Novembre 29, 2021

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Mercoledì entra in vigore la legge Corona: le domande più importanti sulla terza generazione sul posto di lavoro – Politica

il nuovo Legge sulla protezione dalle infezioni con regole 3G sul lavoro, su autobus e treni Entra in vigore mercoledì. È stato pubblicato martedì sulla Gazzetta ufficiale della legge federale. Il presidente federale Frank-Walter Steinmeier lunedì ha firmato in legge i nuovi requisiti Corona.

La controversa legge introdotta da SPD, Verdi e FDP impone il 3G sul posto di lavoro, nonché su autobus e treni per combattere la pandemia di Corona. Qui devi dimostrare di essere stato vaccinato o di esserti ripreso oppure devi presentare un attuale test corona negativo. Tutte le domande importanti sul nuovo regolamento 3G sul posto di lavoro:

A chi si applica la regola 3G sul posto di lavoro?

I requisiti includono entrambi i dipendenti, ad esempio dipendenti pubblici, giudici o soldati. colui il quale Secondo il Dipartimento federale del lavoro, un Ministero degli Interni non è un “luogo di lavoro”., così come i posti di lavoro nei veicoli.

Oltre a questo, la base 3G, ad esempio, include non solo l’ufficio, ma anche i locali all’aperto dei locali dell’azienda. I cantieri sono anche luoghi di lavoro, così come i magazzini, le mense o gli alloggi.

Come viene controllato il 3G?

Fondamentalmente, i dipendenti e gli stessi datori di lavoro possono accedere al posto di lavoro solo se hanno la prova del loro stato di rete 3G con loro. Ci sono solo due eccezioni: o vengono testati sul posto di lavoro o vengono vaccinati. Secondo il Dipartimento del Lavoro, l’obbligo di 3G di fornire prove “si applica anche ai dipendenti che non possono essere vaccinati per motivi medici”.

Il datore di lavoro è responsabile dell’esame delle prove. Tuttavia, può anche “delegarlo a personale appropriato oa terzi” in conformità con le norme sulla protezione dei dati.

subordinare I controlli dovrebbero concentrarsi sulla correttezza delle prove del test. Perché chiunque non sia stato vaccinato o guarito deve risultare negativo ogni giorno. La vaccinazione o la Genesi possono essere esentate dai controlli di accesso giornalieri una volta che un datore di lavoro ha verificato e documentato le proprie prove.

Quali dati può raccogliere un datore di lavoro in base alla regola 3G?

Il diritto all’informazione dei datori di lavoro ha recentemente suscitato ampie discussioni, poiché i dati sulla salute dei dipendenti sono un bene particolarmente sensibile. Ora, tuttavia, la regola 3G viene applicata nel bel mezzo di una situazione di infezione drammaticamente peggiorata e ha lo scopo di aiutare a spezzare le catene di infezione.

READ  Speranza di destra in Francia, Eric Zemmour sotto processo a Parigi

[Wenn Sie alle aktuellen Entwicklungen zur Coronavirus-Pandemie live auf Ihr Handy haben wollen, empfehlen wir Ihnen unsere App, die Sie hier für Apple- und Android-Geräte herunterladen können.]

Secondo la nuova legge sulla protezione dalle infezioni, il principio della riduzione dei dati dovrebbe essere applicato come metodo intermedio: secondo il Ministero del Lavoro È sufficiente “verificare” il nome e cognome del personale in elenco nel giorno di ispezione di riferimentoSe viene fornita la prova.

Per le persone vaccinate e mature, il caso dovrebbe essere documentato solo una volta; Per chi si è ripreso, anche con la data di scadenza della propria condizione. I dati devono essere cancellati entro e non oltre sei mesi dalla loro raccolta. Inoltre, i datori di lavoro devono garantire che i dati non raggiungano persone non autorizzate o addirittura colleghi.

Il responsabile federale della protezione dei dati Ulrich Kelber critica il fatto che non ci siano alias, ovvero la separazione dei nomi, e che i dati non vengano immediatamente cancellati dopo il controllo per l’ammissione giornaliera, ad esempio.

Leggi altri testi di servizio sull’argomento Corona:

Un test rapido fatto da sé è sufficiente per le persone non vaccinate?

No. Quello che serve Massimo 24 ore di test rapidoeseguita da un fornitore di servizi in conformità con i regolamenti sui test per il coronavirus, inclusi i centri di test pubblici o le pratiche mediche.

Sono possibili anche autoesami in azienda sotto supervisione o da parte di terzi incaricati dal datore di lavoro. Questo per garantire che i test funzionino correttamente. I test PCR devono essere eseguiti con un massimo di 48 ore di anticipo.

Quali sono le regole del corona applicate sul posto di lavoro?

I dipendenti sul posto di lavoro che non hanno una vaccinazione o uno stato di convalescenza dovrebbero fare domanda in futuro Corona test ogni giorno Devo andare. La base pubblica 3G sul posto di lavoro è progettata per aiutare a spezzare la nuova ondata di epidemie.

READ  Governo polacco: la Bielorussia tiene i migranti lontani dal confine - Politica

La nuova regola 3G sul posto di lavoro dovrebbe essere sancita dalla legge federale per proteggere dalle infezioni. Dovrebbe circondarlo Reintrodurre i “test cittadini” gratuiti per il corona.

Ci sono sovvenzioni dal datore di lavoro per i test?

No. Il I datori di lavoro devono solo controllare il certificato 3G prima di entrare nel luogo di lavoro e documentare questi controlli. I regolamenti della legge sulla protezione dalle infezioni non comportano alcuno sforzo aggiuntivo per il datore di lavoro.

Tuttavia, un ufficio in casa deve consentire il lavoro d’ufficio o attività simili, a meno che non sussistano ragioni operative impellenti.

Quali sono le possibili conseguenze delle violazioni Contro le regole del test?

Cosa succede se i dipendenti rifiutano o non forniscono test giornalieri e quindi non sono in grado di recarsi sul posto di lavoro? Possono essere scusati dopo, o devono temere altre conseguenze? Questa è una questione fondamentale che non è stata ancora risolta. Inoltre, non è chiaro cosa succede se i datori di lavoro non sono in grado di fornire i documenti necessari durante le ispezioni.

Peter Meyer, avvocato professionista specializzato in diritto del lavoro, ritiene che sia ipotizzabile che chi si rifiuta di sostenere le prove debba affrontare Avvertimento o anche in caso di ripetizione con risoluzione Deve essere calcolato. Il rifiuto può essere visto come una violazione del dovere.

Base 3G sul posto di lavoro: Cosa richiedono i datori di lavoro?

La base 3G sul posto di lavoro fa con una sola Diritto di fornire informazioni Senso, ha sottolineato il direttore generale della Federazione delle associazioni dei datori di lavoro tedeschi, Stephen Kampeter. E: se il dipendente non adempie al suo obbligo di fornire prove, spesso non potrà essere assunto. “Allora vale il principio: senza prestazione non c’è remunerazione. Solo così si può garantire una tutela efficace della salute interiore”.

READ  Questo è l'argomento della Conferenza mondiale sul clima di Glasgow

L’amministratore delegato del sindacato tedesco, Stefan Ginth, ha chiesto che le aziende non vengano addebitate per i test. “Altrimenti c’è il rischio di un onere organizzativo e finanziario per molti datori di lavoro”. Lo Stato deve pagare per i test.

La Dehoga Hotel and Restaurant Association spera di fare proprio questo con uno Organizzare a livello nazionale Può fornire maggiore certezza e chiarezza giuridica. “Ciò aumenta l’accettabilità delle azioni da parte del personale”, afferma l’amministratore delegato Ingrid Hartiges. L’attuale situazione giuridica è sconcertante.

Cosa dicono i sindacati sulle regole di accesso 3G sul posto di lavoro?

Il presidente del DGB Rainer Hoffmann ha affermato che a causa dell’attuale “escalation della situazione di infezione”, una protezione efficace contro le infezioni sul posto di lavoro è più importante che mai: “Oltre alle misure esistenti per la salute e la sicurezza sul lavoro, le regole di accesso 3G potrebbero essere sul posto di lavoro è un modo efficace per farlo. Il datore di lavoro deve ancora sostenere i costi dei test e questo Il test deve rientrare nell’orario di lavoro retribuito. “

[Lesen Sie auch mit Tagesspiegel Plus: Mehr als 2000 in Deutschland – Das vergessene Leid der Corona-Waisen]

I dipendenti sul posto di lavoro dovrebbero essere protetti il ​​più possibile dalle infezioni. Tuttavia, allo stesso tempo, i diritti fondamentali dei dipendenti non dovrebbero subire interferenze sproporzionate. subordinare Il DGB declina pertanto l’obbligo dei dipendenti di fornire informazioni sul proprio stato di vaccinazione contro la corona, dice Hoffman. “Tuttavia, raccomandiamo ai dipendenti di rivelare volontariamente il loro stato di vaccinazione”.

Che ne dici di una base 2G sul posto di lavoro?

Questo non è ancora stato pianificato. Il procuratore Meyer considera l’esecuzione di un generale Organizzazione 2G sul posto di lavoro In Germania è particolarmente difficile. “Tale regolamento significa che il dipendente non potrà più lavorare se esercita il suo diritto a non essere vaccinato”. A questo proposito, 2G “taglia” indirettamente le opportunità di lavoro sul posto di lavoro, che in molti casi possono essere sproporzionate. (DPA, Agenzia France-Presse)