Aprile 21, 2024

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Lo riportano i media americani: Trump vince le elezioni primarie nella Carolina del Sud

Lo riportano i media americani: Trump vince le elezioni primarie nella Carolina del Sud

Al: 25 febbraio 2024 alle 3:52

Donald Trump continua la sua vittoria alle primarie presidenziali repubblicane. Secondo le aspettative, il 77enne ha vinto anche a casa della sua rivale Nikki Haley in South Carolina.

L'ex presidente degli Stati Uniti Donald Trump ha vinto le elezioni primarie per la nomina presidenziale repubblicana nella Carolina del Sud. Dopo aver conteggiato circa tre quarti dei voti, ha raggiunto il 60,2%, secondo le ultime previsioni di Edison Research. La sua rivale Nikki Haley, ex governatrice dello stato conservatore nel sud-est degli Stati Uniti, è stata sconfitta come previsto e attualmente si attesta al 39,2%.

Trump e Haley hanno combattuto un altro duello nella Carolina del Sud per la nomina del loro partito alle elezioni presidenziali previste per il 5 novembre. Chiunque voglia diventare un candidato presidenziale negli Stati Uniti deve prima vincere le primarie interne del partito. I candidati vengono poi selezionati formalmente durante i congressi del partito in estate. La convention per le nomine del Partito Repubblicano è prevista per metà luglio.

NO Righelli-Ricompensa per Haley

Haley, considerato un po’ più politicamente e retoricamente moderato di Trump, sperava in un vantaggio casalingo in South Carolina. La 52enne è nata qui ed è stata la prima donna governatrice dello stato dal 2011 al 2017.

La Carolina del Sud ha all’incirca le dimensioni dell’Austria e ha una popolazione di oltre cinque milioni di persone. Circa un quarto della popolazione è nera. Le primarie della Carolina del Sud sono state la prima votazione tenutasi in uno stato del sud degli Stati Uniti. Trump era già circa 30 punti percentuali avanti a Haley nei sondaggi d’opinione condotti nella Carolina del Sud.

Trump con un record impeccabile finora

Nei sondaggi nazionali è in testa con un margine maggiore. All’ex ambasciatore americano alle Nazioni Unite Haley sono state concesse poche possibilità di sconfiggere Trump. Tuttavia, finora ha rifiutato di ammettere la sconfitta. Trump aveva già vinto le primarie precedenti negli stati di Iowa, New Hampshire e Nevada. I sostenitori di Trump esortano da tempo Haley a ritirarsi dalla corsa interna al partito.

Prima del voto in South Carolina, Haley ha chiarito ancora una volta che la corsa non è ancora finita e che non vuole arrendersi. Ora viene posta particolare enfasi sul 5 marzo, il “Super Tuesday”. Quel giorno le primarie repubblicane si terranno contemporaneamente in 15 stati. La durata della vita di Haley dipenderà anche dalla capacità di continuare a raccogliere donazioni sufficienti.

Apparentemente non ci sono difetti dovuti a procedimenti legali

La vittoria di Trump nello stato natale di Haley sottolinea ancora una volta il sostegno repubblicano alla base del partito. Nonostante i suoi problemi legali, non ha perso la sua popolarità tra i suoi sostenitori. Ci sono quattro procedimenti penali contro di lui, incluso quello per il suo tentativo di ribaltare i risultati delle elezioni presidenziali del 2020, perse contro il democratico Joe Biden.

La vittoria in South Carolina aumenta le possibilità che Trump si candidi per il Partito Repubblicano alle elezioni presidenziali previste per novembre. Finora tutto fa pensare a un altro duello tra lui e l’attuale presidente Biden.

paesi con Diverso organizzare

Nelle primarie interne dei partiti, il numero dei voti dei delegati varia a seconda del partito e dello stato. Il modo in cui vengono condotte le primarie varia da stato a stato. Sia i democratici che i repubblicani seguono il proprio sistema.

Nella Carolina del Sud, sabato i sostenitori del partito hanno deciso di scegliere il loro candidato preferito alle urne. In alcuni altri stati, il voto avviene in riunioni di piccoli partiti, chiamate caucus.