Febbraio 21, 2024

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Le perdite del Pentagono: uno sguardo all’interno della sala macchine spia

Le perdite del Pentagono: uno sguardo all’interno della sala macchine spia


sfondo

Stato: 04/12/2023 16:26

I documenti dell’intelligence statunitense apparsi su Internet lasciavano Washington bisognosa di una spiegazione. Ma mostra anche quanto siano potenti le spie statunitensi e che i paesi alleati possono ancora essere spiati.

E non è ancora chiaro chi abbia messo in rete le carte riservate, che al momento fanno scalpore solo a Washington. Mentre l’FBI sta ora cercando la fuga di notizie, la comunità dell’intelligence statunitense sta cercando di limitare i danni. William Burns, il capo della CIA, ha definito la fuga di notizie “estremamente sfortunata”. Ora è il momento di imparare le giuste lezioni dall’incidente. Tuttavia, ha anche imparato sul suo lavoro ad avere notti insonni.

Poco si sa sui retroscena esatti delle “Leaks del Pentagono”, come viene ora chiamata la pubblicazione di documenti classificati dal Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti. Ma sembra che all’inizio di marzo, o forse anche prima, qualcuno abbia diffuso su Internet un centinaio di documenti militari e di intelligence statunitensi. Deep in the net, sulla piattaforma Discord, è un forum per giocatori PC.

Documenti segreti dal forum del giocatore

I documenti classificati di Gamerforum forniscono una rara visione della sala macchine dell’apparato di spionaggio americano. Sebbene mostrino solo una frazione di ciò che gli agenti, i satelliti e la tecnologia di intercettazione di CIA, NSA e Co. forniscono quotidianamente, i pochi rapporti giornalieri della primavera chiariscono che i servizi di intelligence statunitensi sembrano avere un accesso significativo alla Russia , la Cina o l’Iran o la Corea del Nord, e potrebbero continuare a spiare le nazioni alleate dieci anni dopo le rivelazioni dell’informatore Edward Snowden.

Si tratta di documenti illustrati, tra cui numerosi rapporti sulla situazione e analisi dell’andamento della guerra in Ucraina. Ma improvvisamente su Internet è apparso il “Daily Intelligence Update”, che è un riassunto quotidiano delle scoperte dei servizi segreti. Quasi tutti i documenti sono classificati come “classificati” o addirittura “top secret”, e contengono informazioni provenienti da procedure tecniche di intercettazione e da fonti umane. Viene menzionato anche un sistema satellitare precedentemente sconosciuto chiamato “Lapis”.

Non è noto se la persona che ha fotografato i documenti fosse la stessa persona che alla fine li ha pubblicati online. Ad ogni modo, l’utente del forum Discord da allora ha cancellato il proprio account. Inoltre, non è chiaro se i documenti classificati siano del tutto reali o se il singolo contenuto sia stato contraffatto. Il governo degli Stati Uniti non ha ancora commentato questo. Tuttavia, i rappresentanti della Casa Bianca e del Pentagono hanno già indicato che i documenti sono essenzialmente autentici.

Sembra che Wagner e il Cremlino abbiano spiato su larga scala

Mostrano che le forze armate russe, il gruppo mercenario di Wagner e il Cremlino sono apparentemente spiati su vasta scala dagli americani. I giornali hanno descritto operazioni militari russe, come gli attacchi missilistici contro l’Ucraina, che non erano ancora avvenuti ma che probabilmente erano già stati diffusi.

Funzionari dell’intelligence russa avrebbero affermato che era stato deciso di cooperare con le spie degli Emirati Arabi Uniti contro gli Stati Uniti e la Gran Bretagna. Si dice anche che il sovrano egiziano Abdel Fattah al-Sisi sembra stia pianificando di sostenere segretamente la Russia con missili e munizioni.

Secondo i giornali, i servizi americani hanno anche informazioni che i mercenari Wagner stanno cercando di ottenere armi in Turchia e che il leader del Consiglio militare in Mali ha offerto aiuto. E che i mercenari russi vogliono diventare attivi nella nazione caraibica di Haiti, proprio alle porte dell’America.

Ma oltre a spiegare in modo esauriente la guerra in Ucraina, il programma nucleare iraniano oi progetti missilistici della Corea del Nord, i documenti riservati mostrano anche che gli Stati Uniti continuano apparentemente a spiare le nazioni alleate.

Anche il Mossad potrebbe essere stato intercettato

Sulla Corea del Sud, ad esempio, i giornali dicono che si sa che il governo di Seoul è diviso al suo interno su un piano per esportare armi nell’Europa orientale. Sono più di 300.000 proiettili di artiglieria. È stato citato da una conversazione tra due funzionari della sicurezza sudcoreana che le munizioni dovrebbero essere consegnate prima alla Polonia, ma in realtà sono destinate all’Ucraina.

In Israele, anche il leggendario servizio di intelligence straniero “Mossad” viene intercettato dagli americani. Almeno un giornale ha riferito che, secondo la CIA, informazioni tecniche hanno rivelato che la direzione del Mossad ha incoraggiato i dipendenti a protestare contro la controversa riforma giudiziaria del governo di Benjamin Netanyahu.

Nelle carte riservate compare anche uno Stato membro dell’UE. Si dice che il primo ministro ungherese Viktor Orban abbia definito gli Stati Uniti uno dei tre principali nemici del suo partito Fidesz in un evento interno al partito a febbraio.

D’altra parte, non dovrebbe sorprendere che i circoli statunitensi prestino particolare attenzione all’Ucraina, nonostante – o forse proprio grazie – al sostegno occidentale. Secondo i documenti trapelati, nei suoi colloqui con i suoi militari alla fine di febbraio, il presidente ucraino Volodymyr Zelensky ha proposto di attaccare gli avamposti militari in Russia, ad esempio vicino a Rostov. E con droni armati, perché l’Ucraina non dispone ancora di sistemi missilistici con una tale portata.

Un altro documento affermava che c’erano informazioni secondo cui l’intelligence ucraina riteneva che “i suoi agenti bielorussi avessero disobbedito agli ordini” e il 28 febbraio ha utilizzato droni per attaccare un aereo militare russo in un aeroporto bielorusso.

Per i servizi americani, i rilasci sono molto spiacevoli e dannosi. Dopotutto, la divulgazione e l’accesso alle fonti hanno spesso un impatto diretto sul lavoro di intelligence. Inoltre, il governo Biden dovrà ora cercare di spiegare gli informatori ai paesi partner. Un argomento potrebbe essere che la fiducia può essere molto preziosa, specialmente in tempo di guerra, ma a volte può guardare dietro le quinte.