Dicembre 3, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Movimento dei tassi di interesse previsto per luglio: la Banca centrale europea inizia a modificare il tasso di interesse nell’eurozona

Stato: 09.06.2022 19:13

La Banca Centrale Europea ha terminato i suoi acquisti di obbligazioni, un preludio al cambiamento dei tassi di interesse che molti stavano aspettando con impazienza. A luglio vuole aumentare il tasso chiave di 0,25 punti percentuali. È il primo aumento in più di un decennio.

Dopo molti anni di politica monetaria estremamente accomodante, la Banca centrale europea (BCE) interromperà i suoi miliardi di dollari di acquisti netti di obbligazioni il 1° luglio, aprendo la strada al primo rialzo dei tassi nell’eurozona dal 2011. Lo ha deciso il Consiglio direttivo giornata nel suo incontro fuori sede ad Amsterdam, come annunciato dalla Banca Centrale.

Nella prossima riunione di luglio, i tassi di interesse di riferimento saranno aumentati di 25 punti base. “La decisione è stata approvata all’unanimità”, ha affermato Christine Lagarde, presidente della Banca centrale europea. “Abbiamo avuto una discussione molto produttiva”. A settembre, è probabile che gli osservatori valutari europei aumenteranno il loro gioco, anche più che a luglio se l’inflazione rimane elevata. La precondizione per questo è che la previsione interna veda il tasso di inflazione nel 2024 al 2,1 per cento o superiore.

Inizialmente, tuttavia, il tasso di interesse ufficiale chiave – il cosiddetto tasso di rifinanziamento chiave – rimarrà al minimo storico dello zero per cento. Inoltre, le banche devono continuare a pagare un tasso di deposito dello 0,5 per cento per i fondi in essere presso la Banca centrale europea.

È già stata segnalata una variazione dei tassi di interesse

Già a maggio alti funzionari della Banca centrale europea In qualità di rappresentante tedesco più importante nel consiglio di amministrazione della banca centrale, Isabelle Schnabel, ha notato un cambiamento nei tassi di interesse. Anche Lagarde lo ha annunciato il mese scorso I nuovi acquisti di titoli dovrebbero terminare “troppo presto” nel terzo trimestre E in tempi relativamente brevi, l’era dei tassi di interesse chiave negativi dovrebbe essere un ricordo del passato.

READ  La grande censura di Twitter è appena iniziata - RT DE

Nel contesto della crisi finanziaria globale, della crisi del debito sovrano greco e poi della pandemia di Corona, la Banca centrale europea è da anni in modalità di emergenza. La sua politica monetaria estremamente accomodante ha portato a tassi di interesse storicamente zero e miliardi di acquisti di obbligazioni nel 2016.

Dal 2015, la banca centrale acquista titoli di stato e corporate, immettendo enormi somme nel sistema per mantenere a galla l’economia in tempi di crisi e alimentare l’inflazione. La Banca Centrale Europea punta infatti a un tasso di inflazione del 2% come valore ideale per l’economia. Per anni l’inflazione è stata troppo bassa dal punto di vista della banca centrale. Christine Lagarde, presidente della Banca centrale europea, ha descritto lo sviluppo della pandemia di Corona come un fenomeno solo temporaneo.

Un’inflazione record di oltre l’otto per cento

Nel frattempo, il quadro è radicalmente cambiato. L’inflazione nell’Eurozona è stata influenzata dalla guerra in Ucraina e dal conseguente aumento dei prezzi dell’energia Recentemente a un record dell’8,1 per cento. Era quattro volte superiore al prezzo obiettivo di medio termine. Perché anche il cibo e molte delle materie prime, nonché i prodotti primari dell’industria sono diventati molto più costosi.

La Banca centrale europea è in ritardo rispetto a molte altre banche centrali nell’inasprimento della politica monetaria. Negli Stati Uniti e in Gran Bretagna, i tassi di interesse sono stati notevolmente aumentati mesi fa. I critici hanno ripetutamente accusato le autorità monetarie europee di agire troppo lentamente.

READ  Dopo uno scarso regalo: Netz raccoglie una cifra enorme per i dipendenti di Burger King

Poiché l’importante tasso di deposito rimane a meno 0,5 per cento, le banche commerciali dovranno comunque pagare gli interessi di mora se parcheggiano il denaro in eccesso nella BCE. Questo è spesso dato ai clienti bancari come giustificazione per tassi di interesse negativi.

Stringere il ritmo è una questione delicata

Finora, c’è stata poca opposizione alla linea di Lagarde tra i ranghi della BCE. Tuttavia, ci sono discussioni in dettaglio: da un lato, il ritmo dell’inasprimento dei tassi di interesse sembra essere un argomento molto dibattuto nel Comitato per la politica monetaria. I cosiddetti “falchi”, ovvero i fautori di una politica monetaria più restrittiva come il presidente della Banca centrale austriaca Robert Holzmann, chiedono un rapido inasprimento con ulteriori aumenti dei tassi. Le “colombe” più caute preferiscono un percorso “graduale” con passi più piccoli a causa dell’incertezza economica causata dalla guerra in Ucraina. Sui mercati finanziari è attualmente previsto per l’anno in corso un significativo aumento dei tassi di interesse per complessivi 0,5 punti percentuali.

Inoltre, non è chiaro quale tasso punterà la banca centrale. Il fattore determinante è il livello del tasso di interesse “naturale”, un tipo di tasso di interesse neutro rispetto all’inflazione e alla crescita. Per gli Stati Uniti, questo tasso di interesse neutrale è attualmente stimato al 2,5%. È probabile che nell’eurozona sia più basso, in parte perché l’inflazione core è molto più bassa. Anche i banchieri centrali della Banca centrale europea non sono d’accordo su questo punto.

La Banca centrale europea in dilemma

D’altra parte, tassi di interesse più elevati rendono l’euro più attraente per gli investitori, che possono aumentare il suo prezzo e quindi rendere più convenienti le importazioni di materie prime ed energia. D’altra parte, rendono i prestiti più costosi, il che limita i consumi, gli investimenti e quindi la domanda. Secondo la teoria economica, entrambi portano alla riduzione dell’inflazione.

READ  Altrimenti solo da BMW o Mercedes: Mazda CX-60 - più verso un premio

Tuttavia, il presidente della BCE Lagarde ha deluso le speranze di un rapido calo dell’inflazione nell’Eurozona a causa della variazione dei tassi di interesse che è stata ora annunciata. “Ci aspettiamo che il rialzo dei tassi di interesse di luglio abbia un impatto immediato sull’inflazione? La risposta è no”, ha affermato dopo l’incontro di oggi. “Non è un passo, è un viaggio”.

Allo stesso tempo, un’economia già vacillante – che soffre per le conseguenze della pandemia, della guerra russa contro l’Ucraina e della carenza di materiali – rischia di subire un’altra battuta d’arresto. Tassi di interesse più elevati renderanno anche più onerosi i prestiti per i paesi dell’euro, il che probabilmente metterà sotto pressione i bilanci di paesi altamente indebitati come la Grecia e l’Italia in particolare.