L’IA aperta minaccia di ritirarsi dall’Europa

Date:

Share post:

Saveria Marino
Saveria Marino
"Analista incredibilmente umile. Esperto di pancetta. Orgoglioso specialista in cibo. Lettore certificato. Scrittore appassionato. Difensore di zombi. Risolutore di problemi incurabile."

Stato: 25/05/2023 18:40

È in fase di elaborazione una nuova legge per affrontare l’intelligenza artificiale nell’Unione europea. Il capo di OpenAI ha minacciato di ritirarsi dal mercato europeo se le regole non saranno allentate.

Il fornitore di servizi ChatGPT OpenAI ha minacciato un possibile ritiro dall’Europa alla luce delle previste normative dell’Unione Europea (UE) per l’intelligenza artificiale (AI). “L’attuale progetto di legge dell’UE sull’intelligenza artificiale sarebbe eccessivamente regolamentare”, ha dichiarato ieri Sam Altman, capo di Microsoft Holdings OpenAI, durante un evento a Londra. Nonostante il gruppo voglia cercare di adeguarsi alle nuove normative legali, in caso di dubbio l’azienda sarà disposta a voltare le spalle al mercato europeo.

Altman è stato più indulgente oggi. “L’intelligenza artificiale deve essere regolamentata”, ha affermato in un evento presso la Technical University (TU) di Monaco. “L’abbiamo chiesto”. Ci sono ottimi approcci anche in Europa. “Ma abbiamo bisogno di più chiarezza.” Bisogna aspettare e vedere come si sviluppa l’intelligenza artificiale e solo allora farsi coinvolgere da parte dello Stato. Prima di visitare Monaco, il co-fondatore di OpenAI ha fatto una breve deviazione a Berlino e lì ha incontrato il cancelliere Olaf Schultz (SPD).

Con l’intelligenza artificiale, i testi possono essere generati in breve tempo.
Di più

I dettagli sono attualmente in fase di negoziazione

In considerazione dei vari pericoli dell’intelligenza artificiale, l’Unione Europea sta progettando una cosiddetta legge sull’Intelligenza Artificiale (AI). La legge mira a regolamentare la fornitura e l’uso diffuso dell’intelligenza artificiale da parte di attori sia privati ​​che pubblici. Tra le altre cose, la legge stabilisce che le aziende che sviluppano la cosiddetta IA generativa come ChatGPT devono divulgare il materiale protetto da copyright utilizzato.

I rappresentanti del Parlamento, del Consiglio dell’Unione europea e della Commissione stanno attualmente definendo i dettagli. Oltre alle consultazioni sulla regolamentazione, l’UE vuole convincere le aziende ad assumere un impegno volontario. A tal fine, la Commissione sta pianificando un accordo quadro con il conglomerato Internet Google e altre società. La proposta è ancora oggetto di discussioni in corso.

Con il rilascio di ChatGPT, OpenAI ha suscitato l’attuale clamore attorno all’IA generativa. Simula l’interazione umana e può generare testi, immagini o video con poche parole chiave. Secondo gli esperti, questo aumenta anche i rischi di campagne di disinformazione.

Related articles

Nuovo favorito per le vacanze: scelto come il lago più bello d’Italia

Pagina inizialeviaggiostava in piedi: 13 luglio 2024, 14:45Da: Francisca KindlPremeredivisoUna guida turistica italiana ha nominato per la nona...

Gli esami di laboratorio rivelano la presenza di sostanze tossiche

Home pageconsumatorestava in piedi: 13 luglio 2024 alle 19:09da: Romina KunziInsisteDivideLe donne si espongono regolarmente al pericolo senza...

Notizie di mercato: Desiree Doue nuovo obiettivo

Il Bayern Monaco sta preparando la sua squadra per la nuova stagione. Il Monaco punterà anche sul...

Verrà distribuito Android Auto 12.4

Android Auto 12.4 è distribuito da Google. Come sempre, potrebbe volerci del tempo prima che la nuova...