Agosto 11, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Minacciato dal cambiamento climatico: rifugi di montagna in difficoltà

Stato: 07/10/2022 11:42

Le conseguenze della crisi climatica mettono a rischio anche la sicurezza dei rifugi in alta montagna. Le contromisure appropriate devono essere trovate con l’aiuto della scienza. Ma anche le capanne stesse causano problemi.

Di Ulrike Nikola e Bayerischer Rundfunk

La roccia sul Grossglockner si muove veloce. Per essere più precisi: 70 cm in due anni. La pista si avvicina sempre di più alla Stüdlhütte. A 2.802 metri, la Stüdlhütte nelle Alpi austriache è il punto di partenza per molti alpinisti che osano scalare Luisengrat o Stüdlgrat fino alla vetta del Großglockner. Ma la domanda è per quanto tempo sarà così.

Perché il cambiamento climatico porta non solo allo scioglimento visibile dei ghiacciai alpini, ma anche al permafrost nelle rocce. Quest’acqua gelata nelle fessure delle rocce e nei pori delle rocce agisce come cemento per montagne alte da 2.800 metri. Se questo permafrost si scongela, influisce sulla stabilità delle rocce.

Stüdlhütte sul Grossglockner in Austria.

Foto: Photo Alliance / Reinhard Kung

Gli studi scientifici sono stati condotti dall’Associazione alpina tedesca (DAV), il cui dipartimento si trova nell’Oberland Stüdlhütte. Perché il rifugio si può salvare solo se è possibile rallentare il movimento del pendio. Ecco perché il professor Michael Krautplatter dell’Università tecnica di Monaco e il suo team hanno condotto lì indagini geofisiche e geoelettriche. Ciò ha consentito loro di determinare lo stato termico del pendio e di determinare la quantità di roccia ancora ghiacciata. “Abbiamo visto che uno dei problemi principali è l’acqua dal tetto della capanna”, afferma il professor Kröpplater. “Scorre nel terreno di tre o quattro gradi in più e trasmette questo calore a diversi metri di profondità”.

READ  Corona in Libia: un altro decesso - il contagio sale a 274,4

Le capanne generano calore

Quindi il permafrost nella roccia è sollecitato da due lati: da un lato, a causa del prematuro scioglimento della neve, come accaduto quest’estate, tanto che manca lo strato protettivo dall’alto. Dall’altro, da rifugi d’alta quota, che a loro volta cedono calore all’ambiente. “La prima e più importante procedura alla Stüdlhütte è cambiare lo scarico della funivia e del materiale da costruzione in modo da scaricare tutta l’acqua in modo che non raggiunga il suolo”, spiega il Prof. Krautplatter. In caso contrario, l’acqua calda accelererà la discesa del pendio. Ma la temperatura della stanza del cottage risplende anche attraverso il pavimento fino alla roccia.

Per limitare il surriscaldamento delle rocce in prossimità della capanna, gli edifici sono stati isolati sottostanti. Esistono anche modi più elaborati, ad esempio sollevare un edificio e ventilarlo dal basso. Inoltre, le misure strutturali vengono generalmente utilizzate per stabilizzare i pendii delle montagne, ad esempio con l’aiuto dei cosiddetti ancoraggi di roccia. Tutto questo è complicato e costoso. In futuro, il Club alpino tedesco e le sue divisioni dovranno investire molto.

Perché solo DAV ha 37 capanne di oltre 2500 m di altezza ed è quindi minacciato dal cambiamento climatico. L’Alpine Hochwildehaus a Ötztal, nell’Austria meridionale, è già in grave pericolo ed è chiuso dal 2016, riferisce Hanspeter Meyer, responsabile della pianificazione territoriale alpina presso l’Associazione federale DAV. “Per stabilizzare l’edificio, è stato rinforzato su quattro lati. Non è ancora chiaro come andranno le cose. Stiamo ancora discutendo con il dipartimento di Karlsruhe interessato se il rifugio di montagna possa e debba essere preservato”, afferma Meyer.

READ  Combattere il melanoma aggressivo con le cellule killer: una pratica curativa

I round top e up stanno diventando sempre più difficili

Non lontano da Ramulhouse. Lì gli ospiti non sono interessati dalla chiusura, ma si consiglia agli alpinisti il ​​modo migliore per raggiungere lo Schalfkogel, la cui altezza è di 3.537 metri. A causa della calda estate di quest’anno, i nevai si stanno sciogliendo più velocemente rispetto agli anni precedenti. Di conseguenza, gli scalatori possono aspettarsi più macerie e rocce fragili piuttosto che neve e ghiaccio, poiché troveranno una presa migliore con l’attrezzatura giusta.

Ma non sono solo a rischio le gite in vetta, ma anche le linee ferroviarie verso i rifugi d’alta quota. Ad esempio, la via ferrata fino all’Oberwalderhütte sul Großglockner deve essere modificata perché la rampa è in movimento. Meyer afferma che anche per ragioni simili è stato necessario spostare la strada verso la Tauschachhaus.

Il riscaldamento climatico influisce anche sull’offerta di rifugi per gli alpinisti. Esempio Brandenburger Haus: con un’altezza di 3277 metri è il rifugio più alto del Club Alpino Tedesco (divisione di Berlino). Lì, l’acqua potabile è ottenuta da un campo innevato superiore. Ma si prevede che questo campo di neve non esisterà dopo alcuni anni. Da dove dovrebbe provenire l’acqua potabile a un’altitudine così elevata?

Hanspeter Meyer riassume: “Qui affrontiamo grandi sfide”. Quando si costruiscono nuovi rifugi e funivie, tutti questi aspetti dovrebbero essere presi in considerazione in futuro.