Marzo 4, 2024

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Miley, la vincitrice delle elezioni di destra, sembra essere contraria ai BRICS e alla Cina

Miley, la vincitrice delle elezioni di destra, sembra essere contraria ai BRICS e alla Cina
  1. Home page
  2. Politica

Il vincitore delle elezioni argentine, Javier Miley, vuole respingere l’invito dei BRICS e attacca Cina e Brasile. Ciò dimostra la divisione nel Sud del mondo.

Le cose non stanno andando bene per il crescente gruppo BRICS di grandi mercati emergenti. Questa settimana i cinque Stati membri – Brasile, Russia, India, Cina e Sud Africa – non sono riusciti a trovare un accordo su una posizione comune sulla guerra in Israele. Nel frattempo, anche uno dei nuovi membri invitati minaccia di andarsene: il vincitore delle elezioni argentino, populista di destra, Javier Miley, prende le distanze dai BRICS. Secondo il ministro degli Esteri ombra Diana Mondino, egli vorrebbe annullare l’adesione al gruppo dei paesi BRICS. “Non capiamo cosa sta facendo l’Argentina in questo momento [vom Brics-Beitritt] Mondino ha detto all’agenzia di stampa russa RIA Novosti.

Miley aveva già annunciato la sua partenza dai BRICS durante la campagna elettorale. Ha ripetutamente criticato la Cina e in particolare il Brasile, nonostante siano i maggiori partner commerciali dell’Argentina. Tra le sue parole: “Io difendo la libertà. La Cina, Putin e Lula non lo fanno.” Una volta ha anche descritto il presidente del Brasile Luiz Inacio Lula da Silva come un “comunista arrabbiato”. Tuttavia, Lula si è congratulato con Miley per la sua vittoria elettorale. Ha fatto pressioni sui partner BRICS per l’adesione dell’Argentina.

Miley, che si autodefinisce “anarco-capitalista”, sta ora cercando di realizzarlo L’Argentina ha “dollarizzato” e vuole addirittura abbandonare la valuta nazionale, il peso – l’esatto opposto di ciò che intendono fare i BRICS. L’unione delle nazioni vuole rendere l’economia globale più indipendente dal dollaro americano e sta addirittura valutando la possibilità di avere una propria valuta.

“Anarco-capitalista”: Javier Miley, vincitore delle elezioni argentine per la coalizione La Libertad Avanza, vuole respingere l’appello dei BRICS e attacca Cina e Brasile. ©Luis Robaio/AFP

Emerge il divario dei BRICS: il Sud del mondo diviso sul futuro

Questo caso dimostra ancora una volta che il Sud del mondo sa ciò che non vuole più: un ordine mondiale dominato dall’Occidente. Ma allo stesso tempo dimostra che gli Stati hanno idee molto diverse per il futuro. Il gruppo BRICS è altrettanto eterogeneo quanto i paesi in via di sviluppo ed emergenti nel loro insieme. Nella guerra in Medio Oriente, l’India si schiera con Israele, mentre Cina, Brasile e Sud Africa assumono una posizione filo-palestinese, e il presidente russo Vladimir Putin ha parlato di un “ruolo importante” per i BRICS a Gaza in uno speciale vertice virtuale in Medio Oriente. .

Solo nel mese di agosto il gruppo di paesi ha annunciato, con grande clamore, l’ammissione di sei nuovi membri, tra cui l’Argentina. Alcuni in Occidente erano preoccupati per l’emergere di un nuovo blocco di potere concorrente. L’attuale presidente argentino Alberto Fernandez – che non è candidato alla rielezione – ha accolto l’invito dei BRICS come una “grande opportunità” che rafforzerebbe il suo Paese. Se Buenos Aires venisse abolita sotto Miley, il centro di gravità del blocco si sposterebbe significativamente verso l’Asia. Altri paesi nominati sono Egitto, Iran, Etiopia, Emirati Arabi Uniti e Arabia Saudita.

BRICS Cina e Argentina

La Cina potrebbe addirittura trarre vantaggio dal rifiuto di Miley. Per Pechino l’adesione dell’Arabia Saudita o dell’Iran significa più dell’adesione dell’Argentina. In ogni caso, la Repubblica Popolare è attualmente la potenza più forte del blocco BRICS – con grande dispiacere dell’India, che sta essa stessa cercando lo status di grande potenza.

Tuttavia, Mao Ning, portavoce del Ministero degli Esteri cinese, ha sottolineato con naturalezza che i BRICS rappresentano un’importante piattaforma per i paesi emergenti e in via di sviluppo per “rafforzare la solidarietà e la cooperazione e proteggere gli interessi comuni”. Mao ha detto di non sapere nulla del rifiuto dell’Argentina. “Diamo il benvenuto a qualsiasi Paese interessato a diventare membro della famiglia BRICS”.

Miley aveva un chiaro vantaggio contro la Cina

Pechino non può ignorare che Javier Miley si è chiaramente schierato contro la Cina durante la campagna elettorale. Ha dichiarato di non voler fare “affari con i paesi comunisti” e ha chiesto di recidere i legami con la Cina a favore dei rapporti con “la parte civilizzata del mondo”. Miley ha anche accusato la Cina di finanziare la pubblicità elettorale del suo rivale, il ministro delle Finanze Sergio Massa, su YouTube.

Miley assumerà le sue funzioni il 10 dicembre. Tuttavia gli analisti non si aspettano cambiamenti radicali nella politica cinese. La Repubblica Popolare è estremamente importante per l’economia argentina. La Cina, insieme al Brasile, è il partner commerciale più importante dell’Argentina, con un volume di scambi di merci pari a circa un miliardo di dollari USA al mese. La Cina ha finanziato i programmi infrastrutturali del paese, comprese due dighe. Anche il ministro degli Esteri ombra Mondino ha recentemente confermato che non è prevista la rottura delle relazioni diplomatiche. Solo pochi mesi fa i due paesi si sono incontrati Secondo la società di consulenza Dezan Shira Hanno concordato di non condurre scambi bilaterali in dollari USA ma in yuan. Cosa accadrà a questo non è ora chiaro.