Maggio 23, 2024

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Loot box FIFA: Sony deve rimborsare i pagamenti in Austria

Loot box FIFA: Sony deve rimborsare i pagamenti in Austria

Secondo un tribunale austriaco, i bottini nei giochi “FIFA” di Electronic Arts sono giochi d’azzardo illegali. Nel primo tipo di contenzioso, il tribunale distrettuale di Hermagor ha dichiarato il 26 febbraio l’invalidità dei contratti stipulati e quindi la restituzione dei pagamenti. Sony Interactive Entertainment è stata accusata di gestire la piattaforma Playstation su cui sono state acquistate le loot box nel caso in questione.

Nei giochi FIFA, i bottini si presentano sotto forma di pacchetti di carte digitali contenenti kicker virtuali. Il contenuto esatto di questi pacchetti non è noto prima dell’acquisto. Questi bottini non sono venduti solo su Playstation, ma anche su altre piattaforme, tra cui Xbox di Microsoft, Switch di Nintendo e varie piattaforme PC.

Se le loot box costituiscano un gioco d’azzardo illegale è stato oggetto di un intenso dibattito per anni. Secondo il finanziere del contenzioso Padronos, il tribunale della contea di Hermagor ha risposto affermativamente nella sua sentenza, che non è ancora definitiva. Non c’è dubbio che il contenuto dei pacchetti “FIFA” sia basato sul caso. Il tribunale ha anche riconosciuto i pacchetti virtuali come “performance finanziaria”. In altre parole: secondo il tribunale, i fondi rubati hanno un equivalente finanziario. Ciò rappresenterebbe una scommessa e poiché Sony non ha una licenza di gioco in Austria, i contratti di vendita non sarebbero validi. Nel caso attuale, Sony deve pagare 338 euro.

In Germania la situazione giuridica è simile: si distingue tra gioco d’azzardo “reale” e “simulato” in base, tra l’altro, al valore monetario degli oggetti che si possono vincere. Sebbene i giocatori ritirati non possano essere rivenduti ufficialmente, esiste la possibilità di rivendere le credenziali di accesso per gli account. Il rischio casuale di perdere è legato anche alla distinzione tra gioco d’azzardo “reale” e “simulato”, come riportato dai giuristi Julian Cropper e Robin Anstutz in un articolo pubblicato su Il sito web del Centro federale per la protezione dell’infanzia e della gioventù è stato pubblicato sui media.

In effetti, il tribunale della contea di Hermagor ha classificato le loot box nei giochi FIFA come gioco d’azzardo reale e illegale. L’operazione è stata condotta come parte di una procedura di raccolta, registrando numeri a quattro cifre di acquirenti di Lootbox, secondo il finanziere Padronus. Si dice che i sinistri medi si aggirino intorno agli 800 euro, e in un singolo caso potrebbero raggiungere gli 85.000 euro.

Richard Epple, amministratore delegato di Padronos, ha commentato il verdetto. Ha ammesso, tuttavia, che è probabile che il processo si trascini in diversi casi. Sony ed EA non hanno ancora commentato la sentenza.

Esistono già casi simili: nei Paesi Bassi, il tribunale distrettuale dell’Aia ha multato Electronic Arts perché ha ritenuto che le loot box fossero gioco d’azzardo illegale. Tuttavia, la sentenza è stata ribaltata in misura maggiore.


(Poi)

alla pagina iniziale