Dicembre 7, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

L’Italia pianifica un pacchetto di aiuti di almeno 15 miliardi di euro – EURACTIV.com

L’Italia vuole mettere da parte almeno 15 miliardi di euro nel suo bilancio 2023 per ridurre l’impatto dei costi energetici su imprese e famiglie, hanno detto a Reuters due fonti governative giovedì (3 novembre).

Il governo di destra del premier Giorgia Meloni aumenterà il disavanzo di bilancio al 4,5 per cento del prodotto interno lordo (PIL) il prossimo anno, mentre il precedente governo di Mario Draghi si aspettava il 3,4 per cento a settembre. Ciò creerà spazio per attività di espansione per un valore di circa 21 miliardi di euro.

I fondi disponibili per sostenere l’economia aumenteranno ulteriormente se le attuali proiezioni porteranno a un disavanzo inferiore il prossimo anno rispetto al 3,4% del PIL previsto due mesi fa, affermano le fonti.

La Roma vuole anche raccogliere fondi aggiuntivi cancellando parte dei quasi 9 miliardi di euro stanziati per un programma anti-povertà del 2023 chiamato Bürger:innen-Lohn.

Il nuovo Primo Ministro italiano Giorgia Meloni ha compiuto la sua prima visita a Bruxelles giovedì (3 novembre), dove ha incontrato la Presidente della Commissione Ursula van der Leyen e il Presidente del Consiglio europeo Charles Michel.

L’incontro più importante, però, è stato il pranzo con il commissario Ue all’Economia Paolo Gentiloni.

Gentiloni, che un tempo era il primo ministro italiano, è stato responsabile dell’attuazione del Patto di stabilità e crescita dell’UE, che limita i disavanzi pubblici nei paesi della zona euro al 3 per cento del PIL. L’accordo è stato sospeso a seguito della pandemia di coronavirus e la Commissione ha deciso di posticipare la reintroduzione della disciplina di bilancio al 2024 a causa della guerra in Ucraina.

READ  La maggior parte dei centenari vive in questo villaggio

“Voglio dare un segnale che siamo pronti a collaborare con l’Unione europea e difendere i nostri interessi nazionali”, ha detto giovedì Meloni ai giornalisti.

Comodità finanziaria

Le finanze pubbliche italiane hanno registrato risultati migliori del previsto quest’anno poiché l’inflazione elevata e l’aumento dei prezzi dell’energia hanno aumentato il gettito dell’IVA e delle accise. L’inflazione ha anche contribuito a ridurre l’enorme debito pubblico italiano.

Il tasso di inflazione corretto per l’UE in Italia ha raggiunto il 12,8% in ottobre, il più alto da quando sono stati registrati i dati nel 1996.

Tutto ciò ha concesso a Meloni, insediatosi il mese scorso, un prezioso spazio fiscale per stimolare la crescita economica mantenendo il rapporto deficit/PIL su un percorso discendente per gli anni a venire.

Allo stesso tempo, le norme finanziarie dell’UE sono state sospese per aiutare le economie dell’Unione a riprendersi dalla pandemia di coronavirus.

Tuttavia, Maloney ha già annunciato che ridurrà alcune delle ambiziose promesse elettorali della coalizione, come pensioni più elevate e drastici tagli alle tasse, e utilizzerà la maggior parte dei fondi disponibili per affrontare la crisi energetica.

Le nuove stime dovrebbero essere pubblicate ufficialmente venerdì nel Documento economico e finanziario (DEF) annuale del Dipartimento del Tesoro. Creeranno un quadro preliminare per la legge di bilancio 2023, che dovrà essere redatta e approvata entro la fine di quest’anno.

[Bearbeitet von Frédéric Simon]