L’espresso costa solo 1 euro in Italia: perché?

Date:

Share post:

Piero Esposito
Piero Esposito
"Appassionato di alcol. Ninja di Twitter. Amante della TV. Cade molto. Fanatico del caffè hipster."
  1. Pagina iniziale
  2. viaggio

Il caffè fa parte della cultura in Italia. L’espresso in particolare è parte integrante della vita lì. Pertanto, non dovrebbe essere venduto a un prezzo più alto.

Non per niente l’Italia è una delle destinazioni di viaggio più popolari. Il paese dell’Europa meridionale ha molto da offrire in termini di cultura e cucina. Ma l’Italia non è solo il paese della pizza, della pasta e del gelato: anche il caffè è parte integrante della “dolce vita”. Gli amanti del caffè provenienti da tutto il mondo vengono in Italia per vivere una tradizione unica.

Soprattutto l’espresso è molto popolare tra gli italiani: dopotutto questa specialità è stata inventata a Milano. L’espresso è ormai bevuto in tutto il mondo, ma in Italia questo metodo di preparazione del caffè è parte integrante della cultura. Ci sono anche sforzi per rendere l’espresso italiano un patrimonio mondiale dell’UNESCO. Quello che pochissimi turisti sanno: in Italia un espresso non costa più di un euro. Tuttavia, questa regola si applica solo a determinate condizioni.

L’espresso è un alimento base in Italia

Al giorno d’oggi, la maggior parte degli italiani beve l’espresso più volte al giorno. Cento anni fa le cose erano diverse: nel 1900 il caffè era considerato un bene di lusso. Le persone che potevano bere la bevanda di fagioli amari fuori casa erano solitamente di classe superiore. Ma già allora il caffè era visto come una parte essenziale della vita. Ecco perché nel 1911 la bevanda calda venne aggiunta all’elenco degli altri alimenti di base. Ad esempio, come il pane, il caffè era visto come una “necessità”. Pertanto, dovrebbe continuare ad avere lo stesso prezzo per tutti i cittadini. Un prezzo soglia fisso stabilisce il prezzo massimo di un espresso.

Questo decreto vale ancora oggi, ma solo per il “café al banco”, cioè un caffè veloce al bar. Chi si siede davanti a un espresso di solito deve mettere mano alle tasche: spesso il caffè costa tre euro. La maggior parte dei turisti non è a conoscenza della legge sul caffè speciale e quindi paga più del necessario. D’altra parte, la gente del posto spesso resta al bar.

Un cliente tiene in mano una tazzina di caffè espresso al bar
Bere un espresso veloce al bar: questo rito è obbligatorio per molti italiani. ©IMAGO

Prezzo dell’espresso italiano: non deve essere sempre un euro

Il rispettivo comune decide il prezzo. Il valore medio è di un euro. C’è un netto divario tra nord e sud: nel ricco nord l’espresso è solitamente più costoso, mentre nel sud Italia il prezzo può essere inferiore a un euro. In generale, i prezzi dell’espresso non differiscono notevolmente tra loro, se bevuto “al banco”. In caso contrario, gli albergatori spesso addebitano costi di servizio elevati. Soprattutto in città costose come Venezia, invase ogni anno dai turisti, un espresso costa più di sei euro.

Non vuoi perderti novità e consigli su vacanze e viaggi?

Iscriviti alla newsletter di viaggio regolare del nostro partner Merkur.de.

Se vuoi risparmiare in modo intelligente, la prossima volta bevi il tuo espresso al bancone. D’altra parte, molti vacanzieri non vogliono avere fretta durante il loro viaggio. Se hai tempo e hai bisogno di una pausa, sarai felice di pagare un piccolo extra per sederti con una tazza di caffè e goderti l’atmosfera vivace del bar. Alla fine, dipende da lui come godersi il caffè durante le festività natalizie: seduto al bar in tipico stile italiano o con un giornale in mano. In ogni caso, i ristoranti sono più felici quando gli ospiti si siedono e lasciano più soldi.

Firenze: un espresso troppo caro porta a multe

A causa della regolamentazione speciale sui prezzi del caffè, i gestori dei bar dovrebbero aspettarsi conseguenze disastrose se applicano un prezzo diverso. L’anno scorso ci fu uno scandalo a Firenze: un uomo chiamò la polizia quando in un bar gli chiesero di pagare due euro per un espresso decaffeinato. L’ospite del bar non si era accorto che il locatore gli faceva pagare il doppio del prezzo normale. Come il portale di notizie italiano, tra gli altri Firenze oggi Secondo quanto riferito, la polizia era effettivamente d’accordo con lui. Il proprietario ha dovuto pagare una multa di 1.000 euro perché nel bar non si vedeva il prezzo delle bevande. Gli operatori dei bar generalmente devono fornire informazioni sui prezzi.

Related articles

Lava dell’Etna – chiuso l’aeroporto di Catania

Berlino. L'Etna torna a eruttare in Sicilia paralizzando l'aeroporto di Catania: voli cancellati o...

Taylor Swift gioca ad Amburgo: gli Swifties festeggiano sul campo | NDR.de – Cultura – Musica

Al: 23 luglio 2024 alle 16:12 Oggi e domani Taylor Swift eseguirà il suo concerto “Eras Tour” davanti a...