Dicembre 7, 2021

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Massimo storico: India Investments: titoli in portafoglio forti | newsletter

Di Jörg Belina, Euro am Sonntag

Le torri Phiroze Jeejeeboy sono alte circa 118 metri. Con un po’ di fantasia, l’oroscopo può essere considerato un simbolo delle enormi opportunità offerte dai titoli indiani. L’edificio di 29 piani in Dalal Street a Mumbai è sede della Borsa nazionale indiana ed è un importante centro finanziario per investitori coraggiosi, se riescono a sopportare la volatilità. Nel 2016, ad esempio, i prezzi sono stati ampiamente corretti in risposta a una riforma valutaria mal regolamentata dal governo. Ma nei successivi cinque anni, i prezzi a Mumbai sono aumentati del 119%. iShares MSCI India è cresciuto del 30% dall’inizio dell’anno.

Anche se il subcontinente indiano è minacciato da blackout nelle prossime settimane a causa della mancanza di approvvigionamento di carbone: la ripresa del mercato azionario ha forti driver economici, demografici e innovativi che rimangono efficaci nonostante le strozzature energetiche.

Centri commerciali ben frequentati

L’economia sta accelerando. Secondo le previsioni del Fondo Monetario Internazionale, la produzione economica totale aumenterà del 9,5% quest’anno e dell’8,5% l’anno prossimo. Il FMI non si fida più di nessun altro Paese, nemmeno della Cina.

1,3 miliardi di consumatori hanno giocato un ruolo enorme nel boom dell’India. La revoca delle restrizioni di Corona e il “Festival of Light” che inizia all’inizio di novembre stanno stimolando il consumismo. C’è molto da recuperare. L’anno scorso, la domanda interna era ancora in calo del 9%. Ma ora i centri commerciali si stanno riempiendo di nuovo e l’e-commerce è in piena espansione. Elettrodomestici, smartphone, vestiti e gioielli sono inclusi nella lista della spesa.

READ  Leader di mercato: i più grandi produttori di batterie al mondo: solo un'azienda ha piani più ambiziosi di Tesla | newsletter

Una piccola macchina per la classe media

Anche i modelli di auto nobili sono richiesti. Nonostante le catene di approvvigionamento limitate, Mercedes-Benz India, leader di mercato nel segmento del lusso, ha venduto 4.100 veicoli tra luglio e settembre, registrando il suo miglior risultato trimestrale fino ad oggi. Non solo gli indiani benestanti spendono di più in mobilità e prestigio. Tata Motors, la più grande casa automobilistica indiana, produce principalmente utilitarie per la crescente classe media. Rispetto allo stesso mese dell’anno scorso, l’azienda ha venduto il 53 percento delle auto a settembre.

I buoni numeri motivano gli investitori a iniziare. Solo negli ultimi tre mesi, le azioni di Tata Motors sono aumentate del 68%. Una persistente fantasia di prezzo si accende all’inizio dell’attacco informatico del gruppo. Patamaday Balachandran Balaji, Chief Financial Officer di Tatas Motors, conferma che gli automobilisti in India sono pronti a cambiare. Entro la fine dell’anno, il cinque percento di tutti i modelli Tata venduti sarà dotato di un motore elettrico.

L’accreditamento garantisce flessibilità

Reliance Industries risente anche degli effetti della ripresa economica. Il gruppo, una delle principali navi della borsa indiana, sta beneficiando dell’aumento del prezzo del petrolio, dei margini più elevati nel business chimico e dell’aumento delle vendite nel settore Internet. Reliance Industries ha scoperto le energie rinnovabili come area di crescita futura.

L’India rimane il terzo maggior produttore di gas serra dannosi per il clima. Mukesh Ambani, presidente di Reliance Industries e l’uomo più ricco dell’India, vuole cambiare le cose. Il suo piano: entro il 2030, il gruppo dovrebbe fornire 100 gigawatt di elettricità da energia solare ed eolica. “Stiamo assicurando un futuro resiliente per l’India”, afferma Ambani. L’obiettivo ambizioso ispira gli investitori. Il titolo è attualmente scambiato ai massimi storici.

READ  I produttori bloccano le donazioni: milioni di dosi di vaccino sono a rischio di distruzione

Tata Motors e Reliance Industries sono solo due esempi di promettenti aziende indiane. L’elenco degli indirizzi promettenti può essere facilmente ampliato. Hindustan Unilever, la società di software Infosys e Icici Bank, tra gli altri, offrono funzionalità.

Stanno emergendo nuove aziende, l’elenco dei corsi a Mumbai sta diventando più lungo, più moderno e più diversificato. Molte startup si sono già quotate o puntano a un’offerta pubblica iniziale. A luglio, ad esempio, è stato quotato Zomato. Il servizio di consegna di generi alimentari online ha raccolto l’equivalente di circa 1 miliardo di euro. I fondi sono destinati a finanziare l’espansione. Anche il fornitore di servizi di pagamento Paytm e la società di e-commerce Flipkart sono all’inizio della quotazione iniziale.

Dati i numerosi sviluppi positivi in ​​India, i banchieri d’investimento di Goldman Sachs sono sicuri che gli investitori locali e internazionali aumenteranno le loro quote nei prossimi anni. Già nel 2024 la capitalizzazione di borsa della borsa potrebbe salire dagli attuali 2,9 trilioni all’equivalente di 4,3 trilioni di euro. Allora il mercato azionario di Mumbai sarebbe più prezioso della borsa dell’ex potenza coloniale della Gran Bretagna.


Informazioni per gli investitori

L’ETF lanciato da Blackrock replica la performance dell’indice MSCI India, che attualmente comprende 102 azioni indiane con capitalizzazione di mercato media e alta. Oltre al conglomerato Reliance Industries, anche Bharti Airtel, Infosys IT e Housing Development Finance Corporation hanno un peso significativo. Nel giro di un anno, l’indice aveva raggiunto il 51 per cento. Negli ultimi tre mesi, l’ETF ha guadagnato il 18%.

Il fondo lanciato da Robeco è gestito dal Team Pacific dal 2010. Gli esperti di investimento a volte si discostano in modo significativo dall’indice di riferimento. Attualmente hanno una ponderazione molto più elevata dei titoli finanziari al 32 percento. I beni di consumo rappresentano il 16% dei fondi e le obbligazioni IT il 14%. Dall’inizio dell’anno, il fondo ha registrato un guadagno del 46% e ha quindi sovraperformato l’MSCI India. “I mercati indiani sono ancora in un enorme mercato rialzista”, afferma l’ultimo commento del fondo.

READ  Skoda fa un lifting a Karoq

La più grande compagnia privata indiana è quotata alla Borsa di Mumbai dal 1977. Il conglomerato è attivo in molti settori, come petrolio, prodotti chimici, infrastrutture, cibo, tessile ed elettronica. Il conglomerato della società è guidato da Mukesh Ambani. Il titolo è andato davvero bene. La ripresa economica e le promettenti attività dell’azienda nel campo delle energie rinnovabili promettono ulteriori guadagni di prezzo.

___________________________________

Fonti di immagini: Ken Durden / Shutterstock.com, Aleksandar Todorovic / Shutterstock.com