte era l’aurora boreale.

Previsioni: canali meteorologici per l’aurora boreale

Non importa se durante le mie visite in Islanda o in Finlandia o durante il mio periodo nel freddo inverno canadese: non ho mai visto l’aurora boreale. La loro scoperta rimane un colpo di fortuna. Il periodo tra l’inizio di settembre e la metà di aprile è particolarmente adatto a questo, ma non c’è garanzia. Dorman spiega che questo ha a che fare con la quantità di plasma solare che viene sparato nello spazio e colpisce effettivamente la nostra atmosfera. Poiché le notti sono più lunghe in inverno, anche la possibilità di avvistare un’aurora è maggiore.

Sfortunatamente, finché c’è luce, non puoi vedere l’aurora boreale, anche se ci sono.

Peter Dormann, direttore dell’istruzione e dei media presso il Planetario di Halle

Dorman consiglia inoltre di controllare l’App Store e “controllare un’app o due. Alcuni di loro ti consentono di attivare le notifiche se c’è la possibilità che guarderai”.


Aurora boreale sulla Finlandia.
Copyright dell’immagine: Colourbox

Formazione dell’aurora: cosa succede esattamente quando una tempesta solare colpisce la Terra?

C’è una cosa che non abbiamo ancora capito. Le particelle del sole raggiungono la Terra, ma come creano esattamente l’aurora boreale? Quando il plasma viene lanciato verso la Terra e colpito durante un brillamento solare, Dorman afferma che si possono formare aurore, aggiungendo: “Negli strati superiori dell’atmosfera, queste particelle cariche interagiscono ed eccitano diversi elementi”.

Tuttavia, secondo il ricercatore solare Bothmer, le particelle espulse “non si limitano a volare via dall’atmosfera terrestre, perché sono protette dal campo magnetico terrestre”. Pertanto, tali tempeste stellari non rappresentano un pericolo reale. Con venti solari più forti, il campo magnetico può essere compresso sul lato della Terra rivolto verso il sole. Questa regione è chiamata coda magnetica terrestre.

“Come con il Sole, questo cortocircuito magnetico crea campi elettrici che accelerano gli elettroni originari dell’atmosfera terrestre”, spiega Botmer. Dorman aggiunge: “Quando le particelle tornano a un livello di energia inferiore, emettono luce, che può essere vista come un’aurora. A seconda dell’altitudine e con quale particella interagisce il plasma, vengono prodotti colori diversi”.

Le particelle elementari con cui il plasma interagisce nell’alta atmosfera terrestre sono responsabili del colore dell’aurora. Quando il plasma incontra molecole di ossigeno, nel cielo possono apparire aurore verdastre. A livelli più alti, l’ossigeno può anche produrre aurore rosse. Tuttavia, l’azoto può anche produrre aurore boreali dal rosso al viola, descrive Dorman.

I colori misti possono anche verificarsi se diverse particelle interagiscono con il plasma solare. E potremmo ancora vedere qualche variazione, perché gli esperti stimano che la massima attività solare è prevista per il 2024. E se non vediamo l’aurora boreale in estate, potremmo avere più fortuna nei mesi più bui.

Questo argomento nel programma:MDR SACHSEN – Radio Sachsenradio | 24 aprile 2023 | 9:30 del mattino