Agosto 17, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Materiale “impossibile” su Marte: i ricercatori spiegano una misteriosa scoperta della Nasa

  1. Pagina iniziale
  2. Conoscenza

creatura:

a: Tanya Banner

Il rover Curiosity della NASA esplora il cratere Gale dall’agosto 2012. © NASA/JPL

Una scoperta “impossibile” su Marte ha infastidito i ricercatori per anni. Ora offrono una soluzione su come spiegare il materiale trovato.

HOUSTON – NEL 2016 La sonda Curiosity della NASA ha fatto una scoperta insolita sulla superficie di Marte: Il veicolo di ricerca ha scoperto il minerale 3D in un campione di roccia del cratere Gale. Questa è una forma speciale di quarzo comunemente associata ai vulcani cruciformi. La tridimite si forma quando i silicati vengono prima riscaldati vigorosamente e poi raffreddati rapidamente. La sua formazione richiede temperature elevate ed elevate concentrazioni di acido silicico. Sebbene ci fosse questa attività vulcanica in alcuni luoghi della Terra, nessuno sospettava che si sarebbe verificata anche lì Marte Lo ha detto l’agenzia spaziale americana Nasa dopo la scoperta.

Dopo l’improvvisa scoperta di Curiosità Rover I ricercatori hanno cercato di trovare prove che i trilobiti possono formarsi anche a temperature più basse. Tuttavia, non hanno trovato nulla, motivo per cui sospettavano che Marte potesse avere una storia vulcanica più violenta ed esplosiva di quanto si pensasse in precedenza.

Il rover Curiosity della NASA scopre minerali “impossibili” su Marte: i ricercatori escogitano una soluzione

Un gruppo di ricerca della Rice University di Houston ha ora offerto al Johnson Space Center della NASA e al Caltech una spiegazione per il trio “impossibile” di minerali su Marte: il magma marziano deve essere rimasto più a lungo del solito in una camera sotto il vulcano, dove si è parzialmente raffreddato. Le porzioni ricche di silicati del magma sono salite verso l’alto. Durante una grande eruzione vulcanica, questo materiale principalmente ricco di silicati, che contiene anche 3D, è stato rilasciato sotto forma di lava e cenere. Poi il vento ha portato la cenere fino al Cratere di Gale.

bollettino satellitare

subordinare newsletter spazio libero Due volte al mese ti informa sugli ultimi sviluppi in astronomia E il viaggio spaziale.

Deve fare a questo punto contengono acqua, i ricercatori ne sono sicuri. “Poiché abbiamo visto questo materiale solo una volta ed era altamente concentrato in un singolo strato, presumiamo che il vulcano sia probabilmente eruttato nello stesso periodo in cui si è formato il lago”, spiega Kirsten Siebach, coautrice di uno studio sull’argomento: Nel Lettere di scienze della terra e planetarie Inserito in linea era diventato. “Mentre il campione che abbiamo analizzato non era esclusivamente cenere vulcanica, la cenere che è stata essiccata con acqua e smistata lo era”.

Ci deve essere stata attività vulcanica su Marte tre milioni di anni fa

Lo scenario descritto dai ricercatori spiega non solo la scoperta del trimetallo “impossibile” su Marte, ma anche altre cose trovate nel campione marziano, come il silicato opalino e una bassa concentrazione di allumina. Se la teoria dei ricercatori è corretta, significa che su Marte esistevano vulcani in eruzione più di tre miliardi di anni fa. I ricercatori ritengono che questo sia il momento in cui Marte è passato da un mondo caldo e umido al pianeta freddo e secco che conosciamo oggi. “Questo lavoro indica che Marte ha una storia vulcanica molto più complessa e interessante di quanto potessimo immaginare prima di Curiosity”.

La curiosità è sulla superficie di Marte da circa dieci anni. È atterrato il 6 agosto 2012 nel cratere Gale, zona dove, dopo tre anni, è stato scoperto il minerale “impossibile”. Seebach afferma che “la scoperta della tridimite in una pietra fangosa presso il cratere Gale è una delle osservazioni più sorprendenti che Curiosity ha fatto nei suoi dieci anni di esplorazione su Marte”. (scheda)

READ  Aumentare il colesterolo buono: 4 consigli