Agosto 11, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Mercato automobilistico USA debole: Volkswagen e BMW soffrono di smorzamenti nelle vendite negli Stati Uniti

La debolezza del mercato automobilistico negli Stati Uniti
Volkswagen e BMW soffrono di un calo delle vendite negli Stati Uniti

Volkswagen ha venduto un terzo in meno di auto nuove negli Stati Uniti nel secondo trimestre rispetto a un anno fa. La BMW si sta sbarazzando di circa cinque auto in meno. Anche la concorrenza statunitense soffre di una carenza di ingredienti. D’altra parte, Porsche potrebbe aumentare.

La carenza di chip e i problemi della catena di approvvigionamento continuano a rallentare il mercato automobilistico statunitense e le cose stanno andando male anche per i produttori tedeschi. Secondo la propria dichiarazione, Volkswagen ha venduto 78.281 nuovi veicoli nel secondo trimestre, un terzo in meno rispetto allo scorso anno. C’erano tagli visibili in quasi tutti i modelli. Anche le vendite di SUV nelle città di Atlas e Tiguan, da tempo molto apprezzate dai clienti americani, sono crollate di nuovo.

Anche il saldo del semestre è stato anemico: nei primi sei mesi, le vendite sono diminuite di circa il 32% a 143.279 veicoli. Anche il fornitore tedesco premium BMW ha dovuto fare i conti con un forte calo delle vendite nel mercato statunitense. Con 78.905 veicoli del principale marchio BMW, il Gruppo DAX ha smaltito il 18,3% in meno di auto rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso, ha annunciato. Il gruppo ha affermato che i problemi di consegna avrebbero pesato sulle azioni dei commercianti. Le limousine sono state particolarmente colpite. D’altra parte, la BMW è riuscita a ottenere alcuni guadagni nel segmento dei SUV, che è particolarmente popolare negli Stati Uniti. Le vendite del marchio di minicar, che appartiene al gruppo, sono diminuite di quasi la metà rispetto allo scorso anno.

La più grande casa automobilistica statunitense, General Motors (GM), ha registrato un calo del 15% delle vendite a 582.401 nuovi veicoli nel secondo trimestre. L’azienda continua a lottare con i problemi della catena di approvvigionamento e una persistente carenza di chip per computer. Secondo General Motors, circa 95.000 veicoli non sono stati consegnati di recente perché mancavano dei componenti. La casa automobilistica lavora a stretto contatto con i fornitori per risolvere i problemi il più rapidamente possibile. GM prevede un profitto trimestrale compreso tra $ 1,6 miliardi e $ 1,9 miliardi, molto meno di quanto gli analisti, in media, si aspettassero.

Una delle poche eccezioni positive nel secondo trimestre è stata la consociata di auto sportive della Volkswagen Porsche. Qui, le vendite sono aumentate del 2,8 percento a 19.487 veicoli, ha annunciato la società presso la sua sede negli Stati Uniti ad Atlanta. Così la perla dei rendimenti del Gruppo Volkswagen ha potuto dimostrarsi di fronte al generale debole andamento del mercato. Tuttavia, dopo i primi sei mesi, Porsche ha segnato un calo del 10,5% a 32.529 auto. I dati di vendita del produttore della classe di lusso Audi, che appartiene anche al Gruppo Volkswagen, non erano ancora disponibili. Lo stesso vale per il concorrente tedesco Mercedes-Benz.

READ  Dopo BTC-ETF: il rally di Bitcoin guadagna di nuovo velocità: questo è davvero dietro il recente boom delle criptovalute | newsletter