Gennaio 30, 2023

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Le donne nella regione conservatrice chiedono la rivoluzione

Anche nel sud-est dell’Iran le donne stanno scendendo in piazza per protestare. La provincia del Sistan-Baluchestan è particolarmente conservatrice.

Venerdì le donne della provincia del Sistan e del Baluchistan, nel sud-est dell’Iran, si sono unite alle proteste a livello nazionale contro la leadership islamica conservatrice del paese. Le registrazioni video circolate su Internet mostrano decine di donne nelle strade di Sahedan, capoluogo di provincia, con in mano striscioni con la scritta “Donna, vita, libertà”, uno degli slogan più famosi del movimento di protesta iraniano. L’area, abitata principalmente da musulmani sunniti, è considerata molto conservatrice.

“Hijab o no, avanti verso la rivoluzione”, hanno cantato le donne che indossano lunghi abaya neri nei video su Twitter, ha confermato AFP.

In Iran le proteste contro la leadership sciita a Teheran vanno avanti da settimane. Il motivo è stato l’omicidio della donna curda di 22 anni Mohsa Amini – è stata arrestata dalla polizia morale a metà settembre perché indossava il velo in modo inappropriato. Gli attivisti affermano che Amini è stato maltrattato dalla polizia.

Caricamento in corso…

inclusione

Tu: Finora hai ucciso 448 persone

Da allora le forze di sicurezza hanno ucciso almeno 448 manifestanti, di cui almeno 128 nel Sistan-Baluchestan, al confine con il Pakistan, secondo l’Organizzazione iraniana per i diritti umani con sede a Oslo.

Il direttore di IHR Mahmoud Ameri Moghaddam ha affermato che le proteste delle donne in Sahedan sono “davvero rare”. Negli ultimi due mesi, gli uomini sono scesi in piazza dopo la preghiera del venerdì. “Le proteste in corso in Iran sono l’inizio di una rivoluzione della dignità”, ha detto Ameri Moghaddam. Le donne e le minoranze che per decenni sono state trattate come cittadine di seconda classe stanno ora rivendicando i loro diritti fondamentali durante le proteste.

READ  Regno Unito: il primo ministro Johnson è sopravvissuto a un voto di sfiducia

“La minoranza più perseguitata”

Le donne della minoranza beluci sono tra le “più represse” in Iran, Amiri Moghadam ha aggiunto che le loro proteste sono state le migliori da quando sono iniziate le manifestazioni in tutto il Paese.

Secondo gli attivisti, molti degli uomini sono scesi di nuovo in piazza e hanno cantato: “Non vogliamo un governo che uccida i bambini”, come mostrano le immagini pubblicate su Internet. In un video rilasciato da IHR, si possono vedere le forze di sicurezza sparare proiettili e gas lacrimogeni contro manifestanti di sesso maschile a Taftan, una città del Sistan-Baluchistan.

Nel frattempo, l’agenzia di stampa ufficiale IRNA ha riferito che le autorità avevano convocato diplomatici stranieri 12 volte dall’inizio delle proteste – “in risposta a pressioni senza precedenti” esercitate su Teheran dai loro Paesi. Secondo IRNA, il ministro degli Esteri Hossein Amir Abdollahian si è lamentato in una conversazione telefonica con il segretario generale delle Nazioni Unite Antonio Guterres delle “azioni degli Stati Uniti e di altri paesi occidentali per fomentare disordini in Iran”.