Aprile 16, 2024

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

L'impatto su Marte ha lasciato miliardi di crateri e prove importanti

L'impatto su Marte ha lasciato miliardi di crateri e prove importanti
  1. Home page
  2. Lo sappiamo

Insiste

Sul pianeta rosso Marte, il cratere Corinto, largo 14 chilometri, è probabilmente il più piccolo cratere gigante. (Montaggio dell'immagine) © NASA/JPL-Caltech/ASU/MSSS/MRO (Montaggio)

Un nuovo studio ha rivelato dettagli affascinanti sul cratere Corinto su Marte. I risultati potrebbero cambiare la visione di Marte del passato.

MONACO DI BAVIERA – Marte è un pianeta molto interessante, e non solo per la ricerca di segni di vita passata. Anche il pianeta nel suo insieme è affascinato dalla ricerca. Ad esempio, Marte ospita la montagna e il vulcano più grandi dell’intero sistema solare. Recentemente è stato scoperto un vulcano più grande del Monte Everest terrestre. Ma i numerosi crateri del Pianeta Rosso invitano anche all'esplorazione, anche a distanza, poiché nessun essere umano ha mai messo piede su Marte.

Il Cratere Corinto su Marte è il più piccolo e grande cratere del Pianeta Rosso

Un gruppo di ricerca si è concentrato sull'esplorazione del cratere Corinto nella regione di Marte Elysium Planitia utilizzando le telecamere HiRISE e Context Camera a bordo del Mars Reconnaissance Orbiter (MRO) della NASA. Il cratere ha un diametro di circa 14 chilometri e ha fornito ai ricercatori un incentivo sufficiente per osservarlo più da vicino. Gli scienziati ritengono che gli asteroidi abbastanza grandi da provocare un cratere di queste dimensioni colpiscano Marte solo ogni tre milioni di anni.

Il gruppo di ricerca stima che l'età di Corinto sia di circa 2,3 milioni di anni, rendendolo probabilmente il più giovane grande cratere su Marte. “Corinto è un recente cratere da impatto nell'Elysium Panitea che ha prodotto uno dei più estesi sistemi di crateri secondari su Marte”, hanno affermato i ricercatori in una nota. StareChe è acceso Convegno di scienze lunari e planetarie Pubblicato e non ancora recensito.

L'impatto su Marte ha creato circa due miliardi di crateri

Il gruppo di ricerca ha scoperto che l'oggetto che ha creato il cratere Corinto ha creato anche molti piccoli crateri nell'area circostante. Il massiccio impatto ha espulso frammenti di Marte, che sono piovuti sull'area circostante e hanno creato altri crateri. Questi formavano dei motivi radiali che, secondo i ricercatori, sono ancora visibili oggi.

Questi crateri “secondari”, di cui lo studio indica circa due miliardi, si trovano principalmente a sud e sud-ovest di Corinto. Il gruppo di ricerca ha trovato il materiale più distante a 1.850 chilometri dal cratere principale. I crateri vicini al cratere principale hanno la forma di semicerchi, mentre i crateri più lontani sono più allungati e piatti.

Il cratere Corinto fornisce importanti indizi sul passato di Marte

Basandosi sul cratere principale di Corinto, il gruppo di ricerca è riuscito a fare alcune dichiarazioni sull'impatto e sulle condizioni di Marte in quel momento. Secondo lo studio, il corpo in collisione, molto probabilmente un asteroide, proveniva da nord e colpì Marte con un angolo compreso tra 30 e 45 gradi. Secondo i ricercatori, era fatto di “basalto duro ed efficiente”.

Il gruppo di ricerca ha scoperto molti crateri all'interno del buco, profondo circa un chilometro. Ciò porta i ricercatori a credere che la regione di Marte fosse coperta da acqua o ghiaccio d’acqua quando colpì circa 2,3 milioni di anni fa. “I crateri sul terreno indicano il drenaggio sotterraneo o lo scarico di materiali bersaglio ricchi di ghiaccio”, afferma lo studio. Questa è una prova importante per la ricerca che studia il percorso e la scomparsa dell’acqua su Marte. (fattura non pagata)

L'editore ha scritto questo articolo e poi ha utilizzato un modello linguistico AI per migliorarlo a sua discrezione. Tutte le informazioni sono state attentamente controllate. Scopri di più sui nostri principi di intelligenza artificiale qui.