Novembre 29, 2021

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

L’Etiopia è diventata molto pericolosa: la Gran Bretagna invita i suoi cittadini a lasciare il Paese

L’Etiopia è diventata molto pericolosa
La Gran Bretagna invita i suoi cittadini ad andarsene

I servizi di messaggistica sono stati bloccati in Etiopia da lunedì sera e il Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite osserva con preoccupazione la guerra civile del Paese. La Gran Bretagna esorta i suoi cittadini a lasciare il paese. Il governo tedesco non è ancora andato così lontano.

A causa del violento conflitto in Etiopia, la Gran Bretagna ha chiesto ai suoi cittadini di lasciare il Paese. Il Foreign Office di Londra ha affermato che i britannici dovrebbero lasciare il paese dell’Africa orientale “finché i voli commerciali sono ancora disponibili”. Uscire sarà probabilmente più difficile nei prossimi giorni. Per gli inglesi, ad eccezione dell’aeroporto della capitale, l’avviso di viaggio vale ora per l’intero Paese.

Finora la Germania ha consigliato solo ai cittadini tedeschi di verificare se la loro presenza è “assolutamente essenziale”. Con quasi 115 milioni di abitanti, l’Etiopia è il secondo paese africano per popolazione. Lo stato multietnico è stato a lungo considerato un pilastro di stabilità nella regione. Ora sta minacciando di disintegrarsi a causa dei combattimenti. Il governo centrale è stato indebolito. Il conflitto tra il governo centrale etiope e il Fronte di liberazione del popolo del Tigray, iniziato circa un anno fa, si è ora esteso ad altre parti del Paese. Insieme ai ribelli dell’Esercito di Liberazione Oromo (OLA), il Fronte di Liberazione Popolare del Tigray avanza nella capitale, Addis Abeba.

Testo dei lavoratori delle Nazioni Unite

Nel frattempo, le Nazioni Unite chiedono l’immediato rilascio di più di una dozzina di membri del personale delle Nazioni Unite dall’Etiopia. Il portavoce Stephane Dujarric ha affermato che 22 membri del personale locale di varie agenzie delle Nazioni Unite sono stati arrestati ad Addis Abeba senza fornire motivazioni. 16 di loro sono ancora in detenzione. È necessario liberarli”.

Dujarric non ha voluto dire se i detenuti fossero dipendenti delle Nazioni Unite della regione del Tigray. “Sei etiope. Sei un dipendente delle Nazioni Unite e vogliamo rilasciarti indipendentemente dall’etnia sulla tua carta d’identità”.

Poche settimane fa, sette membri dello staff delle Nazioni Unite sono stati licenziati in un atto senza precedenti. Il segretario generale Antonio Guterres ha accusato l’Etiopia di violare il diritto internazionale. Dujarric ha affermato che Guterres è frustrato dal fatto che le Nazioni Unite non possano fornire gli aiuti umanitari necessari a centinaia di migliaia di persone affamate. Un alto diplomatico delle Nazioni Unite ha avvertito martedì al Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite di una guerra civile dilagante che potrebbe “inondare” il paese dell’Africa orientale. I servizi di messaggistica Facebook, Telegram e Whatsapp sono bloccati da lunedì sera.

READ  Escalation conflitto profughi: Lukashenko punta alle armi nucleari di Putin