Dicembre 5, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Le misure corona hanno anche ucciso un tipo di influenza

influenza

Le misure epidemiologiche hanno anche causato la morte di un tipo di influenza completamente

La diversità genetica dei virus dell’influenza è stata gravemente distrutta dalle misure adottate per combattere l’epidemia. Non è stata rilevata alcuna variante da aprile 2020. Cosa significa questo per le imminenti ondate di influenza?

Negli ultimi due inverni, le persone sono andate raramente a letto con l’influenza, che cambierà di nuovo in futuro.

Foto: Andreas Gebert/Keystone

Prima della pandemia della corona, le onde influenzali erano la nostra compagna annuale. Quasi ogni inverno c’era un’epidemia causata da virus influenzali. Non solo le misure pandemiche contenevano SARS-CoV-2, ma negli ultimi due anni ci sono stati anche pochissimi casi di influenza.

“In primo luogo, gli ultimi due anni hanno dimostrato che l’influenza è trasmessa dalle goccioline e può essere facilmente controllata con una maschera chirurgica e il distanziamento sociale”, afferma lo scienziato delle malattie infettive Christophe Vu dell’ospedale cantonale di Aarau. Secondo Fox, sarà importante ricorrere a tali misure comportamentali per contenere una futura ondata di influenza.

Un sottotipo di virus dell’influenza è stato eradicato

I virus dell’influenza che infettano l’uomo si dividono in influenza A e influenza B. Entrambi i tipi sono classificati in sottotipi. Ai sottotipi di influenza A vengono dati nomi come H1N1 nell’influenza suina. L’influenza B è suddivisa in ceppi e denominata dal luogo di insorgenza.

Mi piace ora Team di ricerca su Vijaykrishna Dhanasekaranum in un articolo Ha mostrato, pubblicato da Nature Communications, che nessun virus dell’influenza B era stato rilevato dalla linea Yamagata dall’aprile 2020: misure igieniche e di comunicazione potrebbero aver causato la sua morte. In un’altra importante linea B, la linea di Victoria, è sopravvissuta solo una variante. Anche molti tipi di influenza A si sono estinti.

Queste misure avrebbero dovuto anche avere un impatto sull’influenza: l’influenza è molto meno contagiosa del SARS-CoV-2. Il valore R, ovvero quante persone infetta in media un contagiato, è 2. Solo nel caso dell’omicron, invece, il valore R è paragonabile al morbillo, ovvero tra 12 e 18. (Conti RKI qui)

Immunità indebolita ai virus dell’influenza

Il numero inferiore di influenza dal 2020 potrebbe aver ridotto l’immunità della popolazione. BAG non se lo aspetta, perché comunica on demand. D’altra parte, lo scienziato infettivo Christophe Vaux è più cauto: “Il sistema immunitario non è stato addestrato sull’influenza per due anni. Se anche il prossimo virus dell’influenza è una specie davvero nuova, dovremmo aspettarci una stagione influenzale più grave”.

Qualcosa del genere può ancora accadere, in particolare la ricombinazione di ceppi principali, osserva lo scienziato delle infezioni Fox. Perché questo succede ancora in Asia, dove le persone si avvicinano molto ai maiali e ai polli. “Una volta che inizierai a viaggiare di nuovo, il rischio aumenterà di nuovo.”

La probabilità dell’effetto aumenta nei bambini di età inferiore ai due anni: poiché neonati e bambini piccoli non sono ancora stati in grado di sviluppare l’immunità a causa dell’epidemia, tre gruppi di età sono ora esposti al virus contemporaneamente. Pertanto, ci si dovrebbe aspettare più infezioni nel prossimo inverno. La malattia non dovrebbe essere più grave per questo motivo.

Difficoltà con la produzione del vaccino

Sebbene l’influenza sia solo un fastidio per la maggior parte delle persone, può rappresentare una vera minaccia per i gruppi vulnerabili. Fattori di rischio – simili al Covid-19 – età e malattie pregresse. Per aiutare questi gruppi, ogni anno viene sviluppato un vaccino per proteggere dai sottotipi di influenza più comuni.

La situazione attuale rappresenta una sfida per lo sviluppo del vaccino. Perché secondo lo studio di cui sopra, i diversi ceppi influenzali non sono distribuiti a livello globale come lo erano prima della pandemia. Invece, ci sono focolai regionali. Ciò rende difficile prevedere quali varianti del virus domineranno nella prossima ondata e devono essere combattute con i vaccini.

A causa della presunta immunodeficienza, un buon vaccino che funzioni contro tutti i tipi di influenza sarà ancora più importante. I progressi della ricerca danno speranza per un vaccino così universale, anche grazie ai vaccini mRNA.

Fino ad allora, i contatti rimanenti dovrebbero essere attentamente monitorati in modo da poter interagire con loro in una fase iniziale.

READ  4 segni che la tua salute mentale sta soffrendo