Maggio 24, 2024

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Le filiali potrebbero essere chiuse: la tradizionale catena tedesca deve dichiarare fallimento

Le filiali potrebbero essere chiuse: la tradizionale catena tedesca deve dichiarare fallimento

Una tradizionale catena di pizzicamento tedesca. Puoi leggere qui come dovrebbero andare le cose per i rami.

Pizzicamento del rivenditore Schlemmermeyer. Questa è una freccia Responsabile fallimentare Ora con. L’azienda con sede a Monaco ha 16 filiali a livello nazionale, oltre alla sua casa madre a Monaco, tra cui Bonn, Amburgo, Karlsruhe, Dusseldorf e Stoccarda.

La causa delle difficoltà finanziarie è un cambiamento nel comportamento di acquisto. Sebbene sia ancora possibile assorbire i problemi causati dalla pandemia di Corona e dalla chiusura, nonché le catene di approvvigionamento interrotte, l’elevata inflazione ha portato a una riluttanza all’acquisto.

Anche la carenza di personale gioca un ruolo nei problemi attuali, secondo l’ufficiale ad interim per l’insolvenza Dr. Legale Michael Jaffe. Recentemente, l’azienda ha realizzato un fatturato di circa 7 milioni di euro.

Rivenditore di specialità gastronomiche Schlemmermeyer: per ora la vendita continua dopo il fallimento

Schlemmermeyer’s, che vende specialità gastronomiche e cibi in scatola, ha presentato istanza di fallimento.

Foto: Immagini Imago

Le vendite continueranno per il momento nelle 16 filiali. Anche i salari e gli stipendi di circa 130 dipendenti saranno garantiti attraverso fondi di insolvenza fino alla fine di luglio. L’obiettivo ora è mantenere il maggior numero possibile di filiali e posti. Secondo Jaffe, la situazione iniziale è difficile.

Le singole filiali di Schlemmermeyer registrano perdite significative, mentre altre, come quella del Viktualienmarkt di Monaco, realizzano profitti costanti.

Questo non è il primo fallimento di Schlemmermeyer. L’azienda, fondata nel 1975, ha dovuto presentare istanza di fallimento nel 2019, ma ha trovato un nuovo investitore che ha permesso di proseguire la filiera del cibo in scatola.

Altri lettori sono interessati anche a: