Maggio 24, 2024

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Ma più casi: tensioni estremamente elevate per i processori Ryzen 7000 (aggiornamento)

Ma più casi: tensioni estremamente elevate per i processori Ryzen 7000 (aggiornamento)

Ieri abbiamo riferito del case distrutto del Ryzen 7 7800X3D, in cui l’utente non ha overcloccato il processore stesso, ma ha solo applicato il profilo EXPO alla memoria. Il caso ha rapidamente attirato l’attenzione perché non era il primo del suo genere. Avendo affrontato l’argomento inizialmente con qualche esitazione e sottolineando anche che i difetti possono verificarsi più e più volte in milioni di unità, sembra che questo particolare tipo di danno si sia ora verificato con maggiore frequenza.

Sembra però che il problema non sia circoscritto ai soli processori Ryzen 7000X3D, visto che tra i casi ci sono anche quelli con Ryzen 7 7700X o Ryzen 9 7900X. Anche con le schede madri, non è possibile identificare alcun produttore. I processori interessati funzionavano su schede madri ASUS, MSI, Gigabyte e ASRock.

ASUS ha anche rilasciato una dichiarazione a Roman Hartung che potrebbe rivelare il problema.

Gli aggiornamenti EFI pubblicati venerdì contengono alcuni meccanismi di monitoraggio termico personalizzati che abbiamo implementato per proteggere le nostre schede madri e CPU. Abbiamo rimosso i BIOS più vecchi per questo motivo e anche perché il controllo manuale manuale era disponibile nelle build precedenti. Stiamo anche lavorando con AMD per definire nuove regole per lo sforzo e il SoC di AMD Expo. Rilasceremo nuovi aggiornamenti per questo il prima possibile.

– Rajinder Gill, dipendente ASUS presso der8auer

Il fatto che AMD e i produttori di schede madri si stiano concentrando sui voltaggi è diventato evidente anche perché MSI ha pubblicato ieri i corrispondenti aggiornamenti del BIOS, che consentono solo un offset negativo del voltaggio della CPU per i processori Ryzen 7000X3D. Il recente passato ha chiaramente dimostrato che è del tutto possibile distruggere un processore Ryzen 7000X3D con uno sforzo eccessivo, nonostante tutti i meccanismi di sicurezza. ASUS ha anche aggiornato il proprio BIOS di conseguenza, motivo per cui non offre più versioni precedenti del BIOS.

Tuttavia, il voltaggio della CPU è solo un parametro, visto che è chiaro che l’indagine in ASUS è rivolta anche in direzione dei profili EXPO e del voltaggio del SoC.

Abbiamo dato un’occhiata alla tensione del SoC su un ASUS ProArt X670E-Creator Wifi con BIOS corrente 1202. Puoi vedere gli screenshot correlati sopra. Sono stati utilizzati Ryzen 7 7800X3D e Corsair Dominator Platinum RGB DDR5-6000 CL30-36-36-76.

Confronta le tensioni
tensioni Grasso solido vegetale o animale per cucinare Expo
Tensione del SoC 1,03 volt 1.368 volt
Tensione VDDIO/MC 1,128 volt 1,43 volt
tensione di base 1.101 volt 1.101 volt

La tensione del SoC è stata aumentata da 1,03 a 1,368 V. Ciò corrisponde ad un aumento della tensione del 33%. Tuttavia, la tensione del core del processore rimane la stessa e la tensione VDDIO/MC viene aumentata a 1,4 V memorizzata nel profilo EXPO. Tuttavia, poiché ASUS affronta esplicitamente la tensione del SoC, probabilmente potrai limitarti a questo punto, anche se il lavoro di conversione in combinazione con i profili EXPO non è molto semplice, perché con una tensione del SoC inferiore, i processori potrebbero non raggiungere il desiderato Memory clock memorizzato nel profilo EXPO.

La situazione dovrà essere ulteriormente monitorata. Il pattern di danno dei casi visti finora sembra essere simile, ma non identico. Il danno termico alle schede del processore si verifica in luoghi diversi. Quindi è necessario attendere ulteriori analisi. Finora si possono registrare solo danni, ma le ragioni di ciò sono ancora sconosciute.

Fino a quando i casi non saranno chiari, una delle misure di sicurezza è disattivare i profili EXPO o utilizzare un clock di memoria moderato insieme a un SoC a bassa tensione.

Aggiornamento: dati da AMD e ASUS

AMD ha l’opposto il bordo ha rilasciato una dichiarazione:

Siamo a conoscenza di un numero limitato di segnalazioni online che affermano che una tensione eccessiva durante l’overclocking potrebbe aver danneggiato il socket e i pin pad della scheda madre. Stiamo indagando attivamente sulla situazione e lavorando con i nostri partner ODM per garantire che la tensione applicata alle CPU Ryzen 7000X3D tramite le impostazioni del BIOS della scheda madre rientri nelle specifiche del prodotto.

– ha detto a TheVerge un portavoce di AMD

Da ASUS arriva un file Una dichiarazione un po ‘più dettagliatache afferma anche, tra l’altro, che gli aggiornamenti del BIOS devono essere disponibili entro 24 ore.

Un aggiornamento importante per i possessori di processori Ryzen7000X3D

Diversi proprietari di AMD Ryzen 7000X3D hanno segnalato malfunzionamenti della CPU e della scheda madre. Stiamo riconoscendo gli incidenti/problemi e contattando AMD per analizzare le possibili cause. Abbiamo anche contattato gli utenti interessati per fornire supporto e raccogliere ulteriori informazioni.

I processori Ryzen 7000X3D non consentono l’ottimizzazione del rapporto della CPU o della tensione del core della CPU (overclocking della CPU), ma consentono l’ottimizzazione delle prestazioni e l’overclocking della DRAM tramite memoria PBO2 ed EXPO. Per supportare l’EXPO e/o l’overclock della memoria a DDR5-6000 e oltre, la tensione del SoC deve essere aumentata a sufficienza per garantire compatibilità e stabilità. La quantità di tensione richiesta varia tra i campioni della CPU. Alcuni processori sono più sensibili alle sovratensioni rispetto ad altri e alcuni sono in grado di funzionare a frequenze di memoria più elevate senza richiedere tanta tensione.

Come confermato da AMD, qualsiasi manipolazione intenzionale di queste impostazioni può causare danni al processore, al socket e alla scheda madre. Per mitigare questo, abbiamo lavorato con AMD per definire nuove regole per la memoria EXPO e la tensione del SoC. Per proteggere la CPU e la scheda madre, stiamo rilasciando nuovi aggiornamenti EFI per limitare la tensione massima disponibile del SoC a 1,3 V.

Ti consigliamo di aggiornare il BIOS UEFI della tua scheda madre alla versione più recente. Assicurarsi inoltre che la CPU sia adeguatamente raffreddata. La nostra raccomandazione è di utilizzare almeno un dispositivo di raffreddamento a liquido AIO da 240 mm o un sistema di raffreddamento ad aria ad alte prestazioni.

Se sei stato interessato, non esitare a contattare il supporto ASUS per la tua regione.

Istruzioni

1. Quando verranno rilasciate le nuove versioni UEFI? Prevediamo che gli aggiornamenti UEFI BIOS vengano pubblicati e resi disponibili tramite il sito Web di assistenza e supporto entro le prossime 24 ore.

– Dipendente ASUS su Twitter