Aprile 23, 2024

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Le scimmie hanno il senso della giustizia? – conoscenza

Le scimmie hanno il senso della giustizia?  – conoscenza

Non solo gli esseri umani, ma anche molti animali si sentono frustrati quando vengono trattati ingiustamente. È impressionante da vedere in uno Video conosciutoDove una scimmia lancia fette di cetriolo al suo addestratore che gliel’ha dato. Il motivo del capriccio: la donna aveva nutrito un’altra scimmia accanto a lui con uva dolce, che piace molto agli animali.

Molti ricercatori comportamentali interpretano tali osservazioni simili in vari primati, ma anche in lupi, ratti e corvi come un’indicazione che non solo gli esseri umani hanno un senso di giustizia, ma anche molti animali. Ma è davvero così?

Un esperimento condotto dai ricercatori del German Primate Center Göttingen (DPZ) utilizzando scimmie Sinomolgussuggerisce che la rabbia degli animali trattati ingiustamente potrebbe avere anche un’altra causa: la disillusione sociale nei confronti del loro “umano”, che manderebbe loro cibo mediocre, ma avrebbe anche l’opportunità di offrire loro un dolcetto.

Gli animali non si aspettano un trattamento equo dalle macchine, lo fanno dagli umani

Gli scienziati hanno testato 12 scimmie cynomolgus di età compresa tra uno e sette anni. Durante l’esperimento, gli animali dovevano tirare una leva per ottenere una ricompensa. Una volta che si sono allontanati, una macchina ha iniziato a consegnare un pezzo di pepe alla scimmia su un piccolo nastro trasportatore. Tutti gli animali del test avevano un “partner” che sedeva in vista dello stesso strumento e faceva esattamente la stessa cosa, tranne che invece del pepe, venivano ricompensati con l’uva, che era più popolare tra le scimmie.

Quando la ricompensa veniva data automaticamente agli animali dalla macchina, le scimmie private accettavano l’ingiustizia e mangiavano il pepe. La reazione delle scimmie trattate ingiustamente è stata molto diversa quando un essere umano noto agli animali ha preso parte all’esperimento. Quando le scimmie hanno visto gli umani mettere i peperoni sul nastro trasportatore come ricompensa per aver azionato la gru mentre davano uva alle loro scimmie partner per lo stesso “risultato”, gli animali hanno risposto con frustrazione.

“Qualcuno ha rifiutato la ricompensa e non l’ha nemmeno tolta dal nastro trasportatore”, afferma la psicologa Stephanie Kube, coinvolta nello studio. “Altri hanno preso il pepe in grani ma poi lo hanno lasciato cadere con noncuranza, e altri ancora si sono stancati di condividere dopo questa esperienza e hanno smesso di tirare la leva”.

Questo comportamento, secondo gli autori dello studio, si adatta meglio alla delusione sociale della persona che decide di dare loro una ricompensa inferiore. “Le scimmie non hanno aspettative sociali per una macchina, e quindi non sono deluse”, afferma Rowan Titchener, primo autore dello studio, in un comunicato stampa DPZ.

L’avversione di fondo per il trattamento ineguale, che i biologi comportamentali chiamano “avversione ineguale”, che presuppone il confronto sociale con determinati oggetti e un senso di giustizia, non sembra essere il caso, almeno, delle scimmie cynomolgus. Altrimenti si arrabbieranno anche se il robot li metterà in svantaggio rispetto a quanto specificato.

“Se le scimmie cynomolgus avessero un senso di giustizia, ci si aspetterebbe che l’animale favorito dia qualcosa agli svantaggiati”, afferma Stephanie Kube. “Ma questo non è stato notato prima.” Con le persone è diverso: anche i bambini dell’asilo protestano e difendono un bambino privato a cui è stato regalato un giocattolo o una caramella. Spesso cercano anche di rimediare all’ingiustizia e regalano parte della loro proprietà.