Maggio 19, 2024

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Mosca chiede un incontro globale dei fan di Putin

Mosca chiede un incontro globale dei fan di Putin

“Penso che Putin sia più simpatico di Biden”

Un incontro globale di “amanti della Russia” a Mosca: chi sta con Putin?

Il ministro degli Esteri russo Sergey Lavrov parla durante la cerimonia di apertura del “Congresso degli amanti russi internazionali” a Mosca.

“Il Congresso del Movimento Internazionale degli Amanti della Russia” è il nome di un bizzarro incontro che il ministro degli Esteri russo Sergei Lavrov ha aperto martedì con un discorso al Museo Pushkin di Mosca.

Leggi di più dopo l’annuncio

Leggi di più dopo l’annuncio

“Vediamo non solo neonazismo, ma nazismo diretto che sta investendo sempre più paesi europei”, ha detto Lavrov nel suo discorso di apertura. “Vediamo la storia che viene distrutta davanti ai nostri occhi, sacre reliquie che vengono distrutte”.

Vediamo la storia che viene distrutta davanti ai nostri occhi, le sacre reliquie che vengono distrutte.

Sergej Lavrov,

Ministro degli affari esteri della Russia

+++ Puoi leggere le ultime notizie e gli sviluppi sulla guerra in Ucraina nel nostro live blog. +++

Leggi di più dopo l’annuncio

Leggi di più dopo l’annuncio

È stato invitato un gruppo di eminenti celebrità C, che non hanno nascosto la loro simpatia per la Russia sotto Vladimir Putin anche dopo l’inizio della guerra di aggressione contro l’Ucraina.

Per fare una previsione: non era presente l’attore francese Gerard Depardieu, forse l’ultimo big a capire Putin. Poco dopo l’inizio dell’aggressione russa nell’aprile 2022, ha parlato degli “eccessi folli e inaccettabili” del suo ex mecenate e oggi non vuole più toccare questo argomento.

Il presidente del Cremlino Vladimir Putin e l’attore statunitense Steven Seagal (a destra, foto d’archivio).

Ma chi era seduto a Ulitsa Volkhonka 12 martedì? C’era l’attore americano Steven Seagal con un’altezza di 1,93 metri, che un tempo divenne famoso per film come “Red Alert”.

La “russofilia” di Seagal, per usare il soprannome del Congresso, era basata sul lavoro che l’ex attore e cantante in difficoltà ha svolto nel marzo 2013, dove è stato pagato per fare pressioni per l’importazione di armi russe negli Stati Uniti, e nel paese ha promosso in modo aggressivo l’assalto del Kalashnikov fucili.

Sono russofilo al cento per cento e russo al milione per cento.

Steven Seagal

Rappresentante del lavoro

Leggi di più dopo l’annuncio

Leggi di più dopo l’annuncio

Il suo impegno per la Russia è rimasto lo stesso. “Sono rossofilo al cento per cento e russo al milione per cento”, ha detto a Mosca. L’espressione più chiara di ciò è che il 73enne ha da tempo la cittadinanza russa ed è un membro del partito Just Russia, che è vicino a Putin.

Sono qui per promuovere la pace e l’amicizia. E credo che questo conflitto sia stato causato da interessi anglosassoni ”, ha detto a Mosca Pierre de Gaulle secondo gli inglesi. “guardiani”. de Gaulle? Esatto, il francese non porta a caso il nome del celebre presidente e combattente contro la Germania nazista, ma si dice che sia il nipote del generale.

Zelensky promette di liberare Mariupol

Allo stesso tempo, il 45enne ricorda l’attacco aereo russo di un anno fa su un palco della città portuale, all’epoca molto contestato.

De Gaulle afferma di aver istituito la “discriminazione” contro la Russia. Di recente ha dichiarato all’agenzia di stampa russa RIA Novosti: “Più l’Occidente discrimina la Russia, più sento l’unità del popolo russo”.

La famiglia de Gaulle si tiene a distanza

Dichiarazioni che hanno già allontanato la famosa famiglia francese dagli outsider russi: Yves de Gaulle, il fratello maggiore di Pierre, il 24 gennaio ha dichiarato a Le Parisien che le opinioni di suo fratello “non riguardano nessuno tranne lui – non io, non la nostra famiglia e nemmeno il generale .”

Leggi di più dopo l’annuncio

Leggi di più dopo l’annuncio

Penso che Putin sia più gentile di Biden.

Vittoria Aliata de Villafranca,

principessa italiana

Forse l’aspetto più insolito secondo “guardiani” Una donna dai capelli rossi sulla settantina che si presenta come la principessa italiana Vittoria Aliata de Villafranca. “Penso che Putin sia più gentile di Biden”, ha spiegato della sua vicinanza alla Russia, aggiungendo che la sua famiglia era imparentata con i Romanov.

La principessa Vitória Aliata de Villafranca al Congresso Internazionale del Movimento dei Russofili.

Poi scava e dice che in patria ha combattuto contro l’Ordine Segreto Cattolico Opus Dei e la mafia per la restituzione della villa di famiglia a Bagheria.

Russofobia = colonialismo?

In Russofobia vedi una delle “molte versioni del colonialismo” che sarebbero iniziate con gli sbarchi americani in Sicilia durante la seconda guerra mondiale. Ha detto di sentirsi a suo agio a Mosca come “una donna di un villaggio siciliano il cui figlio vuole sposarsi e che teme che i ragazzi europei saranno presto incoraggiati a sposare le mucche…”

Leggi di più dopo l’annuncio

Leggi di più dopo l’annuncio

Potrebbe aver alluso alla narrativa, sempre più ripetuta in Russia, del sacrificio dei tradizionali ruoli di genere in Europa a favore della “sodomia” e di stili di vita anormali.

Ex membro del partito Alternativa per la Germania

Tra i rappresentanti presenti, presumibilmente provenienti da 42 paesi, ci sarebbero stati anche partecipanti tedeschi. T-Online Ho citato: tra loro c’è la blogger russo-tedesca Alina Leib, che è stata in Russia dall’inizio della guerra di aggressione e lì fa una sorta di “copertura stampa”, nonché ex membro del partito Alternativa per la Germania nel Bundestag.