Maggio 20, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Moto classica con divertimento assicurato: Kawasaki Z650RS – due ricette per il successo insieme

Bici retrò con la garanzia del divertimento di guida
Kawasaki Z650RS – Due ricette per il successo insieme

Con la Z650RS, Kawasaki sta ampliando la gamma delle sue moto più vecchie e spera in un successo simile a quello della Z900RS. In ogni caso i segnali sono buoni, perché i giapponesi combinano molto abilmente due ricette per il successo ed evocano una motocicletta con garanzia di piacere di guida ed eleganza.

La Kawasaki Z900RS, rilasciata nel 2018, è una figura molto popolare che ha aiutato il marchio giapponese a trovare molti nuovi clienti. E così la moto a quattro cilindri del gruppo “Modern Classics” è entrata ogni anno tra le 50 motociclette più vendute in Germania. Poiché funziona così bene con le grandi RS, Kawasaki sta ora ampliando la sua gamma in questo segmento aggiungendo un 650 realizzato con la stessa ricetta accanto al 900. La versione derivata dalla Kawasaki Z650, che è stata un successo in Germania per anni, presenta solo lievi differenze tecniche, ma visivamente è in stile anni ’70.

Un motore Z650RS è stato trasferito su uno degli Z650. Questo è anche.

(Foto: Kawasaki)

La Z650RS dal design classico colma il divario su Kawasaki. Da un punto di vista tecnico, anche la bici vintage sotto copertura fa tutto ciò che la Z650 ha da offrire. Primo fra tutti il ​​potente bicilindrico in linea da 649 cc. È raffreddato a liquido ed è conforme allo stato dell’arte attuale in ogni dettaglio. Il motore da 68 CV ​​ha da tempo dimostrato la sua durata. Lo sviluppo di potenza – coppia massima di 64 Nm disponibile a 6.700 giri dell’albero motore – è impressionante.

Piacere di guida divertente

La risposta dell’acceleratore è sensibile, motivo per cui non è necessaria la modalità di guida. Non ci sono vibrazioni fastidiose nella vita normale, perché la Z650RS, che viene fornita senza alcun tipo di protezione dal vento, non è fatta per il gas continuo a tutto gas – sono comunque possibili 191 km/h. Aggiornato anche il consumo standard di 4,3 litri per 100 km specificato dal costruttore. In teoria, con il serbatoio da 12 litri si potrebbero risparmiare 200 chilometri prima che la luce di riserva ti ricordi di fermarti per fare benzina. Ragionevolmente, Kawasaki offre anche il modello in una versione a bassa potenza per i titolari di licenza A2. La variante da 48 cavalli è ancora veloce a 176 km/h, ma secondo la scheda tecnica necessita di 0,2 litri di benzina ogni 100 km. Altrimenti non ci sono differenze tecniche.

Kawasaki_Z_650_DSC9008.jpg

La Kawasaki Z650RS è divertente da guidare. E se vuoi sapere, puoi accelerare fino a 190 km / h.

(Foto: Kawasaki)

Guidare la Z650RS è divertente. Grazie alla posizione di seduta molto comoda, tutte le manovre di guida sono molto facili. Una leggera pressione sull’ampio manubrio tubolare è sufficiente per una sterzata precisa e la stabilità in curva non lascia nulla a desiderare in questa classe di veicoli. L’unica cosa che può essere regolata sul telaio è il precarico dell’ammortizzatore nascosto e sdraiato, ma grazie a un design della base ben scelto, il manubrio è sempre comodo. Solo l’ovvio fuoristrada spinge le molle e gli ammortizzatori al limite.

Fedele all’eleganza sotto quasi ogni aspetto

Sebbene l’impianto di scarico posto sotto il motore sia destinato alle caratteristiche di guida, d’altra parte, non è un vero stile. Perché negli anni Settanta e Ottanta non esistevano impianti di insonorizzazione. All’epoca erano popolari sistemi di scarico relativamente piatti con uno o due tubi di scarico. Per quanto riguarda la Z650RS, Kawasaki non ha fatto lo sforzo necessario per apportare una modifica. Secondo il produttore, avrebbe potuto superare il calcolo. Dopotutto, si è deciso di utilizzare le belle ruote in alluminio pressofuso che si rivelano anche essere il modello gemello Z900RS. I cerchi rivelano tutta la loro bellezza solo nella verniciatura oro, destinata esclusivamente alla versione verniciata verde smeraldo. Nelle altre due versioni di colore (nero o grigio/nero), anche i cerchi sono verniciati di nero.

22_Z650RS_GRN_LS.jpg

I cerchi dorati sono eleganti per la Kawasaki Z650RS.

(Foto: Kawasaki)

C’è una differenza significativa tra la versione base e la RS non solo nella posizione di seduta e nella silhouette, ma anche nella parte anteriore dell’auto. Al posto dell’aggressiva visiera anteriore, la RS ha un classico faro rotondo. Sono dotati di led, e quindi sono tecnicamente aggiornati. Questo vale anche per gli indicatori di direzione e le luci posteriori. Ci sono anche differenze nell’hardware. In linea con il resto del modello della bici, la RS ha due orologi rotondi con quadranti deboli e di facile lettura. Il piccolo display LCD al centro mostra tutto ciò che è importante indipendentemente dalla marcia e dal regime del motore. Sono stati montati anche specchietti retrovisori rotondi per adattarsi alla disposizione dell’abitacolo.

A parte l’impianto di scarico, Kawasaki ha cambiato tutto il necessario per rendere la popolarissima Z650 una versione coesa della vecchia scuola con il prestigioso acronimo RS. Se hai circa 8.500€ a tua disposizione e stai cercando una bici classica facile da usare, per tutti i giorni e per tutti gli usi, ora troverai un’offerta anche su Kawasaki.

READ  Rewe, Aldi, Lidl e Co.: La situazione di Corona sta peggiorando - questo cambierà a novembre nei supermercati