Dicembre 6, 2021

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

L’uscita della Gran Bretagna dall’Unione Europea: la disputa sulla pesca – Londra nomina ambasciatore in Francia

Paesi esteri La disputa sui diritti di pesca

Arrestata barca britannica – Londra nomina ambasciatore francese

La guardia costiera francese ha scortato una barca britannica a Le Havre

La guardia costiera francese ha scortato una barca britannica a Le Havre

Cosa: Reuters

Nella lunga disputa sui diritti di pesca nel Canale della Manica, la Francia ha intensificato le sue azioni contro la Gran Bretagna. Il governo del Regno Unito è indignato e si rammarica delle “minacce deludenti e sproporzionate”.

ioNella disputa sulla Brexit tra Londra e Parigi sui diritti di pesca nel Canale della Manica, la Francia sta lavorando per inasprire i toni. “Non è una guerra, è una battaglia”, ha detto giovedì alla radio RTL il ministro marittimo Annick Girardin. “Abbiamo i diritti di pesca. Dobbiamo difenderli e difenderli. “Il ministro di Stato europeo Clement Bonn ha ribadito la minaccia a CNews che le barche britanniche sarebbero soggette a severi controlli doganali e di sicurezza in futuro. “Non mostreremo alcuna tolleranza o clemenza”. Con Parigi, Londra vuole consentire a più barche francesi di pescare nelle acque britanniche.

Azione finale: poiché non aveva le licenze necessarie per pescare nelle acque francesi, una barca britannica è stata indirizzata a Le Havre dalla Guardia costiera francese, Anche Gerardin ha twittato. C’è una multa nella stanza e la confisca delle catture. La BBC ha commentato: “Questo si chiama colpo sopra la prua”. Se non c’è un accordo di principio, le barche britanniche non dovrebbero essere autorizzate a entrare in alcuni porti francesi a partire da lunedì. Anche i camion dovrebbero essere attentamente controllati.

Londra ha risposto giovedì e ha convocato l’ambasciatore francese al ministero degli Esteri. Il ministro degli Esteri britannico Liz Truss ha dichiarato in serata che l’ambasciatore dovrebbe spiegare le “minacce deludenti e sproporzionate contro la Gran Bretagna e le Isole del Canale” venerdì.

Isole e confini marittimi nel Canale della Manica

Fonte: dpa / dpa-infografik GmbH

La Francia minaccia ripetutamente di interrompere la fornitura di elettricità alla Gran Bretagna. Il governo britannico era furioso e ora sta valutando contromisure. È molto probabile che il progetto francese non sarà compatibile con il diritto internazionale e il Trattato Brexit, Il segretario alla Brexit David Frost ha sottolineato. “Siamo pronti a rispondere in modo appropriato”, ha detto un portavoce del governo, e Londra ha comunicato le sue preoccupazioni all’Unione europea e alla Francia. “Le minacce fatte ieri sera sono deludenti e sproporzionate e sostanzialmente non sono quelle che ci aspettiamo da un alleato e da un partner stretto”, ha detto il portavoce.

Leggi anche

Barfleur (Normandia, nord-ovest della Francia): porto e villaggio (non disponibile per la produzione di cartoline) (Foto: Andia/Universal Images Group via Getty Images) Getty Images

La polemica sulla pesca infuria da tempo. Contesto Questa è la domanda su quanti pescatori stranieri potranno pescare nelle acque britanniche dopo la Brexit. Durante i negoziati sull’accordo commerciale della Gran Bretagna con l’Unione Europea, questa era la questione più controversa, che a volte sembrava rendere quasi impossibile un accordo. Da parte dell’Unione Europea, i francesi sono stati soprattutto irremovibili, la questione è sempre stata affrontata in modo molto emotivo e gioca con vecchi risentimenti nei confronti dell’altro Paese.

La Gran Bretagna non vuole arrendersi

Parigi ritiene che siano state concesse pochissime licenze alle imbarcazioni francesi, soprattutto nelle acque ricche di pesce intorno all’isola del Canale di Jersey, che appartiene alla Corona britannica ma non al Regno Unito. All’inizio di maggio, dozzine di pescatori francesi hanno chiuso per protesta il porto di Saint Helier, nel Jersey, e Londra e Parigi hanno inviato due navi da guerra sull’isola.

Il governo del Regno Unito conferma che il 98 per cento di tutte le richieste dei pescatori dell’UE è stato soddisfatto. Il ministro Girardin, d’altra parte, si è lamentato che la percentuale era solo del 90 per cento – e che il 10 per cento mancante era “chiaramente” francese.

In Gran Bretagna i toni sono meno combattivi, ma nessuno vuole arrendersi. Circa sei mesi prima delle elezioni presidenziali francesi, il governo francese ha politicizzato la questione, come ha affermato il capo della Federazione britannica delle organizzazioni di pesca, Barry Dias, alla BBC Radio 4. “Le acque britanniche pescano quando siamo nelle loro acque”, ha detto Dias. . L’armatore si considera vittima di una grossa vertenza. Cornelis Gert Jan stava legalmente cercando capesante. Il capo dello staff di MacDuff Shellfish, Andrew Brown, ha affermato che la nave è ora un “pegno”.

READ  Un gesto simbolico: Dying Glacier ora si chiama Glasgow