Marzo 22, 2023

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Monaco ride e spara alla bancarotta della società

La bancarotta della comunità che ride e tira di Monaco era temuta da tempo. Gli spettacoli presso l’istituto di cabaret di Monaco sono stati sospesi dal 13 febbraio. Dopo 67 anni di attività, il palcoscenico del cabaret ha presentato istanza di fallimento ieri lunedì, ha confermato a BR l’avvocato di Bruno Jonas.

Questo è anche il risultato di un comunicato stampa diffuso dalla Laughing & Shooting Society a nome dei partner Leila Noth e Bruno Jonas. Afferma che il motivo della dichiarazione di fallimento è la situazione finanziaria secondo il budget iniziale per l’anno 2022.

Lotta di potere per gli azionisti

Inoltre: “Il tentativo di avviarne uno nuovo con Stefan Hanitzsch come azionista e direttore generale della giovane generazione (classe 1977) all’inizio del 21/22 è fallito sia a livello personale che commerciale”. Hanitzsch ha assunto la responsabilità dell’imprenditorialità come unico amministratore delegato per un anno ed è stato infine licenziato. Ciò è stato fatto “per ragioni”, afferma il comunicato stampa.

Gli azionisti del teatro, che Dieter Hildebrandt ha co-fondato nel 1956, sono in disaccordo da tempo. In particolare Jonas, protagonista del cabaret bavarese della Bassa Baviera e amministratore delegato Hanitzsch, figlio del fumettista Dieter Hanitzsch. C’era disaccordo sulla direzione artistica del teatro, così come su come gestire un piccolo teatro di cabaret – progettato per un massimo di 100 persone – in modo redditizio, o almeno senza perdite.

La società di Monaco ride e spara “indispensabile per la scena”

Le vendite non sono mai state il fattore decisivo, afferma Till Hoffmann. Il direttore culturale era lui stesso un azionista e ha preceduto Hanietzsche come direttore generale fino all’autunno 2021.

READ  L'ex vincitrice del GNTM Alissar El Ailabouni sembra completamente diversa 13 anni dopo la sua vittoria

“La comunità di risate e riprese da 100 posti è un teatro relativamente piccolo, ma è comunque incredibilmente importante, perché il semplice fatto che non tutti gli artisti attirino più di 100 persone ed è ancora di altissima qualità rende il luogo indispensabile per la scena “, dice Hoffman. “Semplicemente non puoi esibirti a Monaco perché non c’è spazio del genere”.

Il sindaco di Monaco si era convertito

Pochi giorni fa, il sindaco di Monaco Dieter Reiter (SPD) e il consulente culturale Anton Bebel hanno condotto una campagna per la conservazione dell’ambiente. Un incontro di mediazione con Jonas, Knuth e Hanitzsch fallisce.

Reiter ha poi spiegato che ulteriori discussioni con il gruppo dei partecipanti non sembravano logiche in questo momento. Biebl ha anche richiesto un maggiore sostegno finanziario dalla città, compreso un chiaro piano d’azione e un concetto coerente e realizzabile.

“Ci vuole tempo per affrontare questo fallimento”, hanno detto martedì anche gli azionisti Nöth e Jonas in un comunicato stampa, “la spaccatura tra gli azionisti sarà un ostacolo per qualsiasi nuovo inizio”. Pertanto “hanno spianato la strada a un trasferimento senza eredità del luogo, importante per la cultura di Monaco, dalla bancarotta”.

Un locale di cabaret con una lunga tradizione

“Lach- und Schiess”, come viene chiamato anche a Monaco, occupa un posto speciale nella scena del cabaret tedesco, poiché ha un proprio gruppo e mette in scena produzioni. È iniziato nel 1956 con Hildebrandt, Klaus Hafenstein, Hans-Jürgen Diedrich, Ursula Herking e il regista Sami Drechsel.

Nonostante alcune crisi e cambi di squadra, il teatro in Ursulastrasse a Schwabing è diventato una leggenda. Hildebrandt in particolare ha sempre garantito il tutto esaurito con le sue esibizioni. Dopo la sua morte nel 2013, è diventato sempre più difficile riempire la piccola sala.

READ  I fratelli rilassati ridono così tanto degli spacciatori che si lasciano

Hoffmann ha dichiarato nel 2015 che Hildebrandt aveva giocato metà della battaglia. Ha spiegato all’epoca che, nella costellazione delle costellazioni, non è stata trovata alcuna linea comune fissa. Le speranze risiedono in Hanitzsch, che è diventato amministratore delegato nell’autunno 2021 ma è stato licenziato da quella posizione lo scorso autunno.

con informazioni da dpa