Febbraio 27, 2024

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Le vecchie banconote sono piene di storie strane

Le vecchie banconote sono piene di storie strane

I tedeschi possiedono ancora miliardi di marchi tedeschi e due casi curiosi di quest’anno mostrano il sentimento associato allo scambio.

Spesso i conflitti nelle società di persone sono innescati da piccole cose, ma la Bundesbank raramente svolge il ruolo di arbitro, come nel caso seguente: Il fatto che suo marito abbia inviato 20,78 DM alla Bundesbank per lo scambio senza il suo consenso, ha molto turbato la moglie. L’uomo ha chiesto in tutta fretta la restituzione delle monete prima che arrivassero alla filiale della Banca centrale tedesca.

“Per fortuna i nostri colleghi della filiale di Magonza hanno riconosciuto la spedizione e l’hanno restituita immediatamente. Speriamo di riuscire a disinnescare un po’ il conflitto”, ha detto Burkhard Balz, membro del consiglio di amministrazione della Bundesbank tedesca. Tuttavia, quest’anno la Bundesbank tedesca è riuscita a scambiare con successo vecchie banconote e monete del marco tedesco in oltre 91mila casi.

Esistono ancora 12,2 miliardi di marchi

Da gennaio a fine novembre sono stati raccolti 53 milioni di marchi tedeschi, equivalenti a oltre 27 milioni di euro. Ciò significa che il volume è aumentato per la seconda volta consecutiva. “Ci aspettiamo che nei prossimi anni verranno scambiati molti marchi tedeschi”, ha detto Balz. “Soprattutto quando si puliscono case e appartamenti ereditati, è più probabile che si trovino marchi tedeschi.”

Anche dopo quasi 22 anni dall’introduzione dell’euro all’inizio del 2001/2002, banconote e monete per un valore di miliardi di marchi tedeschi non sono ancora state restituite. Secondo la Bundesbank, a fine novembre 2023 il valore totale ancora in circolazione ammontava a circa 12,2 miliardi di marchi (circa 6,24 miliardi di euro).

Una dichiarazione d’amore del 1996 su una banconota da cinque marchi

“Sono sempre impressionato da quanto il marco tedesco non sia tornato alla Bundesbank, anche nel terzo decennio dopo la sostituzione della valuta nazionale con l’euro”, ha detto Balz. Alcune vecchie banconote e monete potrebbero non essere mai sostituite, ad esempio perché sono nelle mani di collezionisti. La Bundesbank sospettava anche importanti partecipazioni all’estero, poiché il marco tedesco era popolare in tutto il mondo come valuta di riserva.

L’amore dei tedeschi per il denaro contante è spesso espresso nei sondaggi d’opinione. Tuttavia, una dichiarazione d’amore scritta a mano sulle banconote sarebbe rara: “Topolino mio, volevo solo dirti quanto mi manchi. Mio caro”. Questo è ciò che l’autore, che la Bundesbank sospetta sia un uomo, ha scritto su una banconota da cinque marchi arrivata quest’anno alla banca centrale.

Sulla banconota sono state riportate anche la data e l’ora dell’espressione d’amore: 14 giugno 1996, ore 23,20. La banca centrale tedesca ha dichiarato che la banconota da cinque era apparentemente al sicuro per 27 anni perché era in ottime condizioni. Alla fine, il pezzo unico è finito nel trituratore come altri vecchi stock.

Fai una donazione alla Società per la protezione degli animali di D-Mark

In un altro caso sono rimasti almeno innumerevoli animali: poco dopo l’inizio del nuovo anno, un uomo si è recato in una filiale della Banca centrale tedesca e si è presentato come membro di un’associazione locale per la protezione degli animali. A Natale la società ha ricevuto una donazione inaspettata: 24.900 marchi tedeschi in banconote da 100 marchi. Dopo aver chiarito l’origine delle banconote gialle e sporche, alcune delle quali legate con nastro adesivo, e dopo averne provata l’autenticità oltre ogni ragionevole dubbio, la Banca centrale tedesca ha trasferito l’equivalente di circa 13.000 euro alla Società per la protezione degli animali.

Le banconote per un valore di circa 5,7 miliardi di marchi e le monete per un valore di circa 6,6 miliardi di marchi non sono ancora state restituite. Chi ha ancora vecchi marchi tedeschi o li trova per caso, può offrirli per il cambio gratuito in tutte le 31 filiali della Bundesbank o per posta tramite la filiale della Bundesbank a Magonza (maggiori informazioni al riguardo qui). Il cambio è fisso sottraendo l’euro: per 1.95583 marchi tedeschi si ottiene 1 euro.

La Germania è uno dei sei paesi dell’Eurozona in cui la vecchia valuta nazionale può essere cambiata con l’euro per un periodo di tempo illimitato. Ciò vale a tempo indeterminato anche in Austria e Irlanda nonché nei tre Stati baltici: Estonia, Lettonia e Lituania.