Agosto 11, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Legge sui mercati digitali: l’Europa vuole spezzare il potere delle aziende tecnologiche | Politica

Qui è dove troverai i contenuti di Podigee

Per interagire o visualizzare i contenuti di Podigee e altri contenuti esterni, abbiamo bisogno del tuo consenso.

Facebook, Amazon, Apple, Netflix, Google: quasi tutti usano ogni giorno gli spettacoli dei grandi colossi della tecnologia. Ciò si traduce in un potere di mercato significativo – e l’UE ora vuole limitarlo.

Google da solo ha generato 209 miliardi di dollari di vendite pubblicitarie nel 2021. Per fare un confronto: le entrate statali dell’Austria sono state di 201,8 miliardi di euro nello stesso anno.

Martedì scorso (5 luglio), il Parlamento europeo ha approvato il Digital Markets Act per consentire una concorrenza più equa. Il piano prevede che le grandi aziende tecnologiche, ovvero quelle con un fatturato annuo di almeno 7,5 miliardi di euro o più di 75 miliardi di euro di capitalizzazione di mercato, dovrebbero dare ad altre aziende più piccole e agli utenti un maggiore controllo sull’utilizzo delle loro offerte.

Gli operatori di app store come Google o Apple non dovrebbero essere in grado di decidere da soli quale software installare sugli smartphone e quindi devono aprire il proprio software agli app store di altri fornitori.

I servizi di messaggistica dovrebbero essere in grado di comunicare tra loro in futuro. Se non raggiungi più la tua cerchia di amici solo tramite Whatsapp, ma anche con altre app di messaggistica più piccole, la concorrenza aumenterà e anche le aziende più piccole avranno la possibilità di partecipare al grande gioco aziendale.

Contesto: i fornitori più piccoli dall’Europa hanno difficoltà a tenere il passo con le grandi aziende tecnologiche della Silicon Valley. Sebbene le aziende tecnologiche continuino a sostenere che non abuseranno del loro potere di mercato per inghiottire altri fornitori di servizi o escluderli dalla concorrenza, crescono i dubbi sul loro modello di business.

“I giganti del digitale sono così grandi che volevano stabilire da soli le regole per l’economia digitale con i propri termini e condizioni generali. Mentre questo era positivo per i suoi azionisti, era negativo per i consumatori e l’economia, perché dovevano semplicemente accettare it”, il politico dell’UE Andreas Schwab dice a BILD (CDU), 49): “Questo non funziona in una democrazia – il legislatore, non i monopolisti, fa le regole”. Schwab è un membro del Parlamento europeo e ha svolto un ruolo di primo piano ruolo nel processo legislativo.

Il politico dell’UE Andreas Schwab (49, CDU) ha sviluppato il Digital Markets Act al Parlamento europeo

Foto: Photo Alliance / Geisler-Fotopress

Spera che i consumatori abbiano più scelte in futuro: “Presto banche diverse da Google Pay saranno in grado di offrire ‘paga alla cassa con il tuo telefono'”. Se non vuoi che Facebook e Google ti seguano digitalmente ad ogni turno, presto avrai un’opzione in Impostazioni il tuo account.”

Schwab non teme che i giganti della tecnologia ignorino semplicemente le nuove regole: “La Commissione dispone di un ampio arsenale di sanzioni e strumenti di applicazione: possono essere imposte sanzioni fino al 20 percento delle vendite annuali globali o anche una parte minore: queste sono quindi niente più noccioline”, dice Schwab. .

Ad esempio, se la società madre di Facebook Meta (vendite annuali 2021: 118 miliardi di dollari) viola la legge, vengono minacciate sanzioni fino a 23,6 miliardi di dollari, e non è un’impresa da poco anche per un’azienda digitale!

“I giganti del digitale giocano da molto tempo al gioco del gatto e del topo con le autorità nazionali, a volte pagando multe piuttosto che rispettare gli ordini della Commissione. Ma questa è la fine: chiunque svolga affari in Europa deve rispettare le nostre regole, indipendentemente dal fatto che offline o online”, afferma Schwab.

READ  Netto ed Edeka reagiscono agli aumenti di prezzo