Maggio 25, 2024

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

L’idea potrebbe essere “allettante”: Blinken mette in guardia contro i colloqui per il cessate il fuoco

L’idea potrebbe essere “allettante”: Blinken mette in guardia contro i colloqui per il cessate il fuoco

L’idea potrebbe essere “allettante”.
Un lampo avverte di trattative per il cessate il fuoco

Il Segretario di Stato americano Blinken non pensa che sia una buona idea negoziare un cessate il fuoco in Ucraina ora. Sebbene questo approccio sia allettante, il pericolo non è solo la capacità del Cremlino di raggruppare le sue forze. Pertanto l’obiettivo deve essere una pace giusta e duratura.

Il segretario di Stato americano Antony Blinken sta attualmente escludendo colloqui di cessate il fuoco tra Ucraina e Russia. “Per alcuni, l’idea di un cessate il fuoco può essere allettante – e lo capisco. Ma se ciò equivale a un’approvazione pratica del sequestro da parte della Russia di importanti terre ucraine, questa non sarà una pace giusta e duratura”, Blinken ha detto ai giornali. Per il gruppo mediatico Funke e il quotidiano francese “Ouest-France”.

E il visir ha giustificato la sua opinione, la Russia potrebbe riorganizzare le sue forze e attaccarle di nuovo dopo un certo tempo. La Russia deve raggiungere il punto in cui è pronta ad avviare negoziati costruttivi. L’obiettivo deve essere una pace giusta e duratura.

Proprio ieri, venerdì, Mosca ha annunciato le sue condizioni per tali negoziati. Dal punto di vista della Russia, i colloqui di pace sono possibili solo come parte di un “nuovo ordine mondiale” senza l’egemonia statunitense. Il ministro degli Esteri Sergey Lavrov ha affermato durante una visita in Turchia che i negoziati dovrebbero basarsi sulla presa in considerazione degli interessi russi. “Si tratta dei principi su cui si baserà il nuovo ordine mondiale”. Riferendosi agli Stati Uniti, il massimo diplomatico russo ha sottolineato che è necessario un nuovo ordine mondiale in modo che le fortune dell’intero mondo non siano determinate da “una potenza egemonica”.

Giovedì il capo di Stato cinese Xi Jinping e il presidente francese Emmanuel Macron hanno chiesto colloqui di pace per l’Ucraina. Macron ha detto dopo un incontro bilaterale a Pechino che l’obiettivo era “riprendere i colloqui il prima possibile per una pace duratura”. Da parte sua, Xi ha sottolineato che le armi nucleari “non possono essere usate” e ha condannato “gli attacchi ai civili”.