Maggio 16, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

L’Unione Europea e gli Stati Uniti impongono nuove sanzioni, comprese quelle contro Putin

Le precedenti sanzioni contro la Russia sono state spesso criticate per essere troppo deboli. Ora l’Unione Europea e gli Stati Uniti hanno intrapreso un’azione diretta contro il presidente russo Putin.

Entrano in vigore le nuove sanzioni dell’UE contro la Russia. E’ quanto emerge dalle procedure legali pubblicate sabato sera nella Gazzetta ufficiale dell’Unione europea. Le misure punitive imposte per l’attacco della Russia all’Ucraina mirano a infliggere gravi danni al Paese e alla sua economia. Ad esempio, saranno limitate le opzioni di rifinanziamento dello Stato, delle banche e di società private selezionate. Inoltre, l’Unione Europea sta emanando restrizioni all’esportazione di beni di importanza strategica, destinati a colpire in particolare le imprese dei settori dei trasporti e dell’energia.

L’Unione europea ha anche inserito il presidente russo Vladimir Putin e il suo ministro degli Esteri Sergey Lavrov nella lista delle sanzioni. È possibile che i beni dell’UE dei politici possano essere congelati.

Anche gli Stati Uniti impongono sanzioni

Il governo degli Stati Uniti ha anche imposto sanzioni al presidente russo Vladimir Putin e ad alcuni suoi ministri. Il ministro degli Esteri Sergei Lavrov, il ministro della Difesa Sergei Shoigu, il capo del servizio di intelligence interno dell’FSB Alexander Bortnikov e altri alti funzionari del governo sono stati colpiti, ha detto venerdì sera (ora locale) il Tesoro degli Stati Uniti. La Casa Bianca aveva annunciato poche ore fa l’imposizione di sanzioni a Putin e Lavrov.

Per quanto riguarda i governanti, il Tesoro degli Stati Uniti ha affermato: “È estremamente raro che il Tesoro sanzioni un leader. Il presidente Putin si unisce a un gruppo molto piccolo che include tiranni come Kim Jong-un, Alexander Lukashenko e Bashar al-Assad”. In Corea del Nord, Bielorussia e Siria. Il segretario al Tesoro Janet Yellen ha affermato che il governo degli Stati Uniti ha ritenuto la Russia responsabile del suo “attacco brutale e non provocato al popolo ucraino”. Se necessario, gli Stati Uniti sono pronti per ulteriori sanzioni.

READ  Vertice mondiale sul clima a Glasgow: prevenzione dei disastri

A seguito delle sanzioni, tutti i potenziali beni delle persone interessate negli Stati Uniti verranno congelati. Ai cittadini e alle aziende statunitensi è in gran parte vietato fare affari o sostenerli finanziariamente. Se le persone colpite non hanno beni negli Stati Uniti – cosa che sembra probabile nel caso di Putin e Lavrov – le sanzioni non hanno ancora un’importanza solo simbolica. Rende difficili molte transazioni internazionali per le persone colpite perché le banche e le società occidentali non vogliono rischiare di violare le sanzioni statunitensi. Le sanzioni pecuniarie non sono legate ai divieti d’ingresso.

Il governo degli Stati Uniti aveva già imposto sanzioni di vasta portata giovedì, comprese sanzioni contro le principali banche russe e società statali, nonché controlli sulle esportazioni di prodotti high-tech.

Russia: Putin e Lavrov non hanno conti esteri

La portavoce del ministero degli Esteri russo Maria Zakharova ha scritto in serata sul canale di notizie Telegram che Putin e Lavrov non hanno account in Gran Bretagna o all’estero.

La Russia ha criticato le sanzioni occidentali contro il presidente Vladimir Putin e il ministro degli Esteri Sergei Lavrov. Zakharova ha affermato che le sanzioni sono un esempio di assoluta debolezza della politica estera. “Con chi parlerai?”, ha chiesto in un’intervista alla televisione di stato. Ricorda, la Russia è una potenza nucleare.

Barbock sostiene le sanzioni dell’UE

Ministro federale degli affari esteri Annalena Barbuk Questa mossa è stata sostenuta dall’Unione Europea. “Stiamo colpendo il regime di Putin dove deve essere colpito, non solo economicamente e finanziariamente, ma al centro del suo potere”, ha detto. “Questo rovinerà la Russia”, ha aggiunto, guardando l’intero pacchetto.

READ  Maxar: In che modo le immagini satellitari consentono il monitoraggio delle posizioni delle truppe e quando no

I capi di Stato e di governo avevano già concordato le caratteristiche principali delle misure punitive dell’UE in un vertice speciale dell’UE giovedì. Tuttavia, la spada delle sanzioni più severe non dovrebbe essere inclusa a causa della resistenza della Germania e di alcuni altri stati membri: L’esclusione della Russia dalla rete di comunicazioni bancarie rapide, che di fatto ha isolato le banche russe dal sistema finanziario globale.

Ciò provoca malcontento all’interno dell’Unione Europea e dell’Ucraina. Riferendosi agli attacchi aerei sull’Ucraina e all’avanzata delle forze di terra russe su Kiev, il presidente ucraino Volodymyr Zelensky ha dichiarato: “Le sanzioni di ieri hanno convinto la Russia? Nel cielo sopra di noi e sulla nostra terra sentiamo che questo non è abbastanza”. “Siamo soli a difendere il nostro stato. Le forze più potenti del mondo stanno guardando da lontano”, ha aggiunto Zelensky.

Zanna: “Vergognarsi”

Più esplicito il leader dell’opposizione polacca ed ex presidente del Consiglio dell’Unione europea, Donald Tusk. “I governi dell’UE che hanno bloccato decisioni difficili si vergognano di se stessi”, ha scritto Tusk su Twitter venerdì. Ha citato come esempi la Germania, l’Ungheria e l’Italia. Tusk ritiene che le attuali misure punitive siano inefficaci. “Tutto è reale in questa guerra: la follia e la crudeltà di Putin, le vittime ucraine e le bombe sganciate su Kiev”, ha commentato. Tuttavia, le sanzioni saranno solo fraudolente.

Il governo federale ha difeso la sua riluttanza. “Sarà tecnicamente difficile prepararsi alla sospensione del sistema Swift e avrà anche un impatto significativo sulle transazioni di pagamento in Germania e sulle società tedesche che fanno affari con la Russia”, ha affermato il portavoce del governo Stephen Hebestreet. La Germania non è stata la sola a sollevare preoccupazioni al vertice dell’UE di venerdì sera. “Rilevo che anche Francia e Italia, tra gli altri paesi, hanno sollevato obiezioni”.

READ  Comando del trasporto aereo europeo: condividere gli aerei