Aprile 23, 2024

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

L’inglese scomparsa Nicola Pole viene trovata morta in un fiume

L’inglese scomparsa Nicola Pole viene trovata morta in un fiume

Nel Regno Unito, una donna è scomparsa durante una teleconferenza settimane fa. Ora c’è una triste certezza: Nicola Polley è morto.

Dopo che il corpo di una donna è stato trovato nel nord-ovest dell’Inghilterra, la polizia ha confermato che si trattava della scomparsa Nicola Poley. La polizia del Lancashire ha detto lunedì che il corpo trovato nel fiume Weir il giorno prima era quello di una madre di due figli di 45 anni. “La famiglia di Nicola è stata informata ed è ovviamente devastata”, ha detto su Twitter.

La causa della morte è sconosciuta. Nella loro indagine, la polizia ha ipotizzato che fosse caduta nel fiume mentre portava a spasso il suo cane e che fosse annegata.

La ricerca ha tenuto il paese in sospeso per settimane. La donna risulta scomparsa dal 27 gennaio. Il consulente finanziario, che ha documentato le sue passeggiate spesso online, è stato visto per l’ultima volta portare le sue due figlie a scuola come al solito e poi portare a spasso il suo cane lungo il fiume vicino al villaggio di St Michael a Wyre.

Poco dopo, il suo cane è stato scoperto che correva libero, anche il suo telefono era sdraiato su una panchina, ancora in fase di teleconferenza. Tuttavia, non c’era traccia di Polly, fino ad ora.

“Lasciaci in pace adesso”

Un recente rapporto della polizia ha destato scalpore, in quanto la donna era alcolizzata e che i problemi erano da poco ritornati a causa della menopausa. I politici di alto livello hanno criticato il post come un’invasione inaccettabile della privacy.

In una dichiarazione della famiglia, seguita dalla conferenza stampa, i parenti hanno accusato i media britannici di strumentalizzare la questione dei dispersi e di denunciarla su larga scala, nonostante la loro richiesta di privacy. Questo non dovrebbe accadere a nessun’altra famiglia. “Lasciaci in pace adesso”, continuava la lettera – e sulla donna che è morta: “Era il centro delle nostre vite, il che ha reso le nostre vite così speciali”.