Aprile 21, 2024

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

L’Ucraina è sempre più sulla difensiva

L’Ucraina è sempre più sulla difensiva

Al: 27 febbraio 2024 alle 19:15

L'esercito ucraino si è ritirato da altri due villaggi vicino ad Avdiivka. Ciò è dovuto anche alla carenza di munizioni. Non ci sono aiuti da parte degli Stati Uniti. Il presidente americano Biden si è rivolto nuovamente al Congresso.

L’Ucraina è sempre più sotto pressione sul fronte. Un portavoce dell'esercito ucraino ha detto che l'esercito si è ritirato da altri due villaggi vicino alla città di Avdiivka, nell'Ucraina orientale, di cui le forze russe avevano recentemente preso il controllo. “Le nostre forze si sono ritirate dai piccoli villaggi di Severn e Stepov”, ha detto il portavoce, aggiungendo che la Russia aveva subito pesanti perdite nei combattimenti precedenti.

Sono pervenute anche segnalazioni di pesanti combattimenti attorno alla città di Chasiv Yar. Il portavoce dell'esercito Ilya Yevlash ha detto in televisione che soprattutto i sobborghi di Ivanevskij e Bogdanivka stanno lottando per il controllo. Nel frattempo, l’esercito russo ha affermato di aver preso il controllo di un altro villaggio vicino alla città di Avdiivka, che aveva recentemente catturato. Le informazioni non possono essere verificate in modo indipendente.

Yevlash ha detto che la Russia sta schierando riserve e cercando di rafforzare le sue forze con unità offensive. Chasev Yar si trova vicino alla città di Bakhmut, che la Russia ha finalmente conquistato nel maggio 2023 dopo mesi di sanguinosi combattimenti. Dopo la perdita di Bakhmut, le forze ucraine si ritirarono a Chasiv Yar. Ivanivske e Bogdanivka sono a pochi chilometri di distanza. A Chasiv Yar erano rimaste solo poche centinaia di residenti: prima della guerra il loro numero era di 12mila. La città viene regolarmente bombardata dalle forze russe.

Vass: territori occupati dalla Russia

Zelenskyj negozia in Arabia Saudita

Il presidente ucraino Volodymyr Zelenskyj chiede ora maggiore sostegno. In Arabia Saudita incontra il principe ereditario Mohammed bin Salman. Il principe ereditario sta cercando di posizionarsi come potenziale mediatore nella guerra in Ucraina, anche se il suo Paese lavora a stretto contatto con la Russia sulle questioni energetiche.

Zelenskyj ha scritto sul decimo podio che l’Ucraina dipende dall’Arabia Saudita per portare avanti la formula di pace da lui presentata. Il secondo tema è il ritorno dei prigionieri di guerra e dei deportati. Ci sono anche questioni economiche.

Dall’inizio della guerra in Ucraina l’Arabia Saudita, gli Stati del Golfo, il Qatar e gli Emirati Arabi Uniti, sono coinvolti nello scambio di prigionieri di guerra.

La carenza di munizioni causa battute d’arresto

La fornitura di armi e munizioni è lenta, e questo è uno dei motivi principali del recente ritiro ucraino. Se gli aiuti statunitensi si fermassero, il paese si troverebbe ad affrontare battute d’arresto più gravi. Ora il presidente americano Joe Biden si rivolge direttamente al Congresso. Biden ha affermato che il bisogno di aiuti dell'Ucraina è enorme. “Ogni giorno di inazione ha conseguenze disastrose per l’Ucraina”. Finora, il pacchetto di sicurezza nazionale da 95 miliardi di dollari, che comprende aiuti per Ucraina, Israele e la regione dell’Indo-Pacifico, rimane nel limbo.

Nella discussione sull’invio di truppe in Ucraina, sollevata dal presidente francese Emmanuel Macron, Biden ha preso una posizione chiara. La portavoce del Consiglio di sicurezza nazionale, Adrienne Watson, ha affermato che Biden ha chiarito che gli Stati Uniti non invieranno truppe a combattere.

Anche il leader della maggioranza al Senato Chuck Schumer ha chiesto che gli aiuti vengano approvati rapidamente. Schumer ha detto che all’Ucraina mancano munizioni, sistemi di difesa aerea, munizioni e artiglieria a lungo raggio. “Questa carenza crea asimmetria sul campo di battaglia. La Russia può sparare ed eliminare obiettivi ucraini, ma l'Ucraina è sempre più incapace di rispondere”.