Febbraio 21, 2024

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

L’inverno delle criptovalute è finito? Gli esperti di Morgan Stanley vedono segni della primavera di Bitcoin

L’inverno delle criptovalute è finito?  Gli esperti di Morgan Stanley vedono segni della primavera di Bitcoin

Bitcoin attualmente sembra essere a miglia di distanza dai minimi dello scorso novembre. Ma Bitcoin continuerà a crescere? Un esperto vede chiari segni di primavera cripto.

• Tendenze cicliche del mercato delle criptovalute
• Bitcoin Spring in vista del quarto halving di Bitcoin?
• Oppure il dimezzamento è già stato preso in considerazione nel prezzo del Bitcoin?

“Proprio come un agricoltore evita di piantare piantine in inverno o troppo tardi in primavera, gli investitori in criptovalute vogliono sapere quando è arrivata la primavera delle criptovalute per massimizzare la ‘stagione di crescita’ per i loro investimenti”, ha scritto Denny Galindo, un analista di Morgan Stanley. un post sulla relazione finanziaria. Home page dell’istituzione. I dati attuali suggeriscono ora che questo punto è arrivato e che l’inverno delle criptovalute potrebbe essere finito.

Pubblicità

Fai trading di Bitcoin e altre criptovalute tramite CFD (anche con gru)

Su Plus500 puoi scommettere sull’aumento e sulla diminuzione dei prezzi delle criptovalute, anche con la leva finanziaria. Prova subito il conto demo gratuito!

Plus500: Nota Suggerimenti5 Su questo annuncio.

Ciclo del Bitcoin: primavera, estate, autunno e inverno

Negli ultimi tre inverni crypto a partire dal 2011, Bitcoin ha raggiunto il suo punto più basso in media circa 13 mesi dopo il suo picco: così è anche in questo ciclo con il suo massimo storico a circa 68.000 a novembre 2021. USD e ultimo minimo a novembre 2022 a meno di 17.000 USD.

Galindo ha affermato che un aumento dei prezzi del 50% potrebbe essere considerato un sicuro segno di primavera per le criptovalute. Bitcoin è riuscito ad andare lontano quest’anno: dal suo minimo di novembre dello scorso anno, la più grande criptovaluta per capitalizzazione di mercato è aumentata di circa il 123% (al 26 novembre 2023). La fase primaverile delle criptovalute è caratterizzata anche da un interesse relativamente basso da parte degli investitori.

Storicamente, il prezzo del Bitcoin ha sempre realizzato i maggiori profitti immediatamente dopo l’halving, cioè il dimezzamento delle ricompense dei minatori nel cosiddetto processo di “proof of work”, che avviene ogni 210.000 blocchi. Il numero dovrebbe raggiungere 840.000 il 17 aprile. Il blocco è stato raggiunto e la ricompensa del minatore è stata ridotta da 6,25 a 3,125 BTC per blocco convalidato. L’offerta limitata e le ulteriori carenze causate dall’halving hanno lo scopo, da un lato, di ridurre la pressione inflazionistica su Bitcoin; D’altro canto, un evento del genere potrebbe anche innescare un altro mercato rialzista, da qui la cosiddetta “estate di Bitcoin”. “La corsa al rialzo inizia con l’halving e termina quando il prezzo del Bitcoin raggiunge il massimo precedente”, ha scritto Galindo, analista di Morgan Stanley.

Con il superamento del vecchio massimo inizierà il cosiddetto “autunno”, che susciterà anche un diffuso interesse da parte dei media e attirerà più investitori. Secondo Denny Galindo, questo periodo rappresenta il tempo fino al raggiungimento di un nuovo massimo – un’indicazione che “il mercato rialzista ha fatto il suo corso”.

Il prezzo del Bitcoin è già stato dimezzato? Dove è diretta l’ascesa di Bitcoin?

Secondo Wallstreet ONLINE, Nikolaos Panigirzoglou, analista di JPMorgan, è scettico sul fatto che l’attuale rally di Bitcoin continuerà. Secondo Wall Street Online, l’approvazione di un fondo quotato in Bitcoin da parte della Securities and Exchange Commission degli Stati Uniti, che è stata la ragione principale dell’impennata, è altamente improbabile. Inoltre, Panigirzoglou ritiene improbabile l’afflusso di nuovo capitale nel mercato delle criptovalute verso gli ETF che potrebbero essere nuovamente approvati; Si presuppone invece una riallocazione dei fondi esistenti.

Tuttavia, l’esperto di JP Morgan non vede un dimezzamento del Bitcoin in circa sei mesi, cosa che gli analisti spesso evidenziano come driver del prezzo del Bitcoin, perché l’evento è già stato scontato. Mentre Panigirzoglou identifica alcuni dei fattori che determinano i prezzi e sottolinea che permangono gli oneri derivanti dall’incertezza normativa, dai collassi e dai fallimenti, dalla riduzione dei finanziamenti di capitale di rischio o dalla mancanza di interesse istituzionale, conclude con un avvertimento: “Insieme ai nostri indicatori di posizione, che sono già nell’intervallo prima… FTX e “Siamo cauti sull’andamento dei mercati delle criptovalute.”

Redazione di Finanzen.net

Questo testo è solo a scopo informativo e non costituisce una raccomandazione di investimento. finanzan.net GmbH esclude qualsiasi pretesa di riferimento.