Aprile 16, 2024

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

L'Italia reintroduce il codice della strada: multe fino a 345 euro per violazioni

L'Italia reintroduce il codice della strada: multe fino a 345 euro per violazioni
  1. Pagina iniziale
  2. Consumatori

Premere

L'Italia sospende il codice della strada. Può essere costoso per i vacanzieri. Gli automobilisti dovranno fare attenzione, rischiando pesanti multe.

Bolzano – L'Italia attira ogni anno un gran numero di vacanzieri con la sua diversità culinaria e magnifici paesaggi. Ma dietro le prospettive soleggiate si nascondono anche alcune brutte micro-trappole a cui i vacanzieri in Italia devono prestare attenzione, soprattutto gli automobilisti. Il codice della strada italiano prevede pesanti sanzioni per l'uso improprio dell'aria condizionata nelle auto. La reintroduzione della regolamentazione del traffico potrebbe causare spiacevoli sorprese nell’estate del 2024 e costare di più ai vacanzieri. Soprattutto per chi viaggia con la bici nel bagaglio.

Brutta trappola in Italia: la reintroduzione del codice della strada potrebbe costare di più ai vacanzieri Gli automobilisti vengono pesantemente multati per le violazioni. (immagine di archivio) © Imago/Bruno Kickner

Rischio multe salate in Italia: torna in vigore la legge: la norma sui segnali di pericolo in auto

L'importante novità riguarda tutti i conducenti che viaggiano con biciclette, ma con sci o snowboard sul portapacchi posteriore. Dalla modifica della legge nell'agosto 2023, i portapacchi posteriori con targhe ripetibili e luci proprie sono stati esentati dall'obbligo di apporre un segnale di avvertimento bianco e rosso. Ma questa regolamentazione è stata nuovamente sospesa: anche i portapacchi posteriori illuminati e segnalati ora necessitano di un segnale di avvertimento. Chi non si adegua sarà multato di almeno 80 euro ADAC Informazione.

Normativa sui segnali di pericolo – La non osservanza comporta sanzioni gravi

Secondo l'ADAC la regola base: in Italia se si trasporta qualcosa che sporge oltre il posteriore o si utilizza il portapacchi posteriore è necessario apporre un cartello di avvertenza bianco-rosso. Se il carico sporgente posteriormente occupa l'intera larghezza del veicolo, due dei suddetti segnali di avvertenza devono essere affissi a sinistra e a destra dell'estremità laterale del carico.

Il segnale di avvertimento fissato nella parte posteriore del veicolo deve essere realizzato in lamiera, avere dimensioni di almeno 50×50 centimetri ed essere di colore rosso e bianco (cinque strisce rosse).

L'ADAC avverte: le biciclette sono considerate carichi difficili da identificare: in Italia la marcatura è obbligatoria

Un altro ostacolo al trasporto delle biciclette sono le norme sulla sicurezza dei carichi. In Italia le biciclette non possono essere più larghe di un'auto: secondo il codice della strada il carico può estendersi di solito 30 centimetri oltre le luci posteriori, ma questo non è cosiddetto difficile da vedere. oneri.

Secondo il nuovo codice della strada italiano, le biciclette sono difficili da identificare e quindi non possono essere più larghe sul portapacchi posteriore di un'auto. Queste biciclette, classificate come “carichi difficili da identificare”, possono comportare multe salate. violato. Secondo l'ADAC sono possibili multe fino a 345 euro.

Cambiamento della situazione giuridica: i ciclisti in Italia saranno multati di più

I viaggiatori che attaccano la bicicletta ai fanali posteriori dovrebbero assolutamente valutare se vogliono davvero viaggiare in Italia caricati in quel modo. Al momento non esiste alcuna certezza giuridica, poiché la sentenza del tribunale non è prevista prima dell’estate del 2024. Lo ha riferito l'Automobile Club, avvertendo che avere in macchina un determinato oggetto domestico può comportare una multa di 10.000 euro.