Maggio 19, 2024

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Naufragio: decine di migranti annegano in Italia | punti focali

Naufragio: decine di migranti annegano in Italia |  punti focali

Navi affondate, soccorritori che trasportano un corpo a terra, sopravvissuti avvolti in coperte a terra: le foto mostrano l’entità del disastro della barca nel sud Italia. Almeno 43 corpi sono stati ritrovati ieri dopo che una barca si è arenata in mare in tempesta a pochi metri dalla costa a Steccato di Cutro, in provincia di Crotone in Calabria, secondo la Guardia costiera italiana.

Ieri pomeriggio, secondo l’agenzia di stampa italiana Ansa, il bilancio delle vittime è salito a 59. Secondo la guardia costiera, 80 persone sono state salvate vive. Si diceva che alcuni di loro avessero raggiunto la riva con le proprie forze dopo il naufragio.

Contenuti editoriali suggeriti

A questo punto forniamo ulteriori informazioni esterne sull’articolo. Puoi mostrarli e nasconderli di nuovo con un solo clic.

Se visualizzi contenuti esterni, accetti che i dati personali possano essere trasmessi a piattaforme di terze parti.
Ulteriori informazioni in merito sono disponibili nella nostra informativa sulla protezione dei dati.

Si prevede che il bilancio delle vittime aumenterà poiché più persone potrebbero essere state a bordo. Alcuni dei sopravvissuti ne hanno messi a bordo almeno 250, altri 180, ha detto l’Ansa. Al contrario, la Guardia Costiera ha scritto che a bordo c’erano “circa 120 migranti”. Secondo l’Ansa sarebbero morte diverse donne e bambini, tra cui un neonato di pochi mesi e due gemelli di pochi anni. Dopo aver recitato l’Angelus in piazza San Pietro a Roma, Papa Francesco ha detto che avrebbe pregato per le vittime, i dispersi ei sopravvissuti.

Contenuti editoriali suggeriti

A questo punto forniamo ulteriori informazioni esterne sull’articolo. Puoi mostrarli e nasconderli di nuovo con un solo clic.

Se visualizzi contenuti esterni, accetti che i dati personali possano essere trasmessi a piattaforme di terze parti.
Ulteriori informazioni in merito sono disponibili nella nostra informativa sulla protezione dei dati.

Morto sulla spiaggia

Secondo il quotidiano “La Repubblica”, gli immigrati provengono principalmente da Iran, Pakistan e Afghanistan. L’Ansa ha detto che il rapitore, ritenuto turco, è stato arrestato. Inizialmente non si sapeva dove viaggiassero le persone. Secondo Anza la barca dell’incidente era un peschereccio, ma la guardia di finanza italiana ha parlato di una barca di legno tipo caicco. Si riferisce spesso a un motoaliante a due alberi. Il luogo dell’incidente di Steccato di Cutro è una località balneare nel comune di Cutro, nel quarto della penisola italiana.

Le organizzazioni umanitarie sono rimaste scioccate. “Il motivo per cui dobbiamo subire tragedie così evitabili ancora e ancora è inaccettabile e incomprensibile per gli esseri umani. È un pugno nello stomaco”, ha scritto su Twitter Sergio Di Dato, project manager di MSF. Mentre gli operatori umanitari chiedono canali legali di ingresso e più soccorsi statali in mare, il governo italiano di destra sta cercando di ridurre il numero di migranti tanto quanto possibile.

Maloney fa appello ai Paesi di partenza e di origine

Il primo ministro Georgia Maloney è rimasto scioccato dall’incidente. “È un delitto inviare una barca di 20 metri con ben 200 persone quando le previsioni del tempo sono pessime”, ha scritto.Il suo governo sta cercando di impedire la partenza di simili imbarcazioni.Chiede massima disponibilità alla collaborazione da parte di paesi di partenza e di origine.

Il suo ministro dell’Interno, Matteo Piandosi, ha rilasciato una dichiarazione simile. “Questa tremenda tragedia mostra quanto sia assolutamente necessario reprimere le reti di immigrazione irregolare gestite da contrabbandieri senza scrupoli”, ha scritto.

La presidente della Commissione Ue Ursula von der Leyen ha espresso su Twitter il suo profondo dolore per l’incidente in barca e ha parlato della tragedia della morte di migranti innocenti. Ha invitato tutte le parti interessate a compiere ulteriori sforzi per migliorare la politica dell’UE in materia di immigrazione.

Ogni anno, migliaia di migranti tentano di attraversare il Mar Mediterraneo per raggiungere l’Italia e l’Europa, spesso su imbarcazioni insicure. Partono principalmente dalla Libia o dalla Tunisia, ma anche dalla Grecia o dalla Turchia. Secondo l’Organizzazione internazionale per le migrazioni (IOM), più di 25.000 persone sono morte nel tentativo di attraversare il Mediterraneo verso l’Europa da quando sono iniziate le registrazioni nel 2014.

Ricordi di un grave incidente in barca nel 2015

Nell’aprile 2015, tra le 800 e le 900 persone sono morte sulla costa libica in uno dei peggiori disastri di profughi. Quando un’altra nave venne in soccorso, i suoi occupanti furono presi dal panico e la nave a pieno carico affondò. Il relitto è stato recuperato dal fondale, e alla fine del 2016 un peschereccio a Catania (Sicilia) è stato condannato a 18 anni di reclusione.

Secondo il ministero dell’Interno italiano, quest’anno 13.067 migranti sono entrati nel Paese via mare fino a giovedì, più del doppio rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso (5.273).

L’ordine del governo Maloney, che è diventato legge quando è passato al Senato la scorsa settimana, rende il lavoro dei soccorritori marittimi cittadini molto più difficile. Quindi ora devono recarsi in un porto italiano dopo la prima operazione di salvataggio invece di fare più salvataggi. Inoltre, sono spesso assegnati a porti del Mediterraneo centrale lontani dalla loro area operativa, il che significa che sono in viaggio per giorni. Tuttavia, solo una piccola parte dei migranti arriva in Italia con navi di soccorso come “Ocean Viking” o “Geo Parents”. La maggior parte raggiunge il continente italiano e le isole senza assistenza esterna.