Ottobre 5, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

mondo coperto d’acqua

  1. Pagina iniziale
  2. Conoscenza

creatura:

a: Pamela Doerhofer

I ricercatori dell’Università di Montreal hanno scoperto un pianeta oceanico in un sistema stellare binario a 100 anni luce di distanza.

FRANCOFORTE – Nel film “Interstellar”, il primo pianeta verso il quale si dirige l’astronave “Endurance” alla ricerca di un’alternativa all’ormai inospitale Terra si rivela essere un pianeta oceanico – completamente ricoperto d’acqua. I ricercatori del nostro tempo non devono ancora iniziare a cercare una nuova casa per l’umanità. Tuttavia, osservano intensamente gli esopianeti al di fuori del nostro sistema solare e utilizzano i dati dei moderni telescopi spaziali per questo.

Un team di ricercatori dell’Università di Montreal (Canada) ha ora scoperto un corpo celeste a 100 anni luce di distanza che può avvicinarsi molto all’immaginario pianeta oceanico “interstellare”. Designato TOI-1452 b, orbita attorno a una delle due stelle relativamente piccole in un sistema binario nella costellazione del Draco. Gli scienziati hanno descritto la loro scoperta sulla rivista specializzata “Astronomical Journal”.

È possibile che un esopianeta sia un pianeta oceanico

Sebbene le due stelle siano più piccole del nostro sole, l’esopianeta ricco di acqua è circa il 70 percento più grande della Terra e circa cinque volte e mezzo più massiccio. La cosa più interessante è che TOI-1452 b orbita attorno alla sua stella a una distanza che consente una temperatura sulla sua superficie che non è né troppo calda né troppo fredda per accogliere l’acqua liquida. Quest’ultimo è considerato un prerequisito per la vita. I ricercatori sospettano addirittura che il pianeta sia completamente ricoperto da uno spesso strato d’acqua, che lo rende un pianeta oceanico.

READ  Flora intestinale disturbata: le cause più comuni
Acqua, nient’altro che acqua: potrebbe sembrare qualcosa del genere sulla superficie di TOI 1452b. Università di Montreal © Università di Montreal

TOI-1452 b è stato individuato dal telescopio spaziale Tess dell’Agenzia spaziale statunitense, che scansiona il cielo alla ricerca di sistemi planetari vicini al nostro telescopio. Il segnale del telescopio ha mostrato una leggera diminuzione della luminosità della stella leggermente più grande nella binaria ogni undici giorni. Una tale discontinuità regolare è un’indicazione di un pianeta in un’orbita probabile. TOI-1452 b è stato finalmente scoperto con l’aiuto dell’Observatoire du Mont-Mégantic, un telescopio sviluppato da ricercatori canadesi dotato di una fotocamera che fornisce immagini ad alta risoluzione.

C’è più acqua sul pianeta che sulla Terra

L’astronomo Charles Cadieux dell’Università di Montreal spiega: “Ha giocato un ruolo importante nel confermare la natura di questo segnale e nella stima del raggio del pianeta. Dovevamo assicurarci che il segnale rilevato da TESS provenisse effettivamente da un esopianeta”.

Il pianeta TOI-1452 b è completamente diverso dalla nostra casa. Sebbene la Terra sia spesso definita il pianeta blu perché circa il 70 percento della sua superficie è un oceano, è “essenzialmente un pianeta molto secco”, secondo una dichiarazione dell’Università di Montreal. In effetti, l’acqua costituisce “una minuscola frazione della massa – meno dell’uno per cento”. Due scienziati dell’Università di Toronto specializzati nella modellazione del funzionamento interno degli esopianeti sono giunti alla conclusione che l’acqua in TOI-1452 b può rappresentare fino al 30 percento della massa del pianeta.

bollettino satellitare

Iscriviti a newsletter spazio libero E ricevi consigli da leggere circa due volte al mese astronomia E il viaggio spaziale.

La maggior parte degli altri pianeti oceanici sono fatti di vapore acqueo

Anche nel nostro sistema solare ci sono corpi celesti con una presunta grande proporzione di acqua. Tuttavia, questi non sono pianeti, ma le lune di Giove Ganimede e Callisto e le lune di Saturno Titano ed Encelado. Contrariamente a quanto ipotizzato per TOI-1452 b, la sua superficie non è ricoperta da acqua liquida, ma è probabile che sia in gran parte ricoperta da ghiaccio.

READ  Esiste un mondo parallelo? I ricercatori trovano indizio - puzzle

Sono stati scoperti anche esopianeti che potrebbero essere pianeti oceanici simili a TOI-1452 b. Questi includono il pianeta GJ1214b, scoperto dal telescopio Hubble nel 2012, che orbita attorno a una stella nana rossa a 40 anni luce dalla Terra e potrebbe contenere solo un piccolo nucleo roccioso e molta acqua. Le osservazioni hanno mostrato che la sua atmosfera probabilmente consisteva principalmente di vapore acqueo. I pianeti oceanici sono sospettati anche nel sistema stellare Kepler-62, che si trova a 1.200 anni luce di distanza.

L’acqua liquida non garantisce la possibilità di vita su un pianeta

Sebbene l’acqua liquida sia considerata un requisito per la vita, ciò non significa automaticamente che i pianeti con molta acqua siano luoghi abitabili. Uno studio pubblicato nel 2016 da ricercatori belgi, tedeschi, austriaci e francesi suggerisce che troppa acqua può effettivamente essere un ostacolo all’emergere della vita. Se molto copre il pianeta, la pressione sul fondo dell’oceano aumenta bruscamente. Il risultato: la formazione del “ghiaccio ad alta pressione”, che ha una forma cristallina particolarmente densa e si deposita sul fondo del mare. Di conseguenza, diventano una barriera, separando così il fondale marino dall’atmosfera, in modo che lo scambio non sia più possibile. Tuttavia, affinché la vita si sviluppi, sono necessari sia i minerali dei fondali oceanici che la materia organica dall’atmosfera.

TOI 1452 b si trova in un sistema stellare binario a 100 anni luce di distanza
TOI 1452 b si trova in un sistema stellare binario a 100 anni luce di distanza © Université de Montreal

L’esopianeta TOI-1452 b sarà ora monitorato da vicino con il nuovo telescopio spaziale James Webb per poterne valutare meglio le proprietà. “Non appena possibile, prenoteremo del tempo su Webb per osservare questo mondo strano e meraviglioso”, afferma René Doyon, direttore dell’Observatoire du Mont-Mégantic presso l’Università di Montreal. (Pamela Doerhofer)

READ  Corona in Germania: i ricercatori prevedono 400.000 casi al giorno: uno scenario specifico per spezzare la quarta ondata

ma anche dentro Nel sistema solare potrebbe esserci un altro pianeta sconosciuto prima Dare. Ma più precisamente Nessuno può ancora localizzare questo pianeta.