Febbraio 25, 2024

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Le istituzioni finanziarie esitano: Putin spinge le banche russe nei territori occupati

Le istituzioni finanziarie esitano: Putin spinge le banche russe nei territori occupati

Le istituzioni finanziarie esitano
Putin spinge le banche russe nei territori occupati

Ascolta il materiale

Questa versione audio è stata creata artificialmente. Maggiori informazioni | Invia la tua opinione

La Russia sta rafforzando il suo dominio sulla parte dell’Ucraina meridionale annessa in violazione del diritto internazionale. Il presidente Putin sta esercitando pressioni anche sulle istituzioni finanziarie. Finora le banche non sono state disposte a seguire l’esempio.

Il presidente russo Vladimir Putin ha invitato le banche del suo Paese a non esitare e ad operare nei territori annessi all'Ucraina. “Ciò che temevano prima, le sanzioni, è accaduto molto tempo fa”, ha detto Putin a Mosca durante un incontro sullo sviluppo socio-economico nella regione. “Bisogna andare in queste zone più attivamente e lavorare lì”, ha detto secondo la TASS.

Nel 2014, la Russia ha annesso la penisola di Crimea all’Ucraina in violazione del diritto internazionale. Dopo l’invasione del 2022, Mosca ha dichiarato territorio russo anche le regioni amministrative ucraine di Donetsk, Luhansk, Zaporizhia e Kherson, in violazione del diritto internazionale. Le forze russe controllano militarmente solo una parte di queste terre. Le banche russe erano già caute nell’intervenire in Crimea a causa delle sanzioni occidentali. La loro rappresentanza è rara anche in altre regioni.

Putin ha parlato della rapida integrazione delle regioni nelle strutture russe. Il leader del Cremlino si è posto l'obiettivo di portare le regioni che, come lui stesso afferma, storicamente appartenevano alla Russia, allo standard di vita medio russo entro il 2030. Ha affermato che due milioni di persone ricevono già pensioni regolari e altri pagamenti. Entro il 2025 dovrebbero esserci cinque milioni di persone. La potenza occupante, infatti, vincola il pagamento delle pensioni e dei benefici sociali agli ucraini che vivono lì e accettano passaporti russi. La paura di essere deportati dalla propria patria spinge anche alcune persone a scambiare il passaporto ucraino con uno russo.