Maggio 17, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

L’infezione da SARS-CoV-2 raddoppia il rischio di infezione nelle donne in gravidanza

In generale, l’infezione da SARS-CoV-2 raddoppia il rischio che le future mamme sviluppino gravi complicazioni durante la gravidanza.

Questo è il risultato di uno studio condotto dalla compagnia di assicurazione sanitaria Kaiser Permanente nello stato americano della California. Tra le altre cose, è stato segnalato un forte aumento dei coaguli di sangue e nascite premature, un team di autori riporta ora sulla rivista “JAMA Internal Medicine”. Ciò sottolinea ancora una volta l’importanza della vaccinazione contro il Covid 19 per le donne in gravidanza.

scelto per te

L’assicurazione sanitaria negli Stati Uniti è nota nella comunità medica da decenni per le sue indagini epidemiologiche. Assiamira Ferrara e i suoi coautori hanno confrontato i dati di 1.322 pazienti gravide di Covid-19 nel primo anno dell’epidemia con 42.554 donne in gravidanza la cui infezione non è stata confermata dal test PCR. Sebbene, secondo Deutsches Ärzteblatt, all’inizio dell’epidemia in California, solo circa un terzo delle donne in gravidanza potesse essere sottoposto a screening per SARS-CoV-2 a causa della mancanza di test disponibili, il rischio di infezioni gravi aumentava di un fattore di 2,45 tra i contagiati.

L’incidenza di trombosi ed embolia tra le persone infettate da SARS-CoV-2 era circa tre volte superiore e durante il periodo in cui tutte le donne in gravidanza sono state finalmente esaminate, l’incidenza di tromboembolia era sei volte superiore. Il tasso di nascite premature è raddoppiato. “È noto che l’infezione da SARS-CoV-2 è particolarmente pericolosa per le donne in gravidanza. Dei 1.332 membri del Kaiser Permanente in California che sono stati trovati affetti da SARS-CoV-2 nel primo anno dell’epidemia, 76 sono stati infettati”. la rivista medica ha detto, citando The Journal of the American Medical Association (JAMA) ha riferito che fino al (5,7%) sono stati ricoverati in ospedale, 28 (2,1%) hanno sviluppato una sindrome da distress respiratorio e 12 (0,9%) hanno sviluppato sepsi.

READ  Börse Express - MITOSENSE e il Dipartimento per gli affari dei veterani degli Stati Uniti concludono la ricerca collaborativa

Il fattore di rischio più importante per il decorso acuto dell’infezione da SARS-CoV-2, con un rischio sette volte maggiore, era il diabete che era presente prima della gravidanza. Le donne obese in gravidanza erano più comuni tra le persone affette da Covid-19 con un decorso grave della malattia (più il 50%), così come le donne in gravidanza con ipertensione (più il 44%) e le madri anziane (oltre i 40 anni/più il 77 per cento). cent).

Niente di tutto ciò ha avuto un effetto statisticamente significativo sui neonati in termini di stato postnatale. Tuttavia, il periodo di osservazione è stato troppo breve per tener conto dei disturbi dello sviluppo a lungo termine dovuti all’aumento del numero di parti prematuri. “Lo studio conferma l’esperienza precedente, che il virus SARS-CoV-2, a differenza dei virus della rosolia e Zika, non danneggia direttamente il feto. Tuttavia, il maggior numero di nascite premature può avere un impatto negativo sullo sviluppo dei bambini nel primi anni di vita.

La vaccinazione contro il Covid-19 è stata particolarmente raccomandata per le donne in gravidanza poiché il vaccino è stato disponibile da specialisti e comitati di esperti. Dovrebbe manifestarsi a partire dal secondo trimestre di gravidanza e quindi proteggere anche il neonato con anticorpi originari della madre.