Luglio 4, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Natale in Libano: nessun festival della speranza


reportage

Stato: 24/12/2021 3:28 AM

Natale in Libano: molti cristiani devono rinunciare a regali, pasticcini e altre tradizioni. Il Paese soffre da due anni una crisi economica saldamente in pugno. Non c’è più fiducia.

Scritto da Anne Almeling, ARD Studio Cairo

Aggiungete velocemente un pizzico di sale nell’insalatiera e il piatto è pronto. Hoda Maalouf, cucinata tutta la mattina. Deve sfamare undici persone, con ingredienti che costano il meno possibile. Perché i prezzi in Libano aumentano ogni giorno.

Anne Almeling
ARD-Studio Cairo

Maalouf ha bisogno di almeno tre milioni di sterline libanesi al mese per il cibo, che equivalgono a circa 1758 euro. (Ala: 23.12.2021). Tanti soldi, non solo per loro: “Noi libanesi non sappiamo vivere”.

Torna all’appartamento della madre

Maalouf mette una grande pentola di riso sul tavolino del soggiorno, così come una ciotola di plastica con piccoli pezzi di patate in salsa di pomodoro. Per risparmiare, la cinquantenne è tornata nell’appartamento della madre con il marito e i cinque figli.

Sua sorella e le sue due figlie vivono lì da molto tempo. Undici ora condivide tre piccole stanze. Tuttavia, non ci sono abbastanza soldi nemmeno per Natale per la carne o anche per una piccola macchinina. Il figlio più giovane di Maalouf l’ha scritto nella sua lista dei desideri.

Ma non ci saranno regali. Hanno appena messo un vecchio albero, così i bambini sanno che è Natale. Tutto il resto che avrebbero fatto prima per Natale, non lo fanno più.

READ  Ucraina- Notizie +++ Il Ministero degli Affari Esteri ucraino prende le distanze dalla dichiarazione di Melnik +++

Autovalutazione pessimistica

La maggior parte delle persone in Libano sono come Maalouf e la sua famiglia. Secondo un sondaggio Gallup, più della metà dei libanesi descrive le proprie condizioni di vita come “estremamente difficili”.

Il Paese sta attraversando da due anni una grave crisi economica e finanziaria. La sterlina libanese è in caduta libera e molte persone hanno perso il lavoro. Il marito di Maalouf lavora come tassista, ma non guadagna nulla, a causa degli alti prezzi della benzina.

Stai cercando di dare speranza ai bambini, dice Maalouf, e digli: “Se Dio vuole, questo tempo passerà”. Ma c’è anche il ricordo della sua infanzia: Maalouf è nata durante la guerra civile. All’epoca, la gente diceva che le cose sarebbero decisamente migliorate in un anno o due. “Ma il momento è ora più difficile di quanto non fosse allora”.

La famiglia trova conforto in chiesa. Una volta al mese ricevono un pacco di cibo lì. Non c’è aiuto dallo stato perché è buono come un fallimento.

La mancanza di elettricità è come la vita quotidiana

Ramez Tomatai prende anche qualche chilo di riso, zucchero o olio ogni poche settimane. Tristezza scritta sul volto di un uomo di 75 anni. Dice che tutti i suoi risparmi sono stati sprecati, e ora non ha “niente, assolutamente niente”.

Tammutai non è stata in grado di pagare le bollette dell’elettricità e dell’acqua per un po’. Non c’è quasi elettricità comunque: a volte due ore, a volte quattro ore al giorno. Solo allora lui e sua moglie possono cucinare qualcosa per la loro figlia di otto anni.

La fila di luci sull’albero di Natale di plastica nel soggiorno quest’anno rimane buia, e fa freddo nell’appartamento di famiglia. Non possono più nemmeno comprare vestiti invernali: sono troppo costosi a causa del forte aumento dei prezzi.

READ  Guerra in Ucraina: il miliardario russo denuncia il “massacro”.

Tamutai prega che nessuno di loro si ammali. È in gran parte solo con la moglie e la figlia Mira: tutti i suoi parenti hanno già lasciato il Libano. Dopo l’intervista, la giovane Mira ha chiesto al giornalista: “Puoi portarmi in Germania, per favore?”