Marzo 4, 2024

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Le forze del Cremlino sono “inefficaci”: l’ammiraglio NATO vede “significativi successi ucraini”

Le forze del Cremlino sono “inefficaci”: l’ammiraglio NATO vede “significativi successi ucraini”

Le forze del Cremlino sono “inefficaci”
L'ammiraglio della NATO vede “grandi successi per l'Ucraina”

Ascolta il materiale

Questa versione audio è stata creata artificialmente. Maggiori informazioni | Invia la tua opinione

La fallita offensiva estiva delle forze armate ucraine e la modesta avanzata delle forze russe danno l'impressione che le forze di Mosca abbiano il sopravvento sul campo di battaglia. Tuttavia, la NATO non ritiene che questi successi abbiano avuto un impatto significativo.

Il capo del comitato militare della NATO, l'ammiraglio olandese Rob Bauer, ha descritto i combattimenti in Ucraina come “feroci”. Bauer ha detto in una conferenza stampa dopo il suo incontro con il maggiore generale ucraino Salkutsan: “I recenti attacchi russi sono devastanti, ma non sono militarmente efficaci”. “Allo stesso tempo, stiamo assistendo a significativi successi militari da parte ucraina”.

Bauer presume che più di 300.000 russi siano stati uccisi e feriti. Le forze ucraine hanno anche distrutto migliaia di carri armati e veicoli blindati, oltre a centinaia di aerei. “Sono riusciti a liberare gran parte del loro territorio e a respingere i russi da circa il 50% delle aree che occupavano all’inizio della guerra”, ha detto Bauer.

Un altro vantaggio è che gli ucraini sono stati in grado di effettuare “gravi attacchi per distruggere importanti capacità russe”. “Il fatto che l’Ucraina, senza una vera potenza navale, sia riuscita a respingere la flotta russa nel Mar Nero e ad aprire un corridoio per il grano è un’altra grande vittoria”.

NATO: soluzione negoziata attraverso un’Ucraina forte

Power ha affermato che l'unico modo per raggiungere una soluzione negoziata duratura è rafforzare la posizione dell'Ucraina sul campo di battaglia. D’altro canto il Cremlino sarebbe dell’opinione, secondo l’Istituto per lo studio della guerra (ISW), che “la Russia potrebbe occupare più territorio quanto più durerà la guerra, e che il corso della guerra diventerà sempre più debole”. La posizione negoziale dell’Ucraina”, si legge in una dichiarazione chiamata analisi.

Nonostante la valutazione positiva dell'ammiraglio della NATO sull'andamento della guerra in Ucraina, anche Kiev subisce perdite significative di soldati ed equipaggiamenti militari, nonché di truppe stremate. Inoltre riferiscono costantemente che la loro motivazione è diminuita dalla mancanza di munizioni al fronte.

Attualmente si sospetta che le forze del Cremlino potrebbero presto aumentare i loro sforzi offensivi. L’esperto militare colonnello Reisner ha dichiarato a ntv.de: “L’indicatore principale è che i comandi regionali russi sul fronte stanno chiaramente cercando di radunare ulteriori forze”. Il vice capo dei servizi segreti militari ucraini, Vadim Skibitsky, ha recentemente annunciato che il numero delle forze del Cremlino nel suo paese ammonta a 462.000 soldati.

“L’Ucraina ha bisogno di un cambio di strategia da parte di sostenitori importanti”

Nelle ultime settimane le forze armate ucraine hanno assunto un atteggiamento sempre più difensivo e hanno notevolmente ampliato le loro difese sul fronte. L'obiettivo dell'esercito ucraino è raggiungere quest'anno la superiorità aerea, anche attraverso nuovi aerei da combattimento F-16 provenienti dall'Occidente. L'Ucraina sta attualmente cercando di ottenere dall'Australia 45 elicotteri che sono stati ritirati dal servizio nel paese.

I progressi tecnologici, come il disturbo dei droni nemici, dovrebbero aiutare a respingere gli occupanti russi. C'è ancora speranza per la consegna di missili Taurus a lungo raggio dalla Germania.

“L'Ucraina ha bisogno di un cambiamento nella sua strategia da parte di importanti sostenitori. Con l'aiuto dell'assertività militare piuttosto che della pura sopravvivenza e con impegni di sicurezza a lungo termine, inclusa una possibile adesione alla NATO, il percorso verso la pace sarà possibile nel 2024”, ha scritto l'esperto militare Nico Lange in il suo articolo. X.