L’inflazione è in calo, ma non è ancora stata sconfitta

Date:

Share post:

Saveria Marino
Saveria Marino
"Analista incredibilmente umile. Esperto di pancetta. Orgoglioso specialista in cibo. Lettore certificato. Scrittore appassionato. Difensore di zombi. Risolutore di problemi incurabile."

Al: 1 febbraio 2024 alle 14:24

L’inflazione dei prezzi nell’Eurozona è in calo. L'inflazione scende al 2,8%, obiettivo della Bce a portata di mano. Ma gli esperti mettono in guardia dal dare il via libera troppo presto.

L’inflazione nell’Eurozona diminuisce all’inizio dell’anno. A gennaio i prezzi al consumo sono aumentati solo del 2,8% rispetto allo stesso mese dell'anno scorso, ha annunciato in una stima preliminare l'ufficio statistico dell'Unione europea Eurostat. A dicembre il tasso di inflazione è rimasto al 2,9%.

Anche la cosiddetta “inflazione core” è scesa a gennaio. Ciò non include i prezzi dell'energia e dei prodotti alimentari, che sono soggetti a fluttuazioni, e non vengono presi in considerazione alcol e tabacco.

La Banca Centrale Europea sta tornando a casa

Il presidente della Banca centrale tedesca Joachim Nagel ritiene che la Banca centrale europea stia facendo del suo meglio nella lotta contro l'inflazione. Thomas Getzel della VP Bank ritiene che “la pressione sui prezzi continuerà ad allentarsi, cosa che probabilmente accadrà nei prossimi mesi”. Ciò mette in vista l’obiettivo della BCE. Le autorità monetarie ritengono che un tasso di inflazione del 2,0% sia il tasso appropriato.

IL Problema di inflazione Non ancora risolto

Per Alexander Krüger, capo economista della Hauck Aufhäuser Lamp Privatbank AG, questi sono “segnali incoraggianti”. “Ci sono i presupposti per un ulteriore indebolimento dell'aumento dei prezzi al consumo”, ha affermato Fritzi Kohler Gibb, capo economista della Banca tedesca per lo sviluppo. In particolare, la difficile situazione economica dovrebbe tenere sotto controllo l'aumento dei prezzi.

Ma sarebbe troppo presto per dichiarare vittoria sull'inflazione, ritiene Christoph Weil della Commerzbank. La presidente della Banca centrale europea Christine Lagarde e altri banchieri centrali condividono lo stesso punto di vista. La Banca Centrale Europea non ha modificato il suo tasso di interesse di riferimento durante la sua prima riunione sui tassi di interesse di quest’anno. Si dice che il contesto geopolitico sia molto fragile. Si raccomanda cautela anche per quanto riguarda l'evoluzione salariale.

Gli aumenti salariali potrebbero alimentare nuovamente l’inflazione

La contrattazione collettiva è attualmente in corso in molti settori in Germania. Il tono è ruvido. I rappresentanti sindacali premono per salari più alti per compensare l’aumento dei prezzi in molte aree. Anche le condizioni di lavoro dei dipendenti dovrebbero migliorare. Per le imprese, la conclusione è che ciò significa spese più elevate. Questi costi vengono solitamente trasferiti ai clienti, portando a un’inflazione più elevata.

Related articles

Spagna – Italia: Disgustosa provocazione dei tifosi! Ecco perché lo Schalke viene fischiato

Ecco come domina il favorito! Nella finale preliminare, la Spagna ha vinto 2-0 contro un'altra contendente al...

Questo cavo USB-C a doppia porta condivide in modo intelligente l’alimentazione

Alimentatori e cavi: la maggior parte dei nostri lettori probabilmente ne ha alcuni a casa. I cavi...