Dicembre 8, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Le grandi città d’Italia introducono la necessità delle mascherine

Prima dell’arrivo di un gran numero di acquirenti prima del Natale, molte grandi città italiane stanno introducendo mascherine obbligatorie nei centri cittadini. Il nuovo sindaco di Roma Roberto Gualtieri ha ora firmato un’ordinanza.

Di conseguenza, da questo sabato al 31 dicembre la maggior parte delle persone del centro cittadino dovrà uscire con la bocca e il naso coperti. Tra le vittime ci sono le famose attrazioni turistiche nelle vie dello shopping di Piazza de Specna e Via del Corso.

Norme simili sono già in vigore nelle città del nord Italia di Milano, Bergamo e Bologna. A Torino, capoluogo del Piemonte, il sindaco Stefano Lo Rousseau ha firmato un’ordinanza che impone alle persone in alcune zone del centro cittadino di indossare mascherine per tutto il giorno e in alcune zone solo dalla sera al mattino successivo. In Italia, gli esperti sanitari del governo hanno ripetutamente sottolineato l’importanza delle mascherine per proteggere dall’infezione da virus corona.

Regola 3G su hotel e trasporti pubblici

Dal 6 dicembre, le regole 2G si applicheranno a molte parti del paese. Da lì chiunque voglia andare in bar, ristoranti o eventi dovrà dimostrare di essere stato vaccinato contro il Govt-19 o di essersi ripreso dalla malattia. Queste regole si applicano a livello nazionale fino al 15 gennaio. Successivamente, solo nelle aree divise in zone corona con regole rigide.

Le nuove normative di Roma rendono difficile la vita quotidiana, soprattutto a chi non è vaccinato. Dal 15 ottobre in Italia sono in vigore le regole 3G sul posto di lavoro. Questa restrizione sarà ora estesa agli hotel, al trasporto pubblico locale e al trasporto ferroviario regionale. Finora, sui trasporti a lunga distanza devi solo dimostrare di essere stato vaccinato, che il test è stato negativo o che sei guarito.

READ  Gli Stati Uniti apriranno le frontiere terrestri ai viaggiatori vaccinati "all'inizio di novembre".

Le prove digitali o stampabili per la vaccinazione e il recupero, ad esempio, in Italia sono chiamate “pass verde”. Ora dovrebbe perdere la sua validità dopo nove mesi invece di dodici.

Pagina iniziale