Dicembre 5, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Mancano cibo e acqua: l’Onu chiede aiuto per 1.000 marittimi bloccati

Mancano cibo e acqua
Le Nazioni Unite chiedono aiuto per 1.000 marittimi bloccati

Secondo l’Organizzazione marittima internazionale, più di cento navi sono state bloccate nella città portuale assediata di Mariupol e lungo l’intera costa del Mar d’Azov. Le forniture di base stanno finendo. Le Nazioni Unite stanno sollecitando un rapido intervento di soccorso.

Le Nazioni Unite chiedono misure di soccorso “urgenti” per i quasi 1.000 marittimi bloccati a bordo delle navi mercantili nei porti e nelle acque ucraine. Come annunciato dall’Organizzazione internazionale del lavoro (ILO) e dall’Organizzazione marittima internazionale (IMO), dall’inizio della guerra in Ucraina a più di cento navi non è stato permesso di lasciare i porti e le acque ucraine. Così hanno chiesto all’Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Rifugiati, al Comitato Internazionale della Croce Rossa e a Medici senza frontiere di “prendere provvedimenti urgenti” per aiutare a rifornire le navi.

“Oltre ai rischi posti dagli attacchi, molte delle navi colpite sono prive di cibo, carburante, acqua potabile e altre forniture essenziali”, si legge nell’appello. L’Organizzazione internazionale del lavoro e l’Organizzazione marittima internazionale hanno dichiarato che “di conseguenza, la situazione dei marittimi di molti paesi sta diventando sempre più insostenibile”.

Secondo l’Organizzazione marittima internazionale, ci sono almeno un migliaio di marinai bloccati nel porto della città portuale assediata di Mariupol e su navi nel Mar d’Azov. A marzo, l’Organizzazione internazionale del lavoro ha chiesto alla Russia di porre fine alla guerra in Ucraina “immediatamente e incondizionatamente”.

Poiché la costa meridionale del Paese, che ospita i porti più importanti, è stata chiusa dall’invasione russa, l’Ucraina sta affrontando grandi difficoltà nell’esportare le sue merci. Quindi Kiev è alla ricerca di percorsi alternativi su strada. Tuttavia, le sfide logistiche e gli ostacoli burocratici lo stanno ostacolando, si lamentano rappresentanti del settore e commercianti di materie prime. Valery Tkachev della compagnia ferroviaria statale Ukrzaleznytsia afferma che 10.320 auto – circa la metà del numero totale – stanno aspettando a un incrocio vicino al villaggio di Ezov.

READ  Conflitto con la Russia: l'Ucraina accusa la Germania di impedire consegne di armi