Febbraio 25, 2024

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Microsoft sta insegnando nuove cose a Copilot

Microsoft sta insegnando nuove cose a Copilot

L’assistente AI di Microsoft si chiama Copilot, tra tutti i possibili software e offerte Microsoft, siano essi Windows, Office, SharePoint, Teams, Designer, Defender, i vari studi o il browser. La società ha sepolto il suo nome precedente, “Bing Chat”, a novembre. Microsoft ora promette nuove funzionalità prestazionali per Copilot.

annuncio

Attualmente è in fase di test e si prevede che diventi disponibile al pubblico “presto”. Microsoft dice. Quattro settimane fa, Microsoft Partner OpenAI ha avviato il GPT-4 Turbo. Questo modello linguistico più robusto alimenterà anche Copilot “nelle prossime settimane”. Un nuovo modello di generazione di immagini è già disponibile: DALL-E 3 è anche nel copilota Su Bing-Il sito web è pronto.

Il copilota riceve anche un cosiddetto traduttore di codici. Presto sarà in grado di fornire assistenza nella programmazione, nei calcoli, nell’analisi dei dati, nelle rappresentazioni grafiche e in altri compiti.

Chiunque navighi con Edge utilizza la versione Microsoft del browser Chromium. In Edge, ora è possibile taggare testo su siti Web di terze parti e indirizzare il tuo copilota a parafrasare il contenuto.

GPT-4 Turbo è multimediale, il che significa che può combinare testo, immagini e suoni. Questo dovrebbe aiutare con le ricerche di immagini in Bing. Gli utenti possono caricare immagini e testo: ad esempio, Microsoft visualizza una domanda relativa a una scena rappresentata in un’immagine. Bing tenterà presto di valutare e rispondere a queste domande combinate.

C’è anche qualcosa di nuovo in arrivo su Bing Servizio di ricerca approfondita. Se lo si desidera, sostituisce le domande su argomenti complessi con domande più dettagliate e formulate. Utilizzando queste domande generate dall’intelligenza artificiale, Bing deve quindi produrre risultati di ricerca che non verrebbero visualizzati se la domanda fosse stata originariamente formulata, ad esempio perché i termini di ricerca non compaiono nemmeno nei documenti dei risultati. Tuttavia, una ricerca approfondita richiede fino a mezzo minuto. Deep Search non è né adatto né destinato alle query di ricerca quotidiane. Inoltre, è probabile che il consumo energetico sui server Microsoft sia impressionante.


(S)

Alla home page