Novembre 28, 2021

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Marielle Hubner: Ecco come si sente sua madre dopo un ictus – gente

Il supervisore Mareile Höppner (44) vuole essere forte – per se stessa e soprattutto per sua madre. Perché la madre di Hubner ha avuto un ictus ad agosto ed è stata curata all’ospedale universitario di Lubecca. Höppner lo rese pubblico su Instagram all’epoca.

La conduttrice rivela su Instagram come sta sua madre ora, più di due mesi dopo. a una foto intima, apparendo sulla riva e strettamente l’uno con l’altro, scrivi le parole: “Volevo proprio dire: sta combattendo!”

Inoltre: “Ho sempre ammirato mia madre. È intelligente e gentile e saggia e giusta. Ma ora la ammiro in qualche modo di più. Riesci a capirlo?!”

All’inizio di agosto, la 44enne ha condiviso la sua preoccupazione per sua madre con i suoi fan. All’epoca, i ringraziamenti di Hubner sono andati principalmente alle infermiere e ai medici che si sono presi cura della madre: “Nei momenti di bisogno di cure, c’è così poco lavoro da fare quando sono sottopagati. Ho passato le ultime settimane tra l’ospedale e il trasmettitore e visto e vissuto tanto. Fastidioso, triste, incoraggiante. Ma quest’ultimo accade solo perché pochi sono disposti a dare tutto, e hanno anche il braccio di una figlia che piange dopo una crisi epilettica di diversi giorni”.

E ora anche un sentito ringraziamento allo staff medico: “Grazie a tutti quelli che sono lì. Gli infermieri, i medici, la famiglia e soprattutto mio padre, che cresce ogni giorno al di sopra delle sue forze”.

Molti fan hanno scritto a Marielle. Condividono il drammatico destino della madre.


Marielle Hubner e sua madre combattono per riavere la sua vecchia vitaFoto: Agenzia Persone Immagine

“Voglio dare una piccola speranza, forse anche per me stesso. E soprattutto, per mia madre e tutti gli altri che si sentono allo stesso modo. Credi nella bontà, nella forza e nella famiglia. Non importa come lo rompi a volte, hai solo questo. ” ”

E lei è lì.

READ  Testimone romanzo: Gil Ofarim