Febbraio 8, 2023

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Maifa in Italia: più donne ai vertici dei clan | Varie

Minacciano, commerciano e uccidono: sempre più donne sono capi clan della mafia. Leggi come arrivano al potere qui.

Le mogli vestite di nero e doloranti dei boss mafiosi appartengono al passato, ora si vedono solo nei vecchi film. Donne Svolge un ruolo sempre più attivo nelle strutture apicali della criminalità organizzata.

Se i loro padri, mariti o figli vengono incarcerati, diventano “capi con le gonne”. Queste donne non sono in alcun modo inferiori ai loro uomini in termini di durezza e brutalità. I capi dei clan governano il mercato della droga Soldi Assassini e assassini sono le nuove “madrine” della mafia, agendo freddamente come i loro familiari maschi.

Mafia: le donne prendono il controllo dei clan

Nell’ambito di un’inchiesta della Procura di Milano, chi è la ‘Ndrangheta? Mafia Dalla Calabria, hanno da tempo avviato la loro lucrosa attività criminale finanziariamente forte Nord Italia Nel processo, cinque donne sono state arrestate pochi giorni fa. Per la prima volta, le donne stanno assumendo ruoli operativi e organizzativi nella regione Lombardia, potenza economica italiana, riferisce il procuratore antimafia di Milano Alessandra Ceretti. 49 mandati di cattura sono stati emessi contro il clan.


Elemento chiave dell’organizzazione è la 45enne Caterina Giancotti, “braccio destro” del capoclan Christian Pantiera. Insieme alla sua natura determinata, ha guadagnato l’ammirazione del capo, secondo gli investigatori. La prima donna considerata fu Giancotti Presidente L’avvocato dice che può chiamare Entrangetta in Lombardia.




Sei incaricato di “pianificare e determinare le azioni e le strategie da intraprendere” dagli inquirenti che hanno effettuato gli arresti a Milano e dintorni. A Giancotti fu affidato, tra l’altro, il delicato compito di minacciare i debitori e costringerli a pagare con metodi duri.

READ  La Germania U16 ha perso il vantaggio contro l'Italia

Mafia Mistresses: Ecco perché ci sono più donne nella struttura del clan

Regia di Caterina Giancotti Mafia– La società non fa eccezione. Il numero delle “madrine mafiose” continua a crescere. Quando i datori di lavoro vengono arrestati, le donne spesso si fanno avanti. Spesso sono sorelle, ma anche mogli. Hanno familiarità con le strutture, sono considerati degni di fiducia e, per il mondo esterno, meno sospettosi.

La mafia è cresciuta di dimensioni negli ultimi anni. L’aspetto terroristico non è più in primo piano, ma c’è sempre più presa economica in tali aree Finanza, l’industria delle costruzioni e dei trasporti sono attivamente coinvolti. Anche le donne svolgono un ruolo attivo. Un esempio è Guzzi Vitale: quando i suoi fratelli furono arrestati, dava ordini in siciliano clan familiare.

Dopo il suo primo arresto alla fine degli anni ’90, ha deciso di collaborare con le autorità giudiziarie. È stato nuovamente arrestato nel 2021. Secondo gli inquirenti palermitani è stato ancora per molti anni il capofamiglia. Include droghe e Commercio di armi, estorsione e corruzione. Non è sola nell’Olimpo delle madrine.

Più donne leader di clan: è così che le donne salgono al potere

Ombretta Ingrascì, che da molti anni esplora il fenomeno delle donne nelle organizzazioni mafiose, mostra come le donne mafiose si siano evolute negli anni da mogli e madri a trafficanti di droga, broker finanziari e infine. Capi clan sono saliti. Tuttavia, questo fenomeno non deve essere considerato l’esito di un processo di emancipazione, quanto piuttosto l’incarcerazione di mariti o familiari che spesso ricoprivano posizioni elevate all’interno del clan.

READ  Cosa significa un'emergenza meteorologica per i vacanzieri

Le donne accettano e rispettano pienamente il codice d’onore della struttura mafiosa. La giornalista austriaca ed esperta di mafia Mathilde Schwabeneder condivide questo punto di vista. Nel suo libroSignori mafiosi«Le donne hanno sempre avuto un ruolo nella mafia, anche come madri ed educatrici. Hanno un codice di valori», dice.

Altri crimini di mafia: le donne testimoniano contro i crimini di clan

Negli ultimi anni, diverse donne si sono ribellate al dominio mafioso, diventando testimoni chiave e suscitando scalpore mentre forniscono alla magistratura uno spaccato del mondo intriso di sangue della criminalità organizzata. crimine prestare. Continua a crescere il numero delle investigatrici che rischiano la vita per far sì che si indaghi sui delitti di mafia.

L’arco si estende dalla testimone chiave Piera Aiello Massacro Suo marito, eletto al Parlamento italiano nel 2018, ha fondato nel 2007 un’organizzazione antimafia dopo gli omicidi di mafia in Germania e a Duisburg, all’ex senatrice Laura Caravini, la giornalista investigativa Alessia Canditto, più volte minacciata dalla polizia calabrese mafia.

“Le donne che ho avuto la possibilità di incontrare hanno caratteri molto forti. Non è sempre facile convincerle a fare un’intervista. A loro piace fare tranquillamente il loro lavoro in background. Nessuno si considera un’eroina. O particolarmente coraggioso ”, riferisce Schwabeneder.

Influenza mafiosa soprattutto nei tempi successivi Crisi Corona Minaccia di crescere sempre di più. volte Crisi economica Una grande opportunità per le organizzazioni mafiose di penetrare in profondità nell’economia legale. Mentre la mafia si rafforza Finanziere, perché può distribuire denaro nei momenti di bisogno. Diverse strutture di tipo mafioso sembrano essere una forma alternativa di assistenza sociale, in quanto sostengono le persone in tempi difficili e quindi attirano le persone sotto il loro incantesimo.

READ  L'attaccante dell'Italia Bellotti Torino affronta la partenza - calcio - internazionale